Under Armour HOVR Machina: equilibrio tra ammortizzazione e leggerezza

Under Armour lancia oggi le nuove HOVR Machina, una scarpa in cui ammortizzazione, reattività e tecnologia si uniscono in un unico prodotto.

Articoli correlati

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

Lo strano caso delle scarpe LIDL

LIDL ha messo in vendita delle sneaker per cui tutti sono impazziti, fino a pagarle cifre assurde

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 3 minutiA un anno esatto dal lancio delle già ottime HOVR Infinite, Under Armour presenta le nuovissime HOVR Machina. Non un aggiornamento ma un modello nuovo che ha il 20% in più di ammortizzazione, maggiore reattività, maggiore ritorno dell’energia e un peso inferiore di 23 grammi, per un totale di 283 grammi.

Più veloci

Dal punto di vista dinamico, più leggerezza significa anche una maggiore efficienza nella corsa e, quindi, più velocità. Ma le caratteristiche principali delle Machina non si limitano a questo. Infatti – grazie all’inserimento di una piastra di propulsione a molla in Pebax® a 2 punte, riempita di carbonio – le nuove Machina migliorano la spinta e la fase di rullata.

Credo sia la prima volta che la piastra – caratteristica delle scarpe più veloci presenti nel mercato – viene inserita su una scarpa così ammortizzata. Certo non puoi aspettarti le prestazioni di una scarpa che pesa la metà ed è stata progettata solo per gareggiare, ma i benefici ci sono, soprattutto in termini di efficienza di spinta.

Da un primo test (la recensione approfondita arriverà in seguito), le Machina si sono dimostrate veloci ma senza essere così estreme da compromettere in alcun modo il comfort.

Più confortevoli

L’aumento del 20% di ammortizzazione si sente già ai primi passi, pur senza farla apparire in alcun modo cedevole. Comodità amplificata anche da una tomaia in mesh leggera, morbida e traspirante. Insomma, come avrai capito, stiamo parlando di una scarpa con cui – grazie al buon bilanciamento tra reattività e comfort – puoi affrontare ogni tipo di allenamento. Soprattutto nelle preparazioni ad alto volume in cui le elevate percorrenze rendono l’ammortizzazione e la protezione degli elementi fondamentali.

E se poi ci aggiungi anche un’ottima reattività, hai chiuso il cerchio!

Più connesse

Grazie all’inserimento di un chip nella scarpa destra, le Machina si collegano via Bluetooth con l’app MapMyRun di Under Armour (e presto anche per Apple Watch e i dispositivi Garmin) per un’analisi più precisa del passo con tempi di contatto con il suolo, angolo di appoggio e molti altri dati. Ma non è tutto perché, con l’introduzione del Form Coaching, l’analisi in tempo reale di tutti i parametri del passo permette a chi corre di capire quando la stanchezza porta a un movimento più scomposto e quindi meno efficiente e più rischioso in termini di potenziali infortuni. Una scarpa intelligente, insomma.

Ma ora la domanda che ci siamo posti tutti: perché il sensore non è presente in entrambe le scarpe? La risposta è molto semplice: per ottimizzare i costi e rendere così la scarpa comunque accessibile a ogni runner.

La mia opinione personale è che, nel mondo ideale, sarebbe bello se esistesse una versione “premium” con i sensori in entrambi i piedi.

In definitiva

Under Armour ha preso una direzione diversa per la sua HOVR Machina, cercando di unire ammortizzazione e prestazioni soprattutto per rivolgersi alle lunghe percorrenze. L’aggiunta tecnologica è una caratteristica molto importante, soprattutto perché si trasforma la scarpa non solo in un elemento meccanico ma anche in un supporto per l’analisi dei dati.

– Data di uscita: 7 febbraio 2020
– Drop: 8mm
– Peso (taglia uomo 9 US): 283 g
– Peso (taglia donna 7US ): 241 g

Maggiori info su: www.underarmour.it

- Advertisement -

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

Lo strano caso delle scarpe LIDL

LIDL ha messo in vendita delle sneaker per cui tutti sono impazziti, fino a pagarle cifre assurde

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

La bici nell’Ironman

Per molti versi, la prestazione in un ironman si decide nella frazione in bici. Ecco come affrontarla, pianificarla e gestirla al meglio.

Correre con il caldo

Se non vuoi rinunciare a correre anche d'estate e col caldo, almeno fallo seguendo i consigli di RunLovers.