La Grande Fuga

Articoli correlati

Alberto Venturelli, correre all’indietro per andare avanti

Il terzo racconto per il progetto Brooks #TellUsYourHappyStory è quello di Alberto Venturelli, il "retrorunner". Ma non va letto all'indietro, mi raccomando

Francesco Sanna: la corsa che rivoluziona e diventa vita

La corsa può essere una svolta che rivoluziona la tua vita e quella di chi ti circonda. Come nella storia di Francesco, uno dei racconti selezionati per il progetto Brooks #TellUsYourHappyStory

Sandra Callegarin: forza all’ennesima potenza

Iniziamo a pubblicare i tre racconti selezionati per il progetto Brooks #TellUsYourHappyStory. Per farlo, oggi, ci vestiamo tutti di rosa e rendiamo il mondo sicuramente più bello perché oggi si parla di Sandra Callegarin e del suo progetto RunYourLifeAgain

Quando l’obiettivo di correre forte incontra i 30 anni

La passione e il rapporto "d'amore" con la corsa ti fanno andare oltre i tuoi limiti. Ecco cosa significa essere velocisti a trent'anni.
Lacriticahttp://benedettasaglietti.com/
Benedetta alias "la critica" osserva, legge e ascolta. Ha il pallino della corsa. Correre è anche una scusa per ascoltare e conoscere nuova musica.

Tempo di lettura: 2 minuti

Capita di avere solo venti minuti e di voler fare un giro dell’isolato di corsa.

È il momento della Grande fuga di Beethoven, il santo patrono dei runner.

Cominciamo però da una fuga di Bach semplice da seguire:

Fatta questa passeggiatina in montagna, con i nostri bravi scarponcini ai piedi, abbiamo capito grazie a Bach che sì, camminare ci piace. Ci appassioniamo e le nostre imprese diventano un po’ più ardue. Finché un giorno, con confidenza in noi stessi, cominciamo a sognare una grande vetta.

Penso al Monte Bianco. Mille storie affascinanti, un capolavoro della natura. Un simbolo.

Sebbene non sia neanche un’escursionista della domenica, ogni volta che ascolto – senza mai stancarmi – la Grande fuga la mia mente va ai grandi scalatori. Anch’io da ascoltatrice ho fatto certa una fatica prima di arrivare lassù. Dopo aver superato tutti gli ostacoli… eccoci qui.

Questa Fuga è un equivoco…

Beethoven doveva comporre un Finale per il suo Quartetto op. 130 e si lasciò prendere un po’ la mano. Il suo editore gli disse: «No, no, no. È troppo lunga», e gli propose di “staccarla” dal resto del Quartetto, rendendola un brano autonomo. E così fece.

Questa Fuga non è per tutti

Seguire una fuga è in generale abbastanza complicato: dipende da quante voci è composta e da quanto sono intricate.

Per me questa Fuga è come una meditazione o una preghiera. Ripulisce dalle scorie della vita quotidiana e rigenera. Beethoven ci conduce per mano a una quota si è inebriati dalla mancanza di ossigeno. Gira la testa.

Quando corro con questa musica, la mia scalata personale del Monte Bianco in 16 minuti, resto sempre, sempre senza parole, poiché lo spettacolo che si vede lassù lascia senza fiato.

La visualizzazione è realizzata con la Music Animation Machine è di Stephen Malinowski.

All-in-one

Infine, il Quartetto op. 130 insieme alla Grande fuga, così come Beethoven l’aveva pensato all’inizio.

(Photo credits: Franco Pecchio)

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Vegan Banana Bread

Conoscono tutti il Banana Bread e di sicuro anche tu. È un pane alla banana tipico statunitense composto da purea di banana. Quella che...

Gli effetti del caldo sul corpo

Cosa succede al tuo corpo quando fa caldo? RunLovers te lo spiega.