Indoor is the new outdoor

Articoli correlati

Le novità di La Sportiva per il trail running 2021

Nello spirito de La Sportiva c'è la montagna, così come nella sua collezione da trailrunning per il 2021

Per chi sta dietro le quinte

Dietro un campione o dietro tante cose della vita c'è il lavoro silenzioso di persone che non appaiono mai come protagonisti. Ma guai se non ci fossero

Come si allena un ultrarunner in isolamento

Un ultrarunner deve allenarsi all'aperto su percorsi di decine e decine di chilometri. Come fare quando non può uscire di casa?

FKT in Italia: L’Ortogonale 1

Avete mai sentito parlare di FKT (Fastest Known Time)? è una cosa piuttosto semplice, immediata e affascinante, oltre a esistere fin da prima della nascita...
Stefano Joker Lionettihttp://www.yeswekern.it
Graphic designer, type lover, half-massaia e half-gattara. Se hai una domanda qualsiasi sugli anni 80-90 chiedi a lui. Si nutre principalmente di pizza, in tutte le sue forme: sì, anche quella con l'ananas. Ha un casino di roba da fare e una barba rossa.

Tempo di lettura: 3 minutiQuando arriva dicembre lo sai anche tu che la stagione delle gare è praticamente conclusa. Il Black Friday è passato, il Cyber Monday pure e tu hai speso tutto in quel set di calzini fluo in lana merino (fichissimi, per carità) e hai deciso che per i regali di Natale farai un giro al negozio “Tutto a 1€ e più”.
Poi vedi che c’è una 30km sulla neve tra una quindicina di giorni e ti iscrivi per chiudere la stagione in bellezza (ricorda questa regola: per iscriversi alle gare c’è sempre un fondo cassa di emergenza, è un po’ come quando sei sazio ma il posto per il dolce lo trovi lo stesso).
Nel frattempo arriva Natale. La tua agenda è piena di “cena con Tizio” e “pranzo con Caio” già dal 12 del mese, giusto per allenare lo stomaco. Mangi, assai. Che mangiare è bello oh. E allora mangi. Ma poi corri più di quanto hai mangiato, finché non potrai andare di nuovo in montagna ti farai andare bene anche la strada, macini chilometri e ti dici che così fai la base per quando ricomincerà la stagione, quella vera.

A gennaio corri ancora molto ma dormi altrettanto (anche dormire è bello, quasi come mangiare).

A febbraio ti sei definitivamente rotto le scatole dell’asfalto, le montagne laggiù sono ancora piene di neve ma ti concedi un paio di escursioni con i ramponcini che ti hanno appena regalato (“sopralluoghi per i prossimi allenamenti” li chiami nella tua testa). Cominci a cercare un po’ di dislivello ovunque, alcuni amici vanno a fare un lungo al Parco di Monza e lì ti viene la malsana idea: e se corressimo sulla parabolica dell’autodromo? E poi quando la vedi non ci credi: un muro che finché non ci sei davanti non ti rendi davvero conto di quanto sia verticale. E vi divertite come dei ragazzini che quasi vi ci slogate tutte e dodici le caviglie su quel maledetto muro, che poi realizzi che era una boiata, ma quanto è stato bello?

La vecchia parabolica dell’Autodromo di Monza

E poi finalmente è marzo. E a marzo raga non si scherza un caxxo, non ci sono scuse. Si torna a correre in montagna tutti i weekend: finalmente.

Stacco.

Al dodicesimo giorno di quarantena ti rendi conto di quanto in fondo Milano non sia poi tanto diversa da Caronno Pertusella, anzi forse da là le montagne sembrano più vicine. Hai progettato una fantastica run-da-ballatoio per non perdere l’allenamento: un perfetto circuito di circa 90 metri x 4 piani che però è sfumato a causa di un numero smodato di stendipanni che l’avrebbero trasformato quasi in una OCR (ma nei prossimi giorni ci riprovo, promesso).
Ti hanno già cancellato le prime gare di trail della stagione (alle quali ti eri ovviamente iscritto, non ti ricordi nemmeno quando) e nel frattempo – quasi per ripicca – hai già messo “parteciperò” a tutti gli eventi da giugno in poi che abbiano il prefisso sky- o il suffisso -trail.
Sei pure in pari con tutti gli episodi di Fuorisoglia (non fare finta di non sapere cosa sia) e di Buckled (questo ti perdono se non sai cosa sia, ma un po’ ti invidio perché puoi andare a recuperare tutti gli episodi passati). Che ti resta?

E poi – completamente inattesa – alle 18.25 di questo quasi inutile venerdì, ti arriva una mail di Kilian (come Kilian chi, santa polenta, Kilian!). E in questa mail Kilian Jornet – ok forse non lui in persona, ma qualcuno che si spaccia per lui e io gli credo – ti dice che, date le circostanze che ci obbligano tutti in casa, rende disponibili gratuitamente (per una settimana) tutti e tre i film della serie Summit of My Life:
> Summit of My Life I – A Fine Line
> Summit of My Life II – Déjame vivir
> Summit of My Life III – Langtang

Tre documentari di circa un’ora ciascuno dedicati ad alcune delle sue migliori imprese. Li trovi tutti in HD su Vimeo, raggiungibili direttamente dal suo blog.

Almeno so cosa fare questo weekend (oltre a riordinare la dispensa e cucinare i muffin con fragole e cioccolato bianco), al prossimo ci penso poi.

(Cover photo © Kilian Jornet)

Previous articleLe cose che ci piacciono
Next articleC’è cibo e cibo

Altri articoli

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Vegan Banana Bread

Conoscono tutti il Banana Bread e di sicuro anche tu. È un pane alla banana tipico statunitense composto da purea di banana. Quella che...

Gli effetti del caldo sul corpo

Cosa succede al tuo corpo quando fa caldo? RunLovers te lo spiega.