La Maratona di Roma 2020 è stata cancellata

Nell'ottica del contenimento del possibile contagio la più importante maratona italiana è stata cancellata

Tempo di lettura: 2 minuti

Il comunicato ufficiale sul sito della Maratona di Roma recita quello che tutti si aspettavano ma che speravamo di non leggere:

“Questo è il messaggio che non avremmo mai voluto scrivere ma purtroppo, in conseguenza dell’emergenza sanitaria in corso e in base a quanto stabilito nel Decreto del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020, l’#ACEARunRomeTheMarathon del 29 Marzo è stata cancellata”

Purtroppo comunicati del genere si susseguono quotidianamente in questo periodo: le gare cancellate – dalle più locali alle più famose a livello internazionale – sono accomunate da un eguale destino. Per motivi di sicurezza sanitaria le rispettive organizzazioni sono costrette a cancellarle. L’eccessiva prossimità di moltissime persone in un spazio compresso, per quanto all’aperto, le espone troppo alla trasmissione potenziale del coronavirus. Per non correre questo rischio e per contenere il più possibile il contagio è bene non esporre i partecipanti a inutili rischi.

Le quote di iscrizione già versate saranno comunque valide per l’edizione del 2021. Chi vi parteciperà verrà premiato all’arrivo con due medaglie: quella di quest’anno e quella del prossimo. Un bel gesto e un’idea da ripetere anche in altre competizioni simili, qualora non si potessero disputare per lo stesso motivo.

Giusto? Sì

Ne ha scritto Sandro pochi giorni fa e lo ribadiamo ancora: è importantissimo attenersi alle linee guida del Ministero della Salute e degli organi competenti in una fase così delicata come questa iniziale di diffusione del virus. L’imperativo è contenerne la diffusione per evitare i contagi. A detta degli esperti si tratta di un insieme di provvedimenti molto pesanti ma necessari per evitare un’escalation di difficile se non impossibile gestione.

Sullo stesso argomento:
Piacere di conoscerti, sono l'uomo più veloce del mondo

L’atteggiamento delle diverse organizzazioni perciò non è di eccessiva cautela ma è semplicemente responsabile e rispettoso di quanto deciso dalle autorità (oltre che essere richiesto da provvedimenti che devono essere legalmente rispettati).

Roma non è la prima e non sarà l’ultima

Fra le più importanti maratone italiane Roma è solo fra le prime ma quasi sicuramente non resterà l’unica. È di pochi giorni fa la notizia che anche la RomaOstia è stata cancellata per lo stesso motivo, assieme alla Deejay Ten di Bari di domenica 9 marzo. Sulla Maratona di Milano non ci sono ancora voci ufficiali ma data la vicinanza temporale con quella di Roma è plausibile che avrà la stessa sorte.

Per un tempo che non è ancora chiaro a nessuno dovremo abituarci a questo stato di cose: a rinunciare alle gare, a limitare gli assembramenti, a evitare i contatti fra le persone. È per il nostro bene e per quello di tutti. Tempi eccezionali richiedono misure eccezionali.

(Photo by Tatyana Dobreva on Unsplash)

 

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

1 COMMENTO

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.