Le scarpe da running e la sostenibilità

Vuoi correre in modo il più possibile responsabile ed ecologico? Ecco alcune scarpe che fanno per te

Tempo di lettura: 4 minuti

Partiamo da una constatazione: guardando una scarpa da running – quasi qualsiasi scarpa da running – ci si può stupire per l’elevato grado di sofisticazione tecnologica raggiunto o se ne può apprezzare il design ma difficilmente la prima cosa che ci viene in mente è che possa anche essere sostenibile.

Cosa si intende innanzitutto per sostenibile? Che abbia impatto nullo o molto limitato sull’ambiente, parlando ovviamente di sostenibilità ambientale. Chiariamo subito un altro aspetto fondamentale: la sostenibilità non si limita all’oggetto scarpa in sé ma anche a come viene prodotto, trasportato, usato (da te) e poi smaltito. È quello che si chiama “ciclo di vita di un prodotto”: quanto più contenuta è l’impronta ambientale di un prodotto industriale, tanto più lo si può considerare sostenibile.

Ritorniamo alla nostra scarpa: la tomaia è in mesh di chiara derivazione plastica o, quando è realizzata in una tela tessuta, non tradisce mai la sua origine non propriamente naturale. A loro volta, le schiume dell’intersuola sono più elastiche che naturali.
Le nostre amate scarpe da running non sembrano precisamente le cose più ecologiche che usiamo per correre.

Questo è vero in gran parte ancora oggi e lo era di certo anni fa ma ultimamente bisogna fortunatamente registrare che sempre più aziende stanno dimostrandosi più sensibili all’aspetto ambientale e stanno studiando soluzioni alternative.

Gli esempi virtuosi

La svizzera On è una di queste: il suo modello Cyclon ha una tomaia realizzata in Ricinus Communis, volgarmente detto “ricino”. L’intersuola e la suola sono in PEBAX, un elastomero termoplastico interamente riciclabile., al 100% riciclabile e grazie al sistema di produzione usato per ottenere la schiuma ammortizzante ed energizzante, sono capaci di un ritorno di energia pari al 65%. Cioè comporta, anche grazie al fatto che le parti (tomaia e intersuola) sono unite a caldo, che per produrle non è usato alcun tipo di colla, rendendole di fatto riciclabili al 100%. e non lo si può possedere.

L’unico modo per averlo è sottoscrivere un abbonamento mensile che dà diritto ad averne un modello nuovo recapitato direttamente a casa dopo 600 km di utilizzo o comunque almeno due volte all’anno. Calcolatrice alla mano, fanno circa 180€ a paio, un prezzo assolutamente in linea con i modelli della concorrenza.

Ma On non è la sola: anche Salomon ha lanciato nell’aprile di quest’anno il progetto Index.02, una scarpa da running unisex che costa 200€ e che è composta da una tomaia in poliestere riciclato e da un’intersuola che, arrivata a fine vita, può essere sminuzzata e seppellita. Nella confezione, infine, c’è un tagliando per rispedire (gratuitamente) la scarpa ormai esaurita a diversi centri di raccolta che si occupano del suo riciclo.

Altro progetto interessante è quello di adidas chiamato FUTURECRAFT.FOOTPRINT, il primo modello sviluppato assieme ad Allbirds e che sarà disponibile al grande pubblico nella primavera del 2022, minimalista e con un impatto ambientale complessivo (produzione, imballaggio, trasporto e smaltimento) pari a meno di 3kg di CO2 per paio, cioè il 60% in meno di un modello tradizionale. adidas, va inoltre ricordato, è da anni una delle aziende più sensibili ai temi ambientali, a partire dalla sua collaborazione con Parley, grazie alla quale molti suoi prodotti sono creati utilizzando plastiche recuperate dagli oceani.

Come dicevo all’inizio, la sostenibilità di una scarpa non è però data solo dal suo essere riciclabile: è tutto il suo ciclo di vita a dover essere sostenibile. In questo senso l’approccio più completo e recente è quello di Brooks che, con le nuove Ghost 14, ha lanciato il suo primo modello in gran parte riciclabile che inaugura la strada che l’azienda americana ha intrapreso per arrivare a essere carbon neutral entro il 2030. Per farlo, oltre all’utilizzo di parti che contengono almeno il 30% di plastiche riciclate e altre provenienti da materiali interamente riciclati, Brooks vuole colmare l’inevitabile (per ora) impatto ambientale finanziando il ripopolamento boschivo, a compensazione dell’anidride carbonica sviluppata nei processi industriali, con la prospettiva di annullarlo del tutto.

Un futuro più responsabile

L’impegno da parte di molti brand pare esserci. È plausibile che molti altri, se il mercato si sensibilizzerà in quel senso, seguiranno il loro esempio. Una parte molto importante deve però essere fatta da noi: non solo scegliendo i prodotti in base alla loro sostenibilità ambientale ma anche partecipando attivamente al loro smaltimento. Il riciclo è infatti l’aspetto sul quale le aziende hanno meno – se non nessuno – potere: dal canto loro possono solo dimostrarsi disposte a ricevere le scarpe consumate e a riciclarle, ma la responsabilità di spedirle è tutta a carico nostro.

Le soluzioni, anche se parziali, ci sono e sempre di più ce ne saranno. In un futuro sempre più prossimo dovremo però condividire questa responsabilità con le aziende, non solo comprando e correndo con scarpe sostenibili ma anche smaltendole con criterio, grazie ai piani predisposti dai singoli brand.
Uno sforzo relativo per un obiettivo molto importante: far concludere in maniera sostenibile il ciclo di vita di una scarpa sostenibile. Chiudendo il cerchio, insomma.

(Parzialmente ispirato da “Can Running Shoes Become Sustainable?” su Triathlete)

Altri articoli come questo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.