Pietro Paschino

Pietro corre, sempre. Anche due volte al giorno. Si narra che, a causa di tutte le scarpe che ha consumato, i negozi specializzati gli stendano un tappeto rosso per favorire il suo ingresso tra squilli di trombe e urla di tripudio. Pietro è una persona meravigliosamente incoerente: prende la corsa con serietà ma ci scherza su; ama la Sardegna e gli manca la Norvegia. Pietro racconta in modo stupendo la corsa vissuta da uno che la pratica con amore viscerale, e questa è la cosa più importante.

A caccia del Record del Mondo sulle strade di Londra

Tra le tantissime cose che sono cambiate nelle nostre vite in questi mesi c’è anche, soprattutto per noi RunLovers, l’impossibilità o quasi di partecipare...

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

i post più recenti

Allenarsi senza pensieri

Ciao, sono Sandro e ho un problema. Adesso dovresti dire «Ciao Sandro», come durante le riunioni dei PA, i Problematici Anonimi. Un problema che,...

Goditi la vita con il bikepacking

Di sicuro te li ricordi: avevano i calzini bianchi, i sandali, delle bici cariche come elefanti indiani e soprattutto erano brutti.  Parlo dei cicloturisti tedeschi...