PUMA Faster+, la velocità più veloce

Ancora più veloci: PUMA si prepara così alle Olimpiadi di Tokyo, assieme ai suoi velocissimi atleti

Tempo di lettura: 2 minutiPUMA affronta le imminenti Olimpiadi di Tokyo dotando i suoi atleti di scarpe progettate per farli accelerare ancora di più e lanciarli nella dimensione della velocità+.

Per riuscirci lo fa progettando con il team di F1 Mercedes AMG Petronas le scarpe dei velocisti, dei saltatori a ostacoli e dei saltatori in alto. Perché questa collaborazione con la F1? In primo luogo perché da anni PUMA fornisce ai piloti le scarpe usate in gara e anche perché la tecnologia impiegata nelle monoposto più veloci al mondo è stata impiegata nelle nuove PUMA olimpiche: il carbonio è infatti lo stesso usato nella struttura dei bolidi.

“È fantastico che nelle mie scarpe io abbia effettivamente la fibra di carbonio che andrà nelle auto della Formula 1 su cui corre Lewis Hamilton”, ha detto Andre de Grasse, velocista canadese dei 100m e 200m. Ed è lo stesso entusiasmo che comunica Karsten Warholm, ostacolista norvegese, detentore del record mondiale, campione del mondo e campione europeo: “Quando fai uno sprint, hai un tempo di contatto molto breve con il terreno, solo 1 secondo, quindi vuoi che il piatto risponda molto rapidamente. Pertanto, voglio che il carbonio sia abbastanza rigido da ottenere il ritorno prima di lasciare il terreno. Questo mi aiuta a correre ancora più veloce”.

Il risultato è EVOSPEED TOKYO FUTURE FASTER+, una scarpa leggerissima di soli 135 grammi, con una tomaia con filamenti in carbonio montata su una suola realizzata in piastra in carbonio, progettata da Mercedes AMG Petronas, con perni in titanio permanenti.

EVOSPEED TOKYO FUTURE FASTER+ è invece la scarpa usata da De Grasse per realizzare i suoi record di velocità: meno secca e con una certa ammortizzazione grazie all’uso della schiuma NITRO, pesa 199 grammi.

Dai circuiti di Formula 1 alle piste di atletica: PUMA è pronta per nuovi record. Ai piedi dei suoi atleti, più veloci di sempre.

Altri articoli come questo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.