Altra Vanish Tempo: sprinter, ma per tutti

Nel panorama delle scarpe da strada veloci si affacciano, con forza, le Vanish Tempo di Altra. Le abbiamo provate, ecco come vanno!

PAGELLA

COMFORT
9
ESTETICA
8.5
STABILITÀ
8
INTERSUOLA
9.5
TOMAIA
8
REATTIVITÀ
8.5
AMMORTIZZAZIONE
8.5
RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO
8

Fino a qualche anno fa, quando si parlava di scarpe per correre in gara o in allenamenti veloci, si pensava a scarpe rigide e poco ammortizzate, con l’idea che il piede potesse così sentire l’asfalto nel miglior modo possibile. L’evoluzione delle intersuole e lo sviluppo di nuovi materiali ha fatto sì che l’associazione secchezza-velocità andasse via via scemando, e si sta procedendo anzi verso lo sviluppo e il miglioramento di modelli che abbiano sia una componente ammortizzante che la capacità di restituire al piede la sensazione di contatto diretto con il terreno.
In quest’ottica, Altra ha lanciato sul mercato le Vanish Tempo, un modello tutto nuovo che, come si può intuire dal nome, è pensato per correre allenamenti veloci o gare e che non bada a spese in termini di comfort e ammortizzazione.

ALCUNI DATI TECNICI

Le Vanish Tempo sono un po’ le sorelle minori delle Vanish Carbon, da cui ereditano una buona parte del design – almeno a un primo sguardo – e le soluzioni di ammortizzazione, ma con delle importanti differenze. La principale è l’assenza della piastra di carbonio, che ha consentito ai progettisti di aggiungere soluzioni votate al comfort senza avere un aumento di peso eccessivo e rendere le scarpe più runner friendly, ampliando la platea di possibili utilizzatori. Le Tempo pesano circa 240 grammi nella misura US 9 (il 42,5 europeo), e sebbene sviluppate per chi ha propensione alla corsa di avampiede e corre in con appoggio neutro, il bilanciamento complessivo della scarpa le rende adatte anche a chi ha una leggera pronazione.

La struttura della tomaia a rete è di tipo calzante e segue quindi la forma del piede, fasciandolo senza stringere, con i lacci che poggiano sulla linguetta imbottita restando ben saldi, anche quando si fa un unico nodo. La calzata è aderente e confortevole, la parte strutturale della scarpa mantiene il piede in posizione e sebbene la geometria rocker tenda a far andare in avanti il corpo anche durante la camminata, non c’è mai la sensazione di scivolamento del piede nella scarpa.

COM’È CORRERCI

Se dovessi descriverlo nel minor numero di parole possibile, direi: molto bello. Le Vanish Tempo si comportano benissimo in tutte le occasioni in cui ho avuto modo di testarle. Siano corse a passo tranquillo, siano prove sulle ripetute o allunghi, le nuove arrivate di casa Altra rispondono alla chiamata senza sbavature, garantendo stabilità e una ottima presa sull’asfalto. Da questo punto di vista, probabilmente, premia la scelta di utilizzare per il battistrada una gomma più dura rispetto a quanto visto sulle Vanish Carbon, che controbilancia l’assenza della piastra di carbonio. Per lo stesso motivo, soprattutto sulle corse a passo meno sostenuto, si percepisce in maniera più netta il riempimento dell’arco plantare da parte della schiuma EGO™ PRO, che va ad accarezzare il piede al momento del contatto col suolo.

D’altronde, lo scopo di questa scarpa è quello di accompagnarci nel maggior numero e tipo di corse possibile e non solo o prevalentemente in gara – ma saranno in grado di farlo, se glielo chiederai – pertanto queste scelte da parte di Altra sono più che ragionate e azzeccate. Come negli altri modelli della casa americana che abbiamo potuto provare in questi mesi, anche per le Vanish Tempo si può rimarcare la sensazione di libertà di cui gode tutta la parte anteriore del piede, che può muoversi in maniera naturale grazie all’ampia gabbia di contenimento dell’avampiede, fattore che contribuisce a mantenere una elevatissima aderenza e sicurezza nei cambi di movimento e direzione.

IN BREVE

Le Vanish Tempo di Altra mi hanno felicemente sorpreso e sono entrate di diritto nella mia top ten delle scarpe provate fino a ora, e per quel che riguarda i modelli del marchio americano le posizionerei sul podio insieme alle Vanish Carbon e le Rivera 2. Sono scarpe versatili e piacevoli da indossare e che possono essere utilizzate senza grossi problemi di adattamento dalla stragrande maggioranza dei runner, sia che si voglia fare la nostra corsetta giornaliera, sia che le si voglia utilizzare per spingere un po’ o correre qualche gara fino alla Mezza Maratona e forse anche oltre. Anche esteticamente centrano il bersaglio, il design è semplice e moderno e l’accostamento di colori piacevole, perché alla fine è vero che i runner sono un po’ civettuoli per certe cose e in Altra sanno che anche l’occhio vuole la sua parte.

Trovi le Altra Vanish Tempo nei migliori negozi di abbigliamento sportivo e nello store Altra al prezzo di 190 euro.

Altri articoli come questo

2 COMMENTS

  1. Ciao ragazzi,

    Grazie mille della recensione, sempre ottima.

    E da tempo che stavo pensando a un paio di scarpe più veloci di marca Altra (o Topo).

    So che a volte se non si corre davvero veloci non ha tanto senso prenderle, io faccio i 10K a circa 47-48’ , il lento a 5’40’’ e peso 65kg, dite che ci sto dentro o magari ci sono altre soluzioni?

    Vi ho scoperto da poco e ho scaricato vari episodi del vostro podcast, il ‘cambio gomme’ della scorsa estate è qualcosa che qualsiasi runner dovrebbe ascoltare, puntata fantastica!

    Un abbraccio

    Davide

    • Ciao Davide!
      Guarda, queste Altra Tempo sono scarpe leggere e che possono ben adattarsi a qualsiasi peso e passo, a patto però che, se corri un po’ più lentamente, la tecnica sia ottimale per il tipo di scarpa (a pianta larga e con drop nullo). Per i dati che hai scritto, secondo me potresti utilizzarle senza problemi.
      A presto!

      Pietro

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Altra Vanish Tempo: sprinter, ma per tuttiFino a qualche anno fa, quando si parlava di scarpe per correre in gara o in allenamenti veloci, si pensava a scarpe rigide e poco ammortizzate, con l’idea che il piede potesse così sentire l’asfalto nel miglior modo possibile. L’evoluzione delle intersuole e lo...