La giusta frequenza

Ti sei mai chiesto come facciano i Top Runner a correre a quelle velocità smodate? Io si, e anche spesso, e la risposta che mi sono sempre dato è che la velocità fosse legata all’ampiezza delle loro falcate. Peccato che non sia esattamente così.

La frequenza prima di tutto

Nella corsa degli atleti di alto livello e, negli amatori in maniera ancora più incisiva, quel che conta è sicuramente la falcata ma c’è qualcosa che risulta essere ancora più importante: la frequenza dei passi in corsa. Da una ricerca compiuta da alcuni allenatori è emerso come praticamente nessuno dei top runner in circolazione corra con una frequenza inferiore ai 180 passi al minuto. Ed anzi, quando è il momento di accelerare tale frequenza va aumentando.

180 passi al minuto, non sono un’enormità?

A dire il vero la risposta può variare a seconda del vostro stile di corsa. Io ho provato a fare qualche esperimento e a contare il numero dei passi che eseguo generalmente (puoi farlo anche tu, è semplicissimo, conti le battute di un piede in un minuto di corsa e poi le moltiplichi per due) e ho riscontrato come la mia media sia generalmente di 178 passi al minuto. Quando provo ad impegnarmi un po’ di più ecco che, in maniera naturale, la frequenza aumenta arrivando anche a superare il valore di 180.

LEGGI ANCHE:
Meglio allenarsi con o senza musica?

Come sfruttare questo elemento

Questa cosa della giusta frequenza può essere usata in due modi differenti. Il primo utilizzo è di tipo tecnico, il secondo di tipo mentale.
Dal punto di vista tecnico è bene controllare ogni tanto come stiamo correndo e una verifica sulla frequenza che stiamo tenendo può darci la conferma o meno che l’azione di corsa sia ancora ottimale.
Per quel che riguarda l’aspetto mentale invece, capita a volte che durante le nostre uscite di corsa ci ritroviamo ad essere stanchi. Manca ancora un po’ alla fine della seduta, non vorremmo mollare ma una voce dentro di noi ci invita ad arrenderci. Ecco allora che lo stratagemma di contare i passi può aiutare a distrarsi dalla stanchezza. Io faccio spesso così. Mi concentro su quell’elemento e, almeno per qualche minuto, non penso alla fatica che sto provando.

Canzoni a 180 bpm

Ovviamente, se parliamo di bpm, non può mancare un riferimento alla musica. Ascoltare musica a 180 bpm ci aiuterà sicuramente a mantenere la giusta frequenza. Esistono nel web vari siti che elencano canzoni a questa frequenza come il sito jog.fm che pubblica musica dedicata al popolo del running e ha creato una apposita sezione.
Altre le puoi trovare nella playlist spotify creata da RunLovers.

LEGGI ANCHE:
Il muscolo più importante

Bene, ora che sai tutto sulla giusta frequenza, sei autorizzato ad uscire a correre e a farci sapere la tua personale frequenza di corsa. Siamo curiosi di vedere quanti tra i nostri lettori corrono già alla giusta frequenza!

CONDIVIDI
Giacomo Gobbo (detto Jack Lucarelli): di giorno veste i panni di un comune impiegato del catasto (o qualcosa del genere), uscito dal luogo di lavoro si cambia all'interno di una cabina telefonica e veste i panni di un Runner. L'avvento dei cellulari gli ha complicato enormemente la vita in quanto non trova più cabine all'interno delle quali cambiarsi. E i parcheggi delle aree di servizio sono luoghi per scambisti quindi l'operazione risulta essere altamente pericolosa. Ogni tanto parte in missione per conto di diomede, suo vicino di casa, e va a correre maratone e gare di trail di lunghezza spropositata. Ha un'insana passione per le storie sulla corsa e tende a riproporle, anche qui dentro, conciliando il sonno del pubblico.

9 COMMENTI

  1. Interessantissima informazione tecnica. Questa mattina, nella consueta ora in palestra, ho misurato la mia frequenza sul rullo (160 passi/Minuto). Da appassionato di jogging e allenandomi per la mia prima mezza maratona, colgo l’occasione per congratularmi con questo blog, conosciuto solo la settimana scorsa, scritto da veri appassionati e intenditori. Molte notizie interessanti, Bravi !

  2. ohhh, ottimo articolo! Aspetto fondamentale e sottovalutato: a bassa frequenza, tipico del 90% dei runner, si usa troppa forza e poca elasticità muscolare.

    • Ma la frequenza si può alzare senza modificare la velocità? Perchè i TOP runner mica corrono, SFRECCIANO! :D Io che vado la metà come faccio?

      • è irrilevante, la frequenza cambia molto poco, perchè conservano il lavoro elastico, quello che cambia è l’ampiezza della falcata quando vanno piano.
        Io viaggio al lento tra 5′ e 5’15” con una frequenza tra 178 e 185 passi al minuto su asfalto (ma sono favorito dalle minimal in questo)

  3. Articolo molto interessante. Sarebbe interessante tenere sotto controllo la frequenza in modo “automatico”…consigliate il foot pod da associare al garmin 610?
    Ho visto che ci sono diverse opzioni che però quasi sempre richiedono l’ausilio di uno smartphone e non trovo la soluzione molto comoda.
    Grazie!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.