U pani cunzatu (il pane condito siciliano)

Si può viaggiare anche con la fantasia

Articoli correlati

La Caesar Salad rivisitata di jamie Oliver

Perché a Jamie Oliver non si può non voler bene e si perdona pure l'aglio nella carbonara. Ah no. Questa non gliela perdoniamo. Ma andiamo avanti.

Centrifugato, mon amour!

Cetriolo, Sedano e lime ma anche Anguria, fragole e pomodoro. Due centrifugati buonissimi!

Josh Amberger: il triathlon? Fallo a modo tuo!

Josh Amberger - triatleta vittorioso in 11 Ironman 70.3 - ci racconta la sua esperienza con allenamento, alimentazione e integrazione

Non hai il lievito? Facciamo il pane, dai!

Abbiamo parlato del lievito la scorsa settimana e dell'importanza sociale che ha assunto in questo determinato periodo storico. Oggi prepariamo insieme del pane ma...
Iaia Guardohttp://www.maghetta.it
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla ad Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? È figlia di un grande maratoneta. Ha pubblicato per Mondadori scalando le classifiche e donando alla Ricerca per il Cancro il suo ricavato. Continua a scrivere, disegnare, cucinare, fotografare inarrestabilmente.

Tempo di lettura: 2 minutiAhhh. Un pani cunzatu. In Sicilia è una vera e propria istituzione, soprattutto nel periodo primaverile ed estivo. U pani cunzatu, ovvero il pane condito, viene condito quando è ancora caldo caldo con abbondantissimo olio extra vergine d’oliva, formaggio, pomodori, olive e origano. Ci sono infinite varianti che prevedono l’uso anche delle acciughe sottolio, capperi, ricotta salata, salumi di tutti i tempi, tonno, verdure grigliate o fritte. Largo sfogo alla fantasia!

La base è quella di un pane -chiamato cucciddatu o vastedda- molto corposo e ricco. Con la crosta croccantissima e poca mollica morbida e avvolgente. L’olio è così abbondante che deve proprio bagnare e unire tutti gli ingredienti. Nelle isole Eolie, soprattutto a Salina, ci sono dei luoghi incredibili che sfornano e condiscono pani cunzatu in riva al mare. Una tradizione quello di mangiarlo guardarlo le onde, sulla barca o in spiaggia. Si avvolge nella carta da pane, tutta oliata, e lo tieni tra le mani caldo caldo per poi addentarlo e gustarlo.

La scelta del pane determina, chiaramente, la bontà. Ricordo con infinito amore quello di nonna appena sfornato dal forno pietra. Ancora oggi ci sono diversi fornai che propongono del pane eccellente o, senza andare troppo lontano, possiamo pure pensare di farlo in casa anche noi. Sono stati, per moltissimi, mesi di panificazione selvaggia e continuare a farlo potrebbe diventare davvero un’ottima idea.

Un piatto unico completo e incredibile. A me piace moltissimo solo con olio, pomodori secchi e olive nere siciliane; quelle morbidissime e grandi grandi che lasciano un sughetto in mezzo all’olio nero nero e strepitosamente buono. E tu? Lo hai mangiato u pani cunzatu?

Si può viaggiare anche con il cibo, i sapori, odori e tradizioni. Visto il periodo un bel pezzo di pani cunzatu pure sul balcone farà subito la differenza e creerà, con la fantasia che non ci è stata negata, quell’atmosfera. Sembrerà di essere sulle isole Eolie.

 

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

La Caesar Salad rivisitata di jamie Oliver

Perché a Jamie Oliver non si può non voler bene e si perdona pure l'aglio nella carbonara. Ah no. Questa non gliela perdoniamo. Ma andiamo avanti.

La playlist della primestate

Quest'anno la primavera è stata un po' strana, quindi abbiamo pensato di festeggiarla unendola all'estate. Con i più successi del momento!

Le gare virtuali sono il futuro, almeno quello più immediato

Prima di inorridire all’idea di una gara virtuale prova a pensare che ha anche i suoi punti forti

Brooks Virtual 5K per il Global Running Day: tutti insieme, anche fisicamente, in un’opera d’arte

Brooks, in occasione del Global Running Day, organizza una Virtual 5K per celebrare il running e creare un'opera d'arte con i partecipanti

Un modo per costruire la resistenza mentale

La resistenza fisica si allena con l’esercizio fisico. Quella mentale la si affina preparando la mente. A essere indifferente eppure focalizzata.

Nike Alphafly NEXT%: le scarpe dell’uomo più veloce del mondo sono in vendita

Dai piedi dell'uomo più veloce del mondo alla strada: le Nike Alphafly Next% del record di velocità sono in vendita

I vostri fuori soglia

Nella precedente puntata ti avevamo chiesto di raccontarci i tuoi fuorisoglia, quando cioè ti sei trovato in territorio sconosciuto, in tutti i sensi. Ecco sei dei vostri racconti.

Scelti dalla redazione

Siamo soli, facciamocene una ragione

La corsa è una metafora della vita, lo sappiamo bene. La fatica è nostra, i pensieri sono nostri, e la solitudine ne è una parte integrante. Che aiuta.

Una merenda perfetta i RunLovers

Un dolcetto che non si dimentica questo muffin -ma puoi fare anche plumcake, ciambelle o quello che ti piace di più- a base di banane.

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.