Ti faccio le lasagne con il ragù (ma con il ragù di lenticchie)

Tempo di lettura: 2 minuti

Del “ragù” di lenticchie non se ne parla mai abbastanza. Una valida alternativa vegetale gustosa e incredibilmente versatile. Oggi facciamo le lasagne ma nulla ci vieta di provarlo con la pasta, riso e cereali. È buono anche da mangiare così, con del pane.

La preparazione è talmente semplice che spiace pure spiegarla. Di sicuro questo ragù rimane sempre un buon modo per assumere legumi (leggi: far assumere legumi anche ai più restii/bambini) mangiando qualcosa di davvero goloso.

Come ti dicevo la preparazione è talmente semplice e imbarazzante che non starò qui a spiegartela. Si procede come nel classico ragù solo che al posto della carne tritata metti le lenticchie.

Io faccio così:

carota, sedano e cipolla tritati finemente in olio extra vergine d’oliva e poi butto le lenticchie. Le faccio “tostare” un po’ come fosse per risotto per intenderci. Poi pian piano aggiungo un po’ di brodo giusto per farle cuocere un po’ e poi vado di salsa di pomodoro; meglio se di pachino per mio gusto. Allungo con pochissimo brodo vegetale di tanto in tanto ma il segreto è fare non tanto bordino. Il “ragù” di lenticchie deve essere molto corposo e non troppo liquido. Deve essere perfetto e bello denso.

Poi per le lasagne procedi come al solito: un po’ di besciamella, le lasagne, il “ragù” di lenticchie, formaggio se vuoi e parmigiano e  Repeat. Ti assicuro che per queste lasagne, anche i più tradizionalisti e restii alle versioni veg, fanno il bis.

Sullo stesso argomento:
Papà RunLovers, Auguri!
CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.