Le ali ai piedi: un nuovo record per un atleta con le Nike Vaporfly

Articoli correlati

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Allbirds Tree Dashers, le scarpe da running (quasi) a impatto zero

Se la tutela dell'ambiente ti sta a cuore, le Allbrids Tree Dashers potrebbero essere la scarpa che cercavi

adizero adios Pro: la risposta adidas a chi vuole battere i record

Presentata la adidas adizero adios Pro. Con la nuova tecnologia EnergyRods, è una scarpa pensata, progettata e dedicata a chi vuole battere i record.
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 2 minutiMentre la sentenza sulla liceità o meno delle Nike Vaporfly sta per essere annunciata (la commissione instituita dalla World Athletics dovrebbe deliberare a fine mese) si continuano a contare i record stabiliti da atleti con quelle scarpa ai piedi.

L’ultimo caso non riguarda un record del mondo ma del percorso. È successo all’etiope Derara Hurisa in India alla Tata Mumbai Marathon, che ha vinto in 2 ore, 8 minuti e 9 secondi. Un risultato notevole ma neanche lontanamente vicino al record del mondo. Eppure quello che ha attirato l’attenzione sono stati alcuni dettagli che rendono la storia di questo etiope e il risultato raggiunto ancora più interessante. Hurisa infatti non aveva mai corso una maratona prima di quel giorno. Il che non significa che non avessi mai corso, intendiamoci: si tratta comunque di un eccellente atleta ma di cross country (le campestri). Caso ha voluto che però le sue scarpe non gli fossero arrivate in tempo, perse con i bagagli all’aeroporto. Hurisa è però riuscito a farsene prestare un paio da un collega d’elite: un paio di Vaporfly. Scarpe con le quali, vale la pena notare, non aveva mai corso.

Questa vittoria non spiega niente, né a favore né contro queste controverse Nike: la notizia è solo che un atleta che non le aveva mai indossate e non aveva mai corso una maratona ne ha vinta una, e con un tempo notevole.

Il punto della situazione

A questo punto è però opportuno aggiornare la lista dei record infranti dalle Vaporfly dalla loro introduzione fino a oggi (e fino a che non le banneranno o costringeranno Nike a modificarle pesantemente):

  • Nell’ottobre del 2018 Kipchoge a Berlino stabilisce il nuovo record del mondo: 2h01’39″”
  • Brigid Kosgei batte a Chicago nel 2019 il record di Paula Radcliffe che resisteva da ben 15 anni di 81 secondi, fermando il cronometro a 2h14’4″
  • Kipchoge (il solito Kipchoge) stabilisce a Vienna il record di velocità sulla distanza della maratona, completando la distanza in meno di due ore per la prima nella storia
  • Lo scorso dicembre l’ugandese Joshua Cheptegei a Valencia batte il record dei mondo sui 10k di 6 secondi. Resisteva da 10 anni. I 5 migliori classificati a questo evento indossavano tutti le Vaporfly 4%
  • La giapponese Mariko Yugeta diventa la prima donna over60 a battere il record delle 3 ore in maratona, stabilendo un tempo di 2h59’15”, migliore di più di 3 minuti rispetto al precedente
  • 95 dei primi 100 finisher della maratona di Valencia dell’anno passato indossavano le Vaporfly.

Questi sono i dati e risultati. È facile prevedere i pensieri di altri atleti elite che si trovano alla linea di partenza ma non indossando quelle scarpe: “Sono svantaggiato rispetto a chi le indossa?”. Forse è giunto davvero il momento di fare chiarezza.

(Via CBS Sport)

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Vegan Banana Bread

Conoscono tutti il Banana Bread e di sicuro anche tu. È un pane alla banana tipico statunitense composto da purea di banana. Quella che...

Gli effetti del caldo sul corpo

Cosa succede al tuo corpo quando fa caldo? RunLovers te lo spiega.