Tutto quello che puoi trovare ai ristori

E tutto quello che invece non vorresti mai trovarci.

Durante la gara – qualsiasi tipologia di gara – i ristori sono un’oasi felice. Quando corri su strada magari nemmeno ti ci fermi e in ogni caso le soste sono solitamente ridotte allo stretto necessario: una sorsata e via. Quando corri in mezzo alle montagne – quando i chilometri aumentano e il numero di ore che prevedi di stare fuori spesso è a due cifre – le cose sono leggermente diverse e il ristoro può essere enormemente salvifico quanto una trappola mortale.

Cosa può andare storto? Principalmente due cose.

  1. Una volta che ci sei arrivato non trovi quello di cui avresti bisogno. Mi è capitato di arrivare con le borracce completamente vuote e scoprire che avessero finito l’acqua, non benissimo quando il successivo punto acqua è magari 10-15 km più avanti. Mi è capitato di arrivare affamato (dopo 40-50 km) e trovare solo banane liofilizzate e una manciata di mandorle: da allora del cibo vero, del cibo degno di questo nome, è sempre pronto in una tasca segreta del mio zaino. Infine mi è capitato che il ristoro proprio non ci fosse. Sì, hai capito bene. Il ristoro era regolarmente segnalato sul sito della gara, era indicato sul pettorale, e invece il nulla. Qui le cose potrebbero mettersi veramente male, anche solo psicologicamente è un’esperienza devastante che – spero che non ti capiti, ma se ti capita – puoi superare solo grazie alla fratellanza e all’aiuto reciproco di chi sta correndo con te.
  2. La seconda trappola è invece il caso opposto. Il ristoro è bello, caldo, accogliente. Ricco di tutte le prelibatezze che desideri, con una poltrona reclinabile e un abbonamento Netflix a tua disposizione. Ti ci adagi. Il corpo si scalda ma le gambe si raffreddano. I minuti diventano mezz’ore e ripartire diventa sempre più difficile e improbabile.

Ma di cosa ci si nutre poi a questi benedetti ristori? Ecco un piccolo elenco non esaustivo di tutto quello che ricordo di aver trovato. No, non ho assaggiato proprio tutto tutto.

Liquidi

Acqua naturale, acqua gasata, sali minerali, cola, succo di frutta, tè freddo, spremuta, energy drink, birra, vino.

Solidi

Cracker, arancia, limone, banana, banana disidratata, fragole, mela, mela essicata, cioccolato, patatine, nachos, popcorn, crostata, cheese cake, muffin, mix frutta secca, mix frutta disidratata, gel, barrette proteiche, formaggi (parmigiano, fontina, brie, caciotte varie), salame, mortadella, prosciutto, speck, ananas, pasticcini, panino al formaggio, panino al prosciutto, sottaceti, pane, pane carasau, caramelle gommose, confetture varie, crema di nocciole, burro di arachidi, patate, batate (sì, con la b), pomodori, sale grosso, uva, anguria, focaccia.

Hot

Caffè, tè, brodo di pollo, pastina, riso bianco, pasta in bianco, pasta al ragù, pasta al pomodoro, polenta, crema di patate, funghi trifolati, vin brulè, salsicce, salamelle, lingua con salsa verde e acciughe.

Facciamo così, teniamo questo elenco aggiornato: se manca qualcosa, se tu hai trovato altro, scrivilo nei commenti e lo aggiungiamo.

 


Cover photo by Jay Wennington on Unsplash

Altri articoli come questo

4 COMMENTS

  1. Dimmi dove hai trovato i nachos che mi iscrivo subito! Aggiungerei l’anguria che è stata la mia salvezza all’UTMB ;-)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.