CONDIVIDI

Dopo lo stretching (del quale parleremo presto in maniera approfondita), in queste giornate fredde un po’ di riscaldamento aggiuntivo può essere necessario. Riscaldamento che dura circa 20/25′, può anche diventare sostitutivo di un’uscita facile e lo si può fare ovunque. Figo, no?! Ma bando alle chiacchiere ed eccovi l’elenco degli esercizi.

1 – Salto con la corda
Saltare la corda, ginocchia leggermente inclinate, atterrando sempre sugli avampiedi.

2 – Balzi laterali
Flettere le ginocchia di circa 45° e saltare lateralmente di circa 2/3 metri, atterrare con leggerezza e sempre con le ginocchia piegate. 10 balzi per lato, riposo di 40″ poi un’altra serie.

3 – Piegamenti
Partendo con le ginocchia flesse, fare piegamenti sulle ginocchia, schiena dritta, talloni a terra per circa 20 volte.

4 – Su le punte!
Appoggiate la schiena al muro, i piedi in avanti. Mantenendo i talloni a terra alzate le punte dei piedi il più possibile per circa 20 volte.

5 – Karate Kid
Appoggiate una mano al muro per mantenere l’equilibrio, alzate una gamba e, contemporaneamente, piegate l’altra fino ad arrivare con il ginocchio flesso circa a 90°. Ripetere invertendo gamba. 15 ripetizioni per lato.

6 – Affondi
Affondi sulle gambe, senza piegare mai il ginocchio in affondo per più di 90°, gamba posteriore leggermente flessa.

7 – Scale
Fate le scale, step, a ritmo, un gradino alla volta.

8 – Salta!
Piedi paralleli, leggermente più larghi delle spalle, ginocchia leggermente flesse e SALTA PIÙ in altro che puoi. Attenzione: atterra sempre sull’avampiede e fletti le ginocchia per assorbire l’impatto.

Bene, adesso puoi uscire. Sei caldo!!!

 

(credits immagine principale: ©iStockphoto.com/RichVintage)

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.