Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Articoli correlati

Salomon si prepara al 2021 con tantissime novità

Le novità per il 2021 sono tantissime in casa Salomon. E soprattutto sono pensate per tutti i piedi e tutti i terreni

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

Lo strano caso delle scarpe LIDL

LIDL ha messo in vendita delle sneaker per cui tutti sono impazziti, fino a pagarle cifre assurde

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 2 minutiA chi si rivolge Nike con il suo ultimo, notevolissimo video? Si chiama “You Can’t Stop Us” ed è stato appena pubblicato. Non parla di prodotti, non parla di novità.

Come sempre, quando Nike usa questo tipo di comunicazione parla a tutti, parlando di se stessa o meglio della propria visione dello sport e della vita. Che è poi una visione condivisa da molti, a prescidere dalle preferenze per un marchio o un altro.

È abbastanza evidente che parla al COVID-19 e alle difficoltà che tutto il mondo, simultaneamente, si è trovato ad affrontare. Lo fa usando la metafora dello sport come modo per superare le avversità uniti per un bene più grande, non parlando per una volta di vittoria o di successi personali. O meglio: se c’è una vittoria da cercare in questo racconto è quella contro il virus, contro la paura, contro le divisioni.

Oltre al messaggio è però ancora più notevole come tecnicamente è realizzato questo video: impiega infatti la tecnica dello split-screen, cioè dello schermo diviso in due metà. Generalmente usata per mostrare azioni diverse che accadono in luoghi diversi – magari in contemporanea o anche in differita – è usata in questo caso in modo molto intelligente e innnovativo: invece che dividere mostrando differenze, mostra cosa unisce attraverso i gesti comuni che appartengono a sport diversi. Se uno calcia un pallone in una metà, lo riceve un ragazzo che si tuffa in una piscina nell’altra. Se uno esegue un salto in lungo a sinistra, a destra c’è LeBron che va a canestro.

È un concetto semplice (le differenze uniscono, uniti si raggiungono obiettivi più grandi di noi stessi) reso in maniera magistrale. C’è solo una sequenza che è identica a destra e a sinistra: è quella di due operatori che sanificano le tribune di uno stadio: in quello siamo davvero tutti uguali, o almeno chi ama lo sport praticato o solo osservato e amato.

Per finire, qualche curiosità tecnica: per realizzarlo sono state visionate 4000 diverse azioni sportive e ne sono state scelte 72; nel video giocano a 24 sport diversi e si vedono 53 atleti (grazie a Michele De Paola per l’expertise 😉). Ci sono anche due sequenze tutte italiane: una con Bebe Vio e quella di Vittoria Olivieri e Carola Pessina, le due ragazze che durante il lockdown giocarono a tennis fra due tetti di Finale Ligure (a proposito: la loro invenzione è diventato uno spot Barilla con protagonista Roger Federer che l’ha recentemente registrato proprio con loro, proprio su quei tetti).

Brividi.

- Advertisement -

Altri articoli

1 COMMENT

  1. Hai ragione Martino, comunque la si pensi sul marchio, penso che Nike sia sempre un passo avanti, anzi due, sull’uso delle immagini e del marketing, che prescinde la semplice pubblicità. Davvero un gran bel prodotto, forse un con tantino di eccessiva retorica! Complimenti signor Nike!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Salomon si prepara al 2021 con tantissime novità

Le novità per il 2021 sono tantissime in casa Salomon. E soprattutto sono pensate per tutti i piedi e tutti i terreni

Come iscriversi alla NY City Marathon (virtuale)

Ecco come partecipare alla virtual race della NY CIty Marathon
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Come si allena la resistenza mentale?

Una buona prestazione fisica ha una potentissima componente mentale. Ecco cosa distingue i campioni dai buoni atleti. Ed ecco come puoi allenare la mente a essere resistente.

Stretching: sì o no?

Bisogna fare stretching? E se sì: prima o dopo la corsa? Proviamo a rispondere una volta per tutte.

Puoi correre se sei sovrappeso?

Si può correre se si è sovrappeso o obesi?