お好み焼き

お好み焼き

Eh?

Okonomiyaki!

Eh?

Letteralmente ciò che vuoi (okonomi) alla griglia (yaki). L’Okonomiyaki somiglia a un gigantesco ripieno con tanta roba sopra ma pure a una bella frittatona. Di fatto però molti lo reputano la pizza giapponese. Fa niente, tanto non è né un pancake, né una frittatona, né una pizza giapponese. È un okonomiyaki. Ha una sua incantevole storia e tradizione. Perché se noi italiani ci arrabbiamo vedendo gli spaghetti in forno con la feta o conficcati dentro i wurstel, i giapponesi sono sempre dei Signori a non dircene quattro sul fatto che una cretina a caso come Iaia Guardo l’abbia fatto anche con la farina di ceci in versione vegana.

E sai perché? Perché si fa con le uova. C’è poco da fare. E oggi ne faremo uno insieme davvero buono, facile e veloce. Tradizionale. In onore di Gatto Giuliano (sì, giuliano di Kiss me Licia) che ne andava PAZZO! Ricordi quando urlava “Polpettaaaaaa!!!!!!” ?!?!? Ecco. Non era una polpetta, ma un okonomiyaki. Triste destino il suo in fatto di riconoscimento ufficiale.

  • 100 grammi di farina di grano tenero
  • 3 grammi di lievito in polvere non vanigliato meglio se per ricette salate
  • 1 uovo
  • 120 grammi di dashi
  • 180 grammi di cavolo bianco
  • 30 grammi di cipollotto fresco
  • Se ce l’hai il tenkasu ma non è necessario
  • Salsa okonomiyaki (che trovi negli etnici se vuoi ma non è necessaria)
  • Maionese
  • Katsuobushi (che trovi negli etnici ma per una versione veg non è necessaria)
  • Alga nori sbriciolata sopra a me piace tantissimo. Dà quel tocco in più.
  • Se vuoi anche pancetta o fette di maiale, ma io la faccio in versione vegetariana.

 

In un recipiente metti farina, lievito e uovo. Aggiungi il brodo dashi (se non ce l’hai va benissimo anche del brodo vegetale classico o acqua soltanto ma insaporisci di più in quel caso). Devi ottenere una consistenza liscia e omogenea. Metti da parte e fai riposare.

Adesso taglia cipolla, cavolo tutto abbastanza grossolanamente. Ma in verticale è in mente. Trascorsi 10 minuti circa da quando hai preparato la pastella aggiungi a questa il cavolo e il cipollotto. A me piace mettere anche tanta radice di zenzero grattugiata ma fai tu. Dipende dal tuo gusto. Amalgamare per bene tutti gli ingredienti e questa sarà la base del tuo buonissimo okonomiyaki.

Fai scaldare una padella con olio di sesamo o semi, fai tu, e metti metà dell’impasto (ti vengono due okonomiyaki abbastanza grande). L’altezza non deve superare i due centimetri e mezzo circa. Versa e spargi per bene dando una forma tonda. Se vuoi usare la pancetta, quando la base è abbastanza cotta. Aggiungila sopra, metti il coperchio e poi gira. Occorreranno almeno 8 minuti ma anche 10 perché il fuoco deve essere basso. Una volta capovolto l’ononomiyaki ricopri di nuovo e lascia ultimare la cottura.

Metti su di un piatto. E aggiungi maionese, salsa speciale e alga nori se vuoi.

Un piatto che non dimenticherai e di cui sono sicura, ti innamorerai.

Io ormai lo faccio in infinite variazioni anche con ortaggi e verdura che ho in casa.

 

Altri articoli come questo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.