La virtual race che non è la solita virtual race: IOCORROQUI

Tempo di lettura: 2 minutiVeniamo da un periodo difficile, non c’è dubbio. Un periodo che ci ha portato a un cambiamento – voluto o imposto – di abitudini e, in questo contesto, per noi runner significa anche la soppressione di quasi tutti gli eventi a cui eravamo abituati e per cui ci stavamo preparando. Ci manca gareggiare in compagnia? Sì, indubbiamente. Ma ancora di più ci manca l’esperienza di gruppo, il sentirci parte di un grande fiume di persone che si muovono insieme.

Per ovviare a queste “mancanze”, sono nate le virtual race e ne abbiamo parlato anche in una puntata del nostro podcast. E, proprio lì, ho espresso le mie perplessità sul fatto che, in fondo, non erano altro che correre una certa distanza, senza la necessaria esperienza di gruppo e la sfida del tempo. Sì, perché correre la virtual della Maratona di New York è esattamente come correre quella di Quarto Oggiaro (che non so nemmeno se esista): sono, in entrambi i casi, 42.195 metri corsi sulle strade vicino a casa tua.

A questo punto ci siamo detti: “perché non ne organizziamo una noi?”.

Così è nata l’idea di IOCORROQUI (non è la solita Virtual Race).

Facile a dirsi ma molto più complicato a farsi perché avevamo molti punti fermi:

  • L’iscrizione alla gara doveva essere totalmente gratuita;
  • Ci doveva essere un sistema per mettere tutte le prestazioni sullo stesso piano;
  • Dovevamo renderla un evento inclusivo per poter far correre tutti e tutti insieme;
  • Volevamo ricreare sui socia la marea colorata di persone che partecipano a una gara;
  • Doveva essere innanzitutto sfidante con noi stessi per vedere i nostri miglioramenti in termini assoluti;
  • Volevamo offrire anche la possibilità di correre senza telefono.

E – grazie all’aiuto dei nostri partner New Balance, Garmin e con l’app RunBull che si occupa della parte tecnologica – ci siamo riusciti!

Tra meno di una settimana – il weekend del 25 e 26 luglio, per essere precisi – inizierà il primo weekend in cui ci sfideremo tutti a correre, in cui condivideremo la nostra passione, in cui cercheremo di battere i nostri record.

Per iscriverti e avere tutte le informazioni, basta andare qui: www.runlovers.it/iocorroqui .

Avatar
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Altri articoli come questo

Tor des Hamsters: la gara a Km 0 di Stefano Gregoretti

Stefano Gregoretti ha organizzato una gara a Km 0, la Tor des Hamsters, a cui ciascuno si iscrive versando almeno 10 € direttamente alla Protezione Civile per l'emergenza Coronavirus. Per fare qualcosa di utile a tutti, rimanendo in forma.

Brooks festeggia il cambiamento

La corsa ci cambia. E oltre a cambiare noi, ci permette di trasformare anche il mondo che ci circonda. Questo cambiamento è stato festeggiato da Brooks con la Runsformation.

Brooks “Tell us your happy story”: raccontaci come la corsa ha trasformato la tua vita

Brooks lancia la sua iniziativa "Tell us your happy story". Racconta come la corsa ha trasformato te, la tua vita o migliorato il mondo da qualsiasi punto di vista: sociale, ambientale o personale. E diventa il volto Brooks del cambiamento per il 2020!

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.