AUTORE

Matteo Torre

49 POSTS
2 COMMENTS
Matteo Torre (detto Tower): Matteo è una creatura poliedrica come neanche le lame miracle blade. Nuota, pedala e corre come Bud Spencer, Luigi Malabrocca e Linus di Radio DeeJay. In seguito ad un incidente con il tapis roulant ha battuto la testa e si è persuaso di essere un uomo di ferro. Per dimostrarlo a se stesso, prima che a tutti gli altri, anziché provare a volare con l'ausilio di razzi propulsori e a sconfiggere i cattivi ha deciso di iscriversi ad un IronMan. Che è impresa molto più difficile, oltre che per niente aggratis! Ma lui ce la farà e noi godremo dei ricavati del suo successo scroccandogli il pass per la festa di fine gara.

Tutti per tre, uno per tutti

La magia del triathlon nel fine settimana del Challenge Rimini 2014

Il senso delle Asics Gel-Super J33 per il corto veloce… e non solo

Quando ho aperto la confezione delle Asics Gel-Super J33 sono rimasto un po' perplesso. Sul tavolo accanto alla scatola c'era la scheda prodotto che...

La prima volta non si scorda mai

La prima corsa non si scorda mai. Esattamente come il primo bacio.

Ironman Florida 2013: l’atto finale (2/2)

Mesi e mesi di preparazione e poi: l'atto finale. L'Ironman Florida. Questo è il racconto di una gara all'ultimo respiro (parte 2/2).

Ironman Florida 2013: l’atto finale (1/2)

Mesi e mesi di preparazione e poi: l'atto finale. L'Ironman Florida. Questo è il racconto di una gara all'ultimo respiro (parte 1/2).

L’arrivo e la nuova partenza

La preparazione di un Ironman non è solamente un fatto fisico o mentale. È un percorso complicato che per il nostro Matteo arriva a compimento oggi e non conta il risultato finale perché il percorso di preparazione è stato un'esperienza straordinaria. Eccola.

Ciclista per caso

Cosa succede quando un triatleta prova a farsi accettare nel gruppo dei ciclisti con il coltello tra i denti?

Fuga da Alcatraz, quando il triathlon diventa estremo (seconda parte)

I triathlon più estremi del mondo, solo su RunLovers! (parte seconda)

Fuga da Alcatraz, quando il triathlon diventa estremo (prima parte)

I triathlon più estremi del mondo, solo su RunLovers (parte prima)

Perché in fondo corriamo con le gambe

C’è questa frase che da qualche chilometro continua a girmi in testa a ciclo continuo “corri-solo-con-le-gambe- corri-solo-con-le-gambe” ma ne prendo coscienza solo adesso che...

Volata finale

Che differenza passa tra un allenamento che predilige la Qualità alla Quantità? E l'intensità alla Durata?

Dream big

A volte la motivazione del traguardo più vicino non è sufficiente. A volte bisogna pensare in grande, altre ancora bisogna sognare in grande!

News più recenti

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe

Nike Air Zoom Tempo NEXT%: ammortizzazione e propulsione

La famiglia NEXT% di Nike si allarga con l'arrivo delle tempo. Pensate per allenamenti veloci e gare, nascono per essere veloci, propulsive e ammortizzate.

Le donne sono sempre più veloci e resistenti

La biologia ci insegna che il corpo maschile prevale su quello femminile. Ma fino a un certo punto (o a una certa distanza)