La formula del successo

Vuoi migliorarti in maniera costante e progressiva? Una formula semplice ti spiega come.

Tempo di lettura: 3 minutiSecondo te il cambiamento da cosa è generato? Lasciando perdere quello determinato da fattori esterni (pandemie, carestie, eventi naturali), se fossi solo tu a decidere, quale sarebbe il cambiamento più radicale e sconvolgente che riusciresti ad apportare alla tua vita?

Molti risponderebbero senz’altro “La corsa”. In effetti, specie per chi è sempre stato sedentario, correre ha il sapore dell’avventura inaspettata, o una cosa che mai ti saresti aspettato avresti fatto, e invece. Eppure se ci pensi con attenzione, nemmeno la corsa – per quanto abbia modificato e a volte rivoluzionato la tua vita – è arrivata improvvisamente e tutto in una volta. Non hai iniziato a fare i 10 km improvvisamente, dopo decenni di sedentarietà. Ci sei arrivato poco alla volta, metro dopo metro.

Senza saperlo hai applicato la formula del successo. Non l’hai fatto forse in maniera scientifica ma intuitivamente: hai apportato un piccolo progresso, allenamento dopo allenamento.

Hai già qualche indizio per capire di cosa sto parlando.

La formula, quella matematica

In termini matematici questa è la formula:

1,01 365 = 37,78

Come hai notato, l’esponente (365) è stranamente coincidente con i giorni dell’anno. In effetti si tratta proprio dei giorni dell’anno. Il fattore 1,01 non è altro che l’unità maggiorata del suo 1%. Confuso? Non ti posso biasimare. Detta a parole è più semplice: la formula – ideata da un insegnante giapponese – dice che un miglioramento dell’1% ogni giorno si traduce in un miglioramento su base annua di 38 volte. Facendo insomma una cosa ogni giorno l’1% meglio o più a lungo del giorno precedente, su base annua si migliora non di qualche punto percentuale ma di ben 38.

È interessante notare che esiste anche la formula inversa, e cioè: cosa accadrebbe se ogni giorno ti applicassi l’1% di meno a far qualcosa? Ecco qua:

0,99365 = 0,03

Come vedi dopo il segno di uguale ora c’è un numero che è quasi nullo. In altre parole, se ogni giorno facessi qualcosa un 1% peggio del giorno prima, a fine anno non miglioreresti per niente.

Hai due minuti di tempo?

Basta matematica: ora facciamo pratica

Pensa a qualsiasi cosa tu faccia con costanza: correre, per esempio (ma va bene davvero qualsiasi cosa). Se ti migliori progressivamente, poco alla volta, alla fine accumuli miglioramenti su miglioramenti. Se fai anche impercettibilmente sempre meno, finirai per azzerare qualsiasi progresso. Il problema del miglioramento incrementale è che non provoca effetti immediati e richiede molta pazienza. Il suo vantaggio è però che migliorare un po’ alla volta – poco poco, anche solo l’1% – in un periodo lungo ma non infinito si traduce in un miglioramento molto significativo.

Pensalo applicato alla corsa: correre domani un 1% in più di oggi significa che se hai corso un’ora, ti basterà correre domani 36 secondi in più di oggi. Non è per niente molto ma nel lungo periodo fa il miracolo. Ovviamente questo è un calcolo teorico: non correrai tutti i giorni ma quello che devi tenere a mente è che se ti migliori anche di poco ma costantemente – in qualsiasi cosa tu faccia – dopo un certo periodo l’incremento di prestazioni sarà incredibile.

Questo vale per ogni aspetto della tua vita, anche per la dieta: se ogni giorno mangi un po’ meno (o almeno non cedi alla tentazione di mangiare un po’ di più di ieri) riuscirai a stabilzzare il tuo peso e a controllarlo. A volte anche a diminuirlo.

Non si tratta insomma di applicare ciecamente una formula come se fossi una macchina ma di tenere a mente che le piccole modifiche alla tua vita, in bene o in male, producono nel lungo periodo cambiamenti importanti: in meglio o in peggio.

 

 

Avatar
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Altri articoli come questo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.