Il Glossario dell’ultrarunning – D

Francesco "Paco" Gentilucci ci spiega il vocabolario dell'ultrarunning

Tempo di lettura: 3 minuti

L’ultrarunning è una comunità formata da persone… strani individui che comunicano con un dizionario tutto loro. Ti può capitare di sentir parlare due corridori e non capire bene cosa si stiano dicendo, e noi siamo qui per aiutarti!
Per curiosità, cultura personale e per puro divertimento ho raccolto lo slang e le parole più rilevanti che ti aiuteranno a comprendere questo magico mondo in tutte le sue sfaccettature.

D come…

DROPPARE

derivato dall’inglese to drop (“scaricare”), il termine viene utilizzato per esprimere l’azione di un corridore che va così forte da lasciare qualcuno indietro.
In particolare questo termine va a circoscrivere la situazione in cui un corridore droppa il suo pacer, che non può svolgere il compito di correre col proprio runner durante la gara.
In casi estremi viene utilizzato quando un atleta è così forte da lasciare indietro gli avversari in modo netto e decisivo.

Esempio:
Jim Walmsley ha droppato i suoi pacer e ora sta correndo per il record”

“La Dauwalter ha corso i primi 10 chilometri con le altre poi le ha droppate ed è arrivata tre ore prima della seconda”

Jim intento a droppare i suoi pacer durante la Western States

DNF

La sigla internazionale nemica di tutti i corridori: Did Not Finish (abbreviata con DNF).
Per molti corridori vero e proprio marchio di infamia, è chiaramente la sigla che viene attribuita in classifica a un corridore dopo che si ritira da una gara.

Uno dei due atleti nell’immagine avrà un DNF nel suo palmares, indovinate quale

DNS

Per completezza segnaliamo anche questa sigla che sta per Did Not Start, ovvero, quando un corridore non si presenta al via della gara dopo aver completato l’iscrizione.

DROP BAG

Sono le sacche per i rifornimenti che ogni atleta può lasciare, se consentito dal regolamento, sul percorso di gara. Queste sacche vengono di solito raccolte nelle aid station e contengono tutto il necessario che serve all’atleta per continuare. Gli atleti si occupano solitamente di preparare le proprie drop bag il giorno prima della gara (o giorni prima nel caso di atleti meticolosi). Contengono cibo, vestiti extra, pile di ricambio, frontali, guanti, creme solari e magari un cambio di scarpe se sono drop bag molto lontane dalla partenza.

Drop bags pronte alla aid station di Verment 100

DIRTBAG

DIRTBAG è una persona che prova a lavorare il meno possibile e spendere più tempo possibile vivendo le proprie passioni. È una persona talmente appassionata in ciò che fa che spesso non lavora affatto, vive alla buona, dormendo dove capita e mangiando cosa capita, con uno stile di vita il più delle volte con pochissimi consumi.
Nell’ultrarunning i DIRTBAG e la pratica del DIRTBAGGING è ancora molto diffusa.
Puoi trovare un approfondimento QUI

Un dirtbag dorme nel suo mezzo

Altri articoli come questo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.