Topo Athletics Zephyr: il natural aggressivo

Dici "natural running" e non pensi a velocità. Finché non provi le Topo Athletic Zephyr e cambi idea

Comodità
9
Estetica
7
Tomaia
9
Suola/intersuola
9
Peso percepito
9
Protezione
9
Rapporto qualità/prezzo
7

Articoli correlati

Brooks Adrenaline GTS 20, la stabilità è comodissima

La ricerca dell'equlibrio e della leggerezza in un tutto armonico: ecco le Brooks Adrenaline GTS 20

Topo Athletic Magnifly 3, il natural comodo, molto comodo

Il natural running raramente è stato più comodo. E non può che far piacere

New Balance 1080 v10: evoluzione e rivoluzione

Tanta nuova tecnologia nella nuova versione delle New Balance 1080. Le abbiamo provate ed ecco come vanno, tra nuova tomaia e nuova ammortizzazione.

New Balance Fresh Foam Hierro v5, Il fascino intramontabile di Boston

Paco ha provato le New Balance Hierro 5, le nuove scarpe da trail dell'azienda statunitense. Ed ecco cosa ne pensa.
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 3 minutiNon lasciarti ingannare dalla categoria natural a cui queste Topo Zephyr appartengono. “Natural” nel loro caso non significa tranquille e rilassate ma indica solo delle caratteristiche tecniche. Quello che ti trasmettono invece, a partire dai dettagli e poi una volta indossate è che vogliono correre, e anche forte.

Lo capisci dalla linguetta contenuta e appena imbottita e dalla composizione della tomaia: tutto ciò che sta al di sopra dell’intersuola è pensato per pesare il meno possibile e per rendere al massimo. Il contenimento del peso e l’ispirazione corsaiola sono le sue caratteristiche prinicipali, e l’aspetto singolare è che si adattano a una scarpa che ha tutte le peculiarità dello stile natural: drop contenuto (5 mm), peso ridotto al minimo, pianta larga e puntale spazioso. Ogni dettaglio è studiato per spingerti a correre di avampiede ma sulla base di una mescola dell’intersuola che è secca e reattiva, e che trasmette un comportamento ancora più diretto grazie al contenimento di tutti i pesi.

Confidenza sin dall’inizio

Non c’è bisogno di capire le Topo Zephyr: appena le allacci le senti già adatte al tuo piede. Nessun profilo strano della suola, nessuna tomaia a cui abituarsi. Quello che provi è il desiderio di andarci a correre subito. Anche perché sono comode, anche se senti subito la strada sotto i piedi. Non lo definirei un modello “nervoso”: non scalpitano e non vedono l’ora di aggredire la strada. Sono anzi gentili sui tuoi piedi, eppure senti che la loro natura non è pacata: vogliono uscire e fare molti chilometri.

E allora portiamole fuori.

Lineari e pulite

Delle svariate di decine di chilometri percorsi con loro non saprei isolarne un gruppo in particolare. Una loro caratteristica unica è che non hanno un comportamento nei primi chilometri e uno diverso negli ultimi. La loro costanza di erogazione è sempre la stessa. Se analizzi però cosa sta succedendo ai tuoi piedi capisci che il loro lavoro è silenzioso ma evidente: il piede è infatti più fresco e riposato all’inizio e più scarico alla fine, eppure lo senti uguale dall’inizio alla fine. Segno evidente che nella prima parte della tua corsa loro hanno corso con te supportandoli discretamente mentre sono entrate in azione più avanti, supportandoli senza che te ne accorgessi neanche.

Raramente ho trovato scarpe capaci di essere così lineari nel comportamento: “sentire” di avere la stessa scarpa ai piedi, indipendentemente da quanto fresco o stanco è il tuo piede, non è frequente. Eppure le Topo Zephyr ne sono capaci.

Per chi sono?

La corsa natural divide ancora un po’: c’è chi è frenato ad acquistare scarpe che hanno questa vocazione, specie perché pensa che richiedano di essere capite e soprattutto che impongano una fase di adattamento. Le Topo Zephyr azzerano queste necessità perché danno subito una grande confidenza e non sono poi tanto diverse come feeling da quelle più tradizionali. Sotto il piede c’è sostanza e ammortiizzazione e lo spazio in più che concedono al piede – specie in punta – alla fine è gradito. Non le ho spinte a sessioni con chilometraggi molto estesi (al massimo 15 km) ma l’impressione più evidente è che ci fosse ancora moltissimo potenziale da dare. Le ho sentite insomma come scarpe da allenamenti veloci e tecnici ma per niente timide quando si tratta di prolungare i chilometraggi per restare a correre ancora a lungo.

Per questo si dimostrano indicate sia per i lavori veloci e tecnici che per quelli più lunghi e lenti. Sempre presenti, sempre pronte a erogare sostegno, velocità e stabilità.

Le Topo Athletic Zephyr sono disponibili nei negozi selezionati e sul sito Topo Athletic al prezzo di 170 euro.

 

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

La Caesar Salad rivisitata di jamie Oliver

Perché a Jamie Oliver non si può non voler bene e si perdona pure l'aglio nella carbonara. Ah no. Questa non gliela perdoniamo. Ma andiamo avanti.

La playlist della primestate

Quest'anno la primavera è stata un po' strana, quindi abbiamo pensato di festeggiarla unendola all'estate. Con i più successi del momento!

Le gare virtuali sono il futuro, almeno quello più immediato

Prima di inorridire all’idea di una gara virtuale prova a pensare che ha anche i suoi punti forti

Brooks Virtual 5K per il Global Running Day: tutti insieme, anche fisicamente, in un’opera d’arte

Brooks, in occasione del Global Running Day, organizza una Virtual 5K per celebrare il running e creare un'opera d'arte con i partecipanti

Un modo per costruire la resistenza mentale

La resistenza fisica si allena con l’esercizio fisico. Quella mentale la si affina preparando la mente. A essere indifferente eppure focalizzata.

Nike Alphafly NEXT%: le scarpe dell’uomo più veloce del mondo sono in vendita

Dai piedi dell'uomo più veloce del mondo alla strada: le Nike Alphafly Next% del record di velocità sono in vendita

I vostri fuori soglia

Nella precedente puntata ti avevamo chiesto di raccontarci i tuoi fuorisoglia, quando cioè ti sei trovato in territorio sconosciuto, in tutti i sensi. Ecco sei dei vostri racconti.

Scelti dalla redazione

Siamo soli, facciamocene una ragione

La corsa è una metafora della vita, lo sappiamo bene. La fatica è nostra, i pensieri sono nostri, e la solitudine ne è una parte integrante. Che aiuta.

Una merenda perfetta i RunLovers

Un dolcetto che non si dimentica questo muffin -ma puoi fare anche plumcake, ciambelle o quello che ti piace di più- a base di banane.

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.