Boot Camp: il training all’aria aperta secondo Nike

Il boot camp è un tipo di allenamento svolto all’aria aperta combinando diverse discipline: corsa, train, pesi (con oggetti), esercizi a corpo libero, corda, salti, skip ecc.
Ha un nome un po’ militare, no? Infatti deriva proprio da un tipo di allenamento molto intenso ma che dà grande soddisfazioni sviluppato per preparare fisicamente le truppe.
Nato negli US da qualche anno è ormai popolare anche in Europa poiché combina l’esercizio intenso e la vita all’aria aperta. Allenarsi in un bosco o in un campo può essere molto meglio che al chiuso di una palestra, no? Sì.

Lunar Cross Elements

Nike_Lunar_Cross_Element_1_31004

Come si raggiunge un boot camp? Con le tue scarpe ai piedi, possibilmente correndo, anzi: correndo! Le Lunar Cross Elements combinano quindi elementi tipici della scarpa da running (ammortizzazione morbida e reattiva nel tallone ma anche nell’avampiede, visto che si usa in molti esercizi da boot camp) e la leggerezza richiesta ad un paio di scarpe che devi sollevare molto più in alto che in una normale corsa. Le Lunar Cross Elements sono in vendita al prezzo di 110 euro.

LEGGI ANCHE:
adidas Originals Run Mid by Alexander Wang

Nike_Lunar_Cross_Element_2_31005 Nike_Lunar_Cross_Element_3_31006 Nike_Lunar_Cross_Element_5_31008

Un murales umano: Nike Tight of the Moment by Flavio Samelo&Jayelle Hudson

 

E l’abbigliamento più giusto per un boot camp? Nike ha chiesto a due artisti brasiliani – i fotografi Flavio Samelo e Jayelle Hudson – di usare i suoi più recenti Pro Bra come tele da dipingere con elementi urbani mutuati dall’architettura della città (la specialità di Flavio Samelo) e della natura, passione di Jayelle. Il risultato è una collezione di pants e bra dall’alto contenuto tecnico e di grande bellezza grafica. Segno dell’interesse di Nike per le collaborazioni con il mondo dell’arte figurativa (altre ce ne saranno nei prossimi mesi).

NTM_x_Foco_Bonito_4_31099NTM_x_Pulso_Forte_2_31090 NTM_x_Pulso_Forte_4_31098NTM_x_Energia_Vivaz_compo 

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.