Running in New York

Articoli correlati

Scarpe per tutti

Una vostra domanda, magari anche tua che stai leggendo, ci ha dato lo spunto per questa puntata. Un ascoltatore ci ha chiesto di parlare...

Otto consigli per evitare i più comuni errori nella corsa

Ti piacciono le chacklist? Questa ti aiuterà a capire se hai fatto tutto quello che dovevi fare per goderti la corsa e tenerti alla lontana dagli infortuni

Dolore? Ecco alcuni rimedi naturali

Se hai dolori di lieve o gestibile entità e non vuoi prendere farmaci, ci sono diversi rimedi naturali o mentali che puoi usare

Si riesce a correre con la mascherina?

Si può correre con la mascherina? Ci abbiamo provato e...
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 3 minutiQuante strade ci sono a New York? Quante avenue? E quindi quanti semafori? Correre a New York può essere un’attività frustrante perché ogni pochi passi, proprio appena si è preso lo slancio giusto, si viene interrotti da una fermata improvvisa e costretta, da un gruppo di persone, da uno stop. Eppure a New York tutti corrono, a tutte le ore, in ogni luogo: marciapiedi, parchi, in mezzo alla strada.
E’ una città che topograficamente e toponomasticamente parrebbe poco propensa a questa attività, eppure incredibilmente l’uomo vi si è adattato con intelligenza e elasticità. Tutti corrono a New York, perché la città invita ad essere esplorata e perché – quasi come un’estensione di quanto già scritto su queste pagine – un modo per conoscerla è proprio quello non di percorrerla, ma, letteralmente, di correrla.
Vediamo un po’ come.

1. No direction

Se partite da una casa o dall’albergo non avete altra alternativa che muovervi lungo i marciapiedi. Non fissate una meta (salvo quella di tornare al punto di partenza, ovviamente), ma iniziate a correre. La regola del semaforo impone che, se lo trovate rosso, quello che regola il traffico della strada perpendicolare sarà verde. Girate quindi in quella direzione. Spostatevi quindi lungo l’itinerario che i verdi vi permettono di seguire. Lo scopo è correre un certo tempo o per una certa distanza. Non badate a medie, tempi ecc. Correte e basta, dove la segnaletica vi permette. Tenete a mente una direzione generica, tipo sud o est. Cercate di andare in quella direzione per poi raggiungere un certo punto e infine tornare indietro, magari non per la stessa strada. Se c’è sole è facile orientarsi grazie alle ombre. Saprete sempre – con un po’ di concentrazione – dove si trovano i punti cardinali e certi landmark newyorchesi visibili quasi da ogni punto della Grande Mela (l’Empire State Building, per esempio) vi guideranno. New York poi è riconoscibile nelle sue parti per il tipo di edificio: gli ex stabilimenti manifatturieri di Soho, le basse case di Greenwich Village, i grattacieli eleganti e slanciati di Madison Avenue, per dirne alcuni. In ogni zona capirete bene o male dove vi trovate.

2. Set the place

Invece di definire la media che volete tenere (il pace, appunto) scegliete un luogo: Central Park, per esempio, o Prospect Park a Brooklyn. Il primo è ottimo perché potrete correre gli ultimi 10 km della celebre maratona e avere un’idea di cosa significhi essere lì e averla quasi finita (anche se vi mancano i precedenti 31 km). Se risiedete distanti da questi luoghi, vestitevi da corsa, uscite e prendete la metro. In 20 minuti al massimo li raggiungerete da ogni parte di Manhattan. Non preoccupatevi di come siete vestiti, nessuno a New York vi baderà nemmeno se siete nudi, tranquilli. Arrivate sul luogo del delitto e correte, correte, correte. E se Central Park non vi basta, andate sulla nuovissima High Line, una vecchia sopraelevata ora riadattata a parco urbano: potrete correre fra i vecchi binari e fra esotiche piante. A dieci metri di altezza. Dove potreste farlo se non a New York? Non vi basta ancora? Correte allora lungo l’East River: accanto alla pista ciclabile potrete immettervi nel flusso dei moltissimi runner che corrono fra i vecchi pier (moli) commerciali e fra i depositi di taxi e corriere.

Ma New York è una città cosmopolita e senza orari. Vi hanno detto che è meglio correre al mattino o mai dopo cena? Andate a New York per vedere contraddetta questa teoria. Là si corre anche a mezzanotte, con la pioggia o con un freddo insostenibile. La corsa è nell’animo dei newyorchesi che così si sfogano e vivono (anche) questa straordinaria città che – per il sistema viabilistico e il traffico che ha inviterebbe ad altre occupazioni – e invece è la patria di ogni runner.

 

Altri articoli

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

La corsa fa male alle ginocchia?

Hai male alle ginocchia? Colpa tua che corri! E invece no: non è detto e la corsa potrebbe essere l'ultimo problema

Il nuovo spot Nike per dirci che ci rialzeremo

Nike ha fatto un nuovo spot in cui non parla dei suoi prodotti ma della sua visione del mondo. E dice che i campioni sono quelli che non smettono mai di sperarci. E tu sei così?

Brooks Adrenaline GTS 20, la stabilità è comodissima

La ricerca dell'equlibrio e della leggerezza in un tutto armonico: ecco le Brooks Adrenaline GTS 20

Si farà la maratona di New York?

Il sindaco Bill de Blasio, comprensibilmente, dà risposte evasive

Forse non tutti sanno che, running edition

Una serie di notizie e curiosità gustose e spassosissime tanto quanto inutili, ma non si può mica essere sempre seri, no?

U pani cunzatu (il pane condito siciliano)

U pani cunzatu, il pane condito della tradizione siciliana incredibilmente buono. Una preparazione povera diventata un'istituzione.

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Scelti dalla redazione

Le app per allenarsi bene

App ce ne sono moltissime ma quali scegliere per rendere il nostro allenamento più facile ed efficace? Ecco la selezione delle nostre preferite.

Come scegliere il portacellulare per correre

Il cellulare è ormai un accessorio indispensabile per i runner: da chi lo utilizza per monitorare i propri progressi a chi non rinuncerebbe mai...

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.