Fitbit Sense, e ti conosci meglio

Il nuovo sportwatch Sense di Fitbit ha un paio di nuove funzionalità molto interessanti.

Il bello della concorrenza, quando funziona, è che il consumatore ne trae benefici. Parlando di prodotti ad alto contenuto tecnologico, più elevata è la concorrenza, migliori saranno i prodotti, minori i prezzi e sempre più numerose le funzionalità dell’oggetto. Come si può competere infatti in un mercato agguerrito come quello degli smart/sport watch? Puoi solo inventarti nuove funzioni, possibilmente utili, e farti notare per quello che offri in più. Del resto non deve essere facile scontrarsi con una montagna come l’Apple Watch, che domina questo mercato ormai da anni.

Fitbit ci sta provando e con il suo nuovo Sense ha spinto proprio sull’introduzione di nuove funzioni che Apple farebbe bene a copiare, come ha notato il magazine online Input.

Dove eravamo rimasti?

Fitbit ha vissuto e sta ancora vivendo dei tempi complicati: dopo l’acquisizione da parte di Google ha continuato a sviluppare i suoi prodotti e a nutrire e curare la sua corposa platea di utenti (e i loro preziosissimi dati) e ha subito forti perdite sia azionarie che in termini di vendite. Un motivo è sicuramente da ricercare nella posizione dominante di Apple con il suo Watch ma anche in prodotti che non riuscivano a competervi. Nel frattempo il design è cambiato e si è spinto sempre più nella direzione di Cupertino, diluendo ancora di più la personalità di un brand che non molti anni fa dominava il mercato.

Ora parrebbe che qualcosa sia cambiato. Non tanto nel design – che fa assomigliare il Sense e altri sportwatch di Fitbit a degli Apple Watch un po’ più bassi e quadrotti – quanto nelle funzionalità.

Il nuovo Sense fa tutto quello che ti aspetti da uno Sportwatch: lo puoi usare per rispondere alle telefonate, per ascoltare musica, per tracciare le tue attività sportive ecc. Tutte cose che non fanno neanche più notizia e che tanti altri sportwatch fanno da anni.
Quello che lo differenzia dalla concorrenza e lo rende diverso sono due funzionalità particolari: la rilevazione dei livelli di stress e la temperatura corporea.

Grazie a un sensore che rivela l’attività elettrodermica, Sense può infatti capire i tuoi livelli di stress e proporti attività di meditazione per calmarti, in caso fossi molto sotto tensione. Attraverso il livello di stress può inoltre anche intuire che umore hai.

L’altra importante funzione è quella della lettura della temperatura corporea, e sai bene quanto sia un dato importante da conoscere, specie dopo questi ultimi travagliati mesi.

Visione olistica

Forse la stella di Fitbit ha brillato un po’ meno negli ultimi anni ma di certo non si è persa la motivazione che ha sempre spinto la casa americana verso una visione olistica della vita, cioè costruita sull’equilibrio di diverse componenti: non solo quella atletica ma anche la qualità del sonno (che Sense traccia secondo diversi parametri), dell’alimentazione e del benessere in generale. Movimento, stato d’animo, recupero e riposo: a questo badano Sense e in genere tutti i prodotti Fitbit.

E in più, fatto non trascurabile, ha delle batterie che durano 6 giorni e che si ricaricano in 12 minuti.

Altri articoli come questo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.