I 6 trucchi di un trail runner fortissimo per correre meglio e più veloce

Sei consigli da un fortissimo ultratrail runner per correre meglio e più forte in montagna. Utilissimi anche in piano

Articoli correlati

È il momento giusto per cambiare allenamento

Il cambiamento a volte è inevitabile. L'importante è saperlo gestire. E chissà che non porti più benefici che altro.

Nike Pegasus Trail 2 – Evoluzione della specie

Nike Pegasus Trail 2 era una scarpa molto attesa per almeno due motivi: il primo è che la sua versione precedente (Pegasus 36 Trail)...

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 3 minutiLa stagione estiva è ideale per fare trail: si fugge dal caldo della pianura e, se si ha la fortuna o la possibilità di andare in montagna (ma bastano anche le colline) ci si può dedicare a un allenamento di tipo diverso eppure divertentissimo.

Jim Walmsley fa trail running dal 2013. Prima era molto forte su pista e in corse campestri ma non aveva mai fatto trail. Trovatosi a vivere nello splendido scenario del Parco Nazionale Glacier decise di provarci. Ci riuscì così bene da fare anni dopo i record di velocità in alcune delle più gloriose gare ultratrail americane come la Western States 100 (dove ha stabilito il record del percorso in 14 ore, 9 minuti e 28 secondi) e la Grand Canyon Rim-to-Rim-to-Rim, dove ha fermato il cronometro a 5 ore, 55 minuti e 20 secondi. Ma anche in piano Jim va fortissimo: alle qualificazioni per le Olimpiadi ha infatti segnato il 22° tempo migliore in 2 ore, 15 minuti e 5 secondi.

Come c’è riuscito? Con l’allenamento e un fisico portato certamente, ma anche con una particolare attitudine alla corsa che ruota attorno a sei pilastri. Vediamo quali.

1. Dimenticati il tempo

Stai correndo su terreni scoscesi, in pendenza, in salita e in discesa. Mantenere un ritmo costante è impossibile. Goditi invece la strada che hai scelto o che hai deciso di tracciare e lascia perdere la costanza nella prestazione: comunque ti stai allenando a variare moltissimo il ritmo e questo aiuta a preparare cuore e polmoni a sforzi estremi e prolungati.

2. Trova superfici impegnative

Il bello del trail è che varia tantissimo: puoi fare tratti tecnici su roccia, puoi divertirti nel fango, puoi fare delle *simpaticissime* ripetute in salita, puoi correre sull’erba o sui sassi. Ogni superficie richiede un diverso atteggiamnto tecnico e molte più attenzioni che su strada eppure allena moltissimo i riflessi, il sistema cardiovascolare e il core.

3. Attento a dove metti i piedi

Un modo efficace per correre più forte è – incredibile! – non schiantarsi nel provarci. Per riuscirci devi guardare davanti a te per vedere dove poserai i piedi fra qualche frazione di secondo ma anche, ogni tanto, guardarti i piedi perché può capitare di non aver visto una piccola ma insidiosa radice o un sasso che sembrava meno sporgente. Mettendo in conto che capiterà di schiantarti, purtroppo.

4. Scegli il percorso in base all’umore (o a come vuoi svoltarlo)

Chi fa trail sa che una componente fondamentale dell’avventura è il percorso. La notizia è che lo puoi scegliere anche in base all’umore che hai o che vuoi avere dopo aver corso.
Come ti senti, cosa cerchi?
– Tranquillità: corri attorno a un lago o lungo un fiume
– Pace: corri nei boschi
– Sfidante: scegli la salita, verso una cima
– Carico:  roccia, sassi, terreno incoerente. Obbligati alla concentrazione più spinta che ti distragga da ogni altra cosa e ti obblighi a pensare solo a quello che stai facendo. Anche perché altrimenti ti schianti!

5. Non annoiarti mai

Nel trail è più difficile annoiarsi che in piano però le lunghe (o lunghissime percorrenze) a volte possono giocare brutti scherzi. Come tenersi sempre svegli e attenti? Per esempio cercando animali a quattro zampe o piante che assomigliano ad animali o a umani, oppure fermarsi ad annusare fiori che si trovano lungo il percorso. Il trail prevede soste! Per riposare e per ammirare il paesaggio. Chi non si ferma ogni tanto non è uno competitivo: è uno che non sa godersi le gioie della natura in cui corre.

6. Scegli le scarpe giuste!

Da trail, ovviamente.

Ora non ti resta che trovare una montagna o una bella collina e andare. Pensando che il trail running è anche un allenamento alternativo e molto utile per la corsa in piano. Oppure godendoti la corsa e il panorama, che fa solo bene.

(Via Esquire – Photo from Walmsley Instagram)

- Advertisement -

Altri articoli

1 COMMENT

  1. ho scoperto il Trial run 5 anni fa, non ho mai preferito la strada , sono endurista (moto) da ragazzino, quando ho cominciato a correre andavo per strada ma guardavo sempre le montagne intorno a me (in quel perioro ero in Slovacchia) cosi subito cominciai a esplorare e non andai piu a correre su strada :) quello che correvo poi lo ripercorrevo in moto, ho provato l’esperienza degli hiker o trial runners ma sono anche un endurista he ama i motori, tutti accomunati dalla passione per la montagna il verde, esiste una caccia al endurista, pene severe in alcuni paesi o regioni, restringimenti quasi fossero dei criminali e cio mi rattrista molto perche sono io stesso un endurista ma anche un runner appassionato di montagna, il rispetto per i luoghi il patrimonio non dipende con che mezzo ci va ma come sei educato a rispettare la natura e gli altri che come te vogliono godere di quei luoghi, non dovrebbe esserci chi ha piu diritti di altri a godere della montagna, per lo meno ci fossero aree dedicate, tipo ”in questa area e’ permesso entrare con le moto” in queste invece no e la gente a piedi liberamente decide se andare o meno dove passano anche le moto, ho visto in mezzo ai boschi tagliare alberi creare percorsi costruire salti dai bikers (down hill) a loro tutto e’ permesso perche non fanno rumore o non inquinano ? che dire, scrivo queste parole con un bel ricordo di aver corso sulle montagne sulla neve sperduto nel silenzio e arrivando in cima a paesaggi che riempiono l’anima. quando si incontrava qualche altra anima vagante fosse in moto in bici o a gambe era sempre un piacere salutare persone che uniti dalla passione per la montagna senza la pretesa che sia di tua proprieta o di alcuni gruppi o generi sportivi. ma di tutti. ciao Runners

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Come correre nel caldo davvero caldo

C’è il caldo e c’è il caldissimo: ecco i consigli di un atleta per correre con il caldo caldissimo

Non ci puoi fermare

Il nuovo video Nike incita a unirsi contro le divisioni di ogni tipo e lo fa usando una tecnica cinematografica molto particolare

Salomon si prepara al 2021 con tantissime novità

Le novità per il 2021 sono tantissime in casa Salomon. E soprattutto sono pensate per tutti i piedi e tutti i terreni

Come iscriversi alla NY City Marathon (virtuale)

Ecco come partecipare alla virtual race della NY CIty Marathon
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Come si allena la resistenza mentale?

Una buona prestazione fisica ha una potentissima componente mentale. Ecco cosa distingue i campioni dai buoni atleti. Ed ecco come puoi allenare la mente a essere resistente.

Stretching: sì o no?

Bisogna fare stretching? E se sì: prima o dopo la corsa? Proviamo a rispondere una volta per tutte.

Puoi correre se sei sovrappeso?

Si può correre se si è sovrappeso o obesi?