Non hai il lievito? Facciamo il pane, dai!

Articoli correlati

La Caesar Salad rivisitata di jamie Oliver

Perché a Jamie Oliver non si può non voler bene e si perdona pure l'aglio nella carbonara. Ah no. Questa non gliela perdoniamo. Ma andiamo avanti.

Centrifugato, mon amour!

Cetriolo, Sedano e lime ma anche Anguria, fragole e pomodoro. Due centrifugati buonissimi!

U pani cunzatu (il pane condito siciliano)

U pani cunzatu, il pane condito della tradizione siciliana incredibilmente buono. Una preparazione povera diventata un'istituzione.

Josh Amberger: il triathlon? Fallo a modo tuo!

Josh Amberger - triatleta vittorioso in 11 Ironman 70.3 - ci racconta la sua esperienza con allenamento, alimentazione e integrazione
Iaia Guardohttp://www.maghetta.it
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla ad Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato va all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

Tempo di lettura: 2 minutiAbbiamo parlato del lievito la scorsa settimana e dell’importanza sociale che ha assunto in questo determinato periodo storico. Oggi prepariamo insieme del pane ma senza lievito; perché sì, si può fare e ci sono preparazioni veloci, gustose e sane. Uno dei più famosi, insieme al soda bread di cui parleremo prossimamente, è sicuramente l’azzimo. Si può cuocere sia al forno che in padella -ma io lo preferisco al forno perché viene più croccante fuori e morbido dentro- e puoi declinarlo in molti modi: un po’ più altino e soffice o basso e croccante come un cracker, per capirci. Quello tipo cracker, senza sale e olio è il pane della tradizione ebraica mentre quello che che prepariamo oggi insieme prevede l’aggiunta di olio e sale risultando più soffice e molto morbido. La ricetta che ti lascio credo sia di Nancy Silverton e l’ho vista nella serie Chef’s Table. Ti dico “credo sia” perché ricordo esattamente il momento in cui mi sono appuntata le dosi ma non visivamente chi fosse. Di fatto però è una dose che ho appuntato seguendo Chef’s Table (e un giorno scoprirà chi l’ha data e te lo farò sapere. Il mistero si infittisce) e da allora non l’ho più cambiata. Rimarrà per sempre la dose perfetta perché non ho mai mangiato un pane azzimo così buono. Ti consiglio caldamente di farlo perché è qualcosa di sublime ( su instagram ha ottenuto un successo incredibile e l’hanno replicato in tantissimi!).

La Ricetta

Con questa dose vengon fuori circa 6 panetti.

500 grammi di farina 00
10 grammi di sale
22 grammi di olio extra vergine d’oliva
260 ml di acqua a temperatura ambiente

Sciogli il sale nell’acqua. Metti l’acqua con il sale nella farina e impasta energicamente fino a ottenere un impasto molto chiaro ed elastico. Aggiungi infine l’olio d’oliva. Copri e lascia riposare coperto per 30 minuti. Una volta trascorso il tempo poni l’impasto sulla spianatoia e dividi in quattro panetti. Con l’aiuto del matterello stendi dando una forma simil circolare, spennella con altro olio extra vergine d’oliva e inforna a 190 per 15 minuti. Mangialo caldissimo. E conservalo in latta o in un luogo fresco e asciutto altrimenti secca e diventa duro. Se hai un sacchetto di carta da pane classico, ancora meglio. Oppure semplicemente avvolgilo in un tempo pulito e asciutto (si può congelare senza problemi ma ti assicuro che nessuno lo congelerà perché è talmente buono che si fa fatica a non mangiarlo).

Provalo ancora caldo caldo appena sfornato con un’ulteriore spennellata di olio extra vergine e del sale grosso macinato sul momento (un idillio!)

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

La Caesar Salad rivisitata di jamie Oliver

Perché a Jamie Oliver non si può non voler bene e si perdona pure l'aglio nella carbonara. Ah no. Questa non gliela perdoniamo. Ma andiamo avanti.

La playlist della primestate

Quest'anno la primavera è stata un po' strana, quindi abbiamo pensato di festeggiarla unendola all'estate. Con i più successi del momento!

Le gare virtuali sono il futuro, almeno quello più immediato

Prima di inorridire all’idea di una gara virtuale prova a pensare che ha anche i suoi punti forti

Brooks Virtual 5K per il Global Running Day: tutti insieme, anche fisicamente, in un’opera d’arte

Brooks, in occasione del Global Running Day, organizza una Virtual 5K per celebrare il running e creare un'opera d'arte con i partecipanti

Un modo per costruire la resistenza mentale

La resistenza fisica si allena con l’esercizio fisico. Quella mentale la si affina preparando la mente. A essere indifferente eppure focalizzata.

Nike Alphafly NEXT%: le scarpe dell’uomo più veloce del mondo sono in vendita

Dai piedi dell'uomo più veloce del mondo alla strada: le Nike Alphafly Next% del record di velocità sono in vendita

I vostri fuori soglia

Nella precedente puntata ti avevamo chiesto di raccontarci i tuoi fuorisoglia, quando cioè ti sei trovato in territorio sconosciuto, in tutti i sensi. Ecco sei dei vostri racconti.

Scelti dalla redazione

Siamo soli, facciamocene una ragione

La corsa è una metafora della vita, lo sappiamo bene. La fatica è nostra, i pensieri sono nostri, e la solitudine ne è una parte integrante. Che aiuta.

Una merenda perfetta i RunLovers

Un dolcetto che non si dimentica questo muffin -ma puoi fare anche plumcake, ciambelle o quello che ti piace di più- a base di banane.

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.