Le Olimpiadi di Tokyo del 2020 sono state rimandate

Articoli correlati

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

adidas Adizero Adios PRO: WTFast

adidas presenta la sua scarpa più veloce di sempre: la Adizero Adios PRO. Un concentrato di ricerca e tecnologia, con un'anima molto forte

Nike (M), la prima collezione pensata per la maternità

Nike ha pensato alla maternità di tutte le donne (atlete o meno) con una collezione dedicata a loro
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 2 minutiLa notizia era attesa e non ha sorpreso, eppure fa impressione leggere che le Olimpiadi previste per la prossima estate in Giappone sono state rimandate. Il motivo è naturalmente la pandemia causata dal COVID-19 che sta imperversando, alla data odierna, in più di 150 paesi del mondo e che ha superato ormai le 400.000 persone contagiate.

Se questi numeri sono già notevoli ma non ancora spaventosi a fronte di una popolazione mondiale di 7 miliardi di persone, è la progressione incessante e della diffusione del virus e soprattutto la facilità con cui riesce ad aumentare i contagi giorno dopo giorno che hanno spaventato il Comitato Olimpico fino a fargli prendere, in accordo con il primo ministro giapponese Abe Shinzo, la decisione di posticipare un evento così importante.

Nella confusione e paura che regnano da settimane qualcosa che succederà fra qualche mese potrebbe anche sembrare così distante nel tempo da illudere che le cose si possano aggiustare ma, come si è già visto e detto, sono le conseguenze e la difficoltà di contenere un’epidemia del genere che ha fatto scegliere, come recita il comunicato ufficiale, di non mettere in pericolo la salute degli atleti e del pubblico.

Gli effetti della globalizzazione

Un aspetto singolare è che il Giappone ha relativamente risolto il problema della diffusione del COVID-19 e quindi sarebbe stato paradossalmente pronto per ospitare i giochi garantendo la sicurezza sul suo territorio ma le variabili sono troppe considerando le provenienze degli atleti e la tempistica con cui l’epidemia si sta sviluppando. Per certi versi è come vedere il mondo illuminato da fuochi d’artificio (anche se si tratta di esplosioni virali) che si accendono a giorni di distanza coinvolgendo alla fine ogni nazione. Quello che il Giappone ha vissuto un mese fa lo sta vivendo l’Italia ora, e fra 15 giorni lo vivrà l’Inghilterra e gli USA e così via, a catena.

Non si poteva nemmeno trascurare il fatto che molti atleti non avrebbero comunque  potuto completare la propria preparazione per le numerose restrizioni imposte dai governi nazionali, come ben sappiamo noi italiani.

Un faro di speranza

Il comitato ha anche scelto, in accordo con il governo giapponese, di mantenere la fiamma olimpica in Giappone come simbolo della speranza che deve animare e unire tutte le nazioni nello sforzo per debellare il coronavirus.

Le Olimpiadi si terranno dopo il 2020 e prima dell’estate del 2021, e si chiameranno comunque Giochi Olimpicii di Tokyo 2020. Le qualifiche fin qui completate verranno congelate (e gli atleti qualificati confermati, di conseguenza) mentre quelle che dovevano ancora aver luogo verrano ricalendarizzate.

La soluzione dello slittamento è anche la più praticabile dal punto di vista economico perché l’annullamento avrebbe comportato il pagamento di pesantissime penali agli sponsor che avevano già anticipato somme o preso impegni con il Comitato Olimpico. La situazione è insomma, da ogni punto di vista, congelata e posticipata di un anno.

Nell’attesa che venga ridefinito il calendario non c’è che da spostare l’appuntamento all’anno prossimo, fiduciosi che sarà una festa gioiosa, celebrata da un mondo finalmente liberato dal virus.

(Photo by Pawel Nolbert on Unsplash)

 

- Advertisement -
- Advertisement -

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Riparte Fuorisoglia, riparti tu!

Riprende il nostro podcast “Fuorisoglia”: tante le novità che ti sveleremo nelle prossime settimane e sempre lo stesso divertimento!

Iniziare a correre da zero

Iniziamo un progetto in 6 "puntate" che ci accompagnerà alla My Deejay Ten di ottobre. E iniziamo dall'inizio: come iniziare a correre. Iniziamo? ;)

Riprendi a correre velocemente

Ricominciare a correre dopo le vacanze, il lockdown o un periodo di fermo è facile: basta seguire queste semplici regole

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

I test per misurare le prestazioni

In questa puntata di Fuorisoglia parliamo di quali test fare per capire le tue prestazioni nella corsa. Come sta il tuoi fisico? Come puoi migliorarti? Dal più semplice al più complesso, saprai tutto!

I test per conoscere meglio il tuo corpo

Una serie di test per conoscere meglio la tua condizione fisica

La prova dei 10 chilometri “tranquilli”

Un test molto interessante da svolgere su 10 Km - distanza che unisce velocità e resistenza - per misurare il risultato dei tuoi allenamenti senza caricare troppo.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.