Punizione

Articoli correlati

Blake Wood, l’anima di Hardrock 100

La storia di Blake Wood, di come sia passato dall'essere un designer e programmatore di armi nucleari al diventare un ultrarunner

10 passi per diventare un ultrarunner

Paco ci dà il suo personale vademecum su quali siano i passi per diventare un ultrarunner. E tutto ruota attorno alla parola "rispetto".

14 il numero magico. Il Nolan’s 14

Una scommessa fra amici: una distanza, un dislivello, 14 cime. Da raggiungere una dietro l'altra.

Lunga vita ai dirtbag!

Fa sicuramente discutere la riflessione di Paco sui Dirtbag e sul ruolo del lavoro nelle nostre vite. Ma è una riflessione sana, uno spunto su cui riflettere, che parte da un punto di vista diverso ed estremamente meritevole di rispetto.
Francesco "Paco" Gentilucci
Paco arriva dalla Repubblica Indipendente di Colferraio dove è libero di esprimere tutta la sua attitudine per l'ultrarunning. E lui, di ultra, ne sa parecchio visto che la sua passione sono le 100 miglia. E le sa raccontare, eccome se le sa raccontare!

Tempo di lettura: 2 minutiLa Professoressa è così arrabbiata che mi ordina di fare due giri di campo.
Dentro di me, esplodo di gioia.

Vado a correre mettendo ben in mostra una maschera di sfida, sperando che questo la faccia alterare ancora un po’ e sperando che mi costringa a correre altri due giri.
“Due giri di campo, subito!” dice.

Faccio il liceo, prima ginnasio. Fa’ conto che sia primavera e per quanto mi riguarda puoi dare la colpa agli ormoni, al fatto che sono nato con la crisi economica, alle professoresse incapaci, alla cultura punk. Da’ pure la colpa a quello che ti pare ma una cosa è evidente: odio giocare. Non penso al futuro, non provo interesse per gran parte dei discorsi che mi fanno i miei compagni di classe, la mia rabbia è vergine, io pure. Il mio egoismo è sincero, la mia individualità sacra. Non ho interiorizzato né il piacere del seguire le regole stabilite, né il riverente timore per le autorità.

A fianco a me, gli altri quattro ragazzi della classe hanno convinto la professoressa a lasciargli mezz’ora per giocare a calcio. Uno dei cinque è anche contento di stare in porta. Saremo due contro due, il massimo per tutti loro, se non ci fosse il problema che io sono troppo irrequieto, e anche stavolta ho rovinato i loro piani, facendo incazzare la Prof e dovranno quindi giocare due contro due, a porta vuota. Cammino verso l’angolo, ciondolando, sembrando arrabbiato, dispiaciuto e perplesso.
Le punizioni non hanno senso se non provocano malessere.

Non so come correre questi due giri di campo. Correrli veloce è curativo, ma si bruciano subito. Andare piano procura troppo poco vento in faccia, la corsa è un gesto che porta piacere quando porti le gambe al limite.
Cosa fare, correrne due a un ritmo piuttosto lento, farne uno a tuono e uno piano che possa un po’ durare?
Ci sto pensando mentre il secondo giro di campo sta già terminando, stupidi piccoli palazzetti indoor delle scuole dei paesi di provincia. Se solo mi spedisse fuori per le punizioni e potessi correre all’aria aperta.

Per quale ragione la punizione è correre i giri di campo? Perché la corsa non è considerata un’attività decorosa, come il gioco del calcio o le stupide capriole sui materassi che ci obbligano a fare? Fare le capriole o tirare scarpate a un pallone è un’attività, correre è un bisogno.

Perché i professori e gli allenatori dei ragazzi associano la corsa a qualcosa di brutto?
Io questo non lo so.

Ripasso dal via e riparto, dopo i due giri di punizione; passo fortissimo per un altro giro, tra uno strillo e l’altro della Prof: così veloce che quasi riesco a non sentirla.

 

 

Altri articoli

4 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Corri con un pacer virtuale

Ghost Pacer è un prodotto che sfrutta degli occhiali a realtà aumentata per farti correre con un pacer virtuale

Corriamo per andare più lentamente

Sembra un paradosso ma lo è fino a un certo punto: quando corriamo andiamo più veloci ma in realtà vogliamo rallentare per riappropriarci del nostro tempo.

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Aumentare la velocità nella corsa

Correre più veloce è insito nell'uomo. Se una volta lo facevamo per cacciare, ora è puro spirito di miglioramento. Ecco i metodi per aumentare la velocità.

Correre in gravidanza: rischi e benefici da conoscere

Attenzione: questo articolo vuole solamente fornirti delle indicazioni generali per introdurre un argomento su cui riceviamo molte domande. Poiché siamo tutte diverse, il consiglio...