Cosa c’è per cena? Il banana bread

Articoli correlati

L’insalata di ananas e tacchino

Un'insalata con tacchino, ananas e tante delizie servite in modo semplice ma sorprendente.

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Conosci la food obsession 2020?

Sì è lui: il dalgona coffee. La food obsession 2020 che ha fatto il giro del mondo. Tutto comincia in Corea ma a ben guardare affonda radici che riguardano anche i nostri ricordi.
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 3 minutiSono un divoratore di serie, alcune le guardo con attenzione, altre per tenermi compagnia, altre ancora per farmi ispirare. Qualche giorno fa, proprio per quest’ultimo motivo, ho iniziato a vedere “Eat Race Win“. È un documentario che ha come protagonista e narratrice Hannah Grant, la chef che ha accompagnato la squadra Orica-Scott durante il Tour de France e racconta il rapporto tra cibo e sport da un punto di vista che spesso viene messo in secondo piano tra programmi nutrizionali e conteggio calorico: l’aspetto dell’appagamento dell’atleta.

Hannah Grant ha esplorato questo tema in due libri di ricette: Eat Race Win e Grand Tour Cookbook, prestando sempre grande attenzione alla qualità degli ingredienti, alla loro stagionalità e al fatto che ti facciano venir voglia di arrivare prima a tavola per mangiare. Perché, diciamolo liberamente, il cibo dev’essere anche un grande piacere oltre che fonte energetica.

Mi è sempre piaciuto il concetto di “soul food”, ossia tutto ciò che il cibo può ispirare oltre alle sue capacità nutritive e, proprio in questo, il documentario ha catturato subito la mia attenzione, dalle prime fasi. Infatti Hanna, parlando del Tour de France, dice: «Ricordo molte volte in cui pioveva. Faceva freddo. Loro sono sulla loro bici. E tutto ciò a cui loro pensano negli ultimi 75 chilometri è “Cosa c’è per cena?“».

Ho chiamato subito Iaia – che non guarda mai le serie che le consiglio e che, con me, firma questo articolo – e le ho raccontato questo punto di vista sul rapporto tra cibo e performance e abbiamo immediatamente deciso di farne una rubrica.

Una rubrica che parlerà del premio che trovi a casa dopo il tuo allenamento e che risponde proprio a quella domanda che moltissimi atleti si fanno per motivarsi nel momento di sforzo più intenso.

Ovviamente, per rispetto alla nostra fonte di ispirazione, abbiamo voluto iniziare con una ricetta di Hannah, preparata e fotografata da Iaia: il banana bread (senza farina ma con le patate dolci).

La Ricetta Di Hannah Grant 

  • 300 grammi di patate dolci già cotte in forno
  • 4 uova di media grandezza
  • 45 grammi di avena in fiocchi
  • 7 datteri (io non li ho usati)
  • 3 banane
  • un cucchiaino di vaniglia
  • mezzo cucchiaino di cannella
  • mezzo cucchiaino di cardamomo
  • una bustina di lievito per dolci
  • un pizzico di sale

100 grammi di olio di cocco, che puoi sostituire con il burro. Onestamente io ne ho messo un po’ meno ed è venuto buonissimo uguale ma Hannah promette che con 100 grammi viene assolutamente perfetto. E chi siamo per noi per contraddirla?

Cuoci in forno le patate dopo averle sbucciate e tagliate a pezzi. Una volta cotte frulla le patate aggiungendo le spezie e il pizzico di sale dentro un frullatore o un mixer. Aggiungi le banane, le uova, l’avena e l’olio di cocco. Di olio di cocco lasciane un po’ per spennellare la teglia. Hannah usa i datteri, che in questo periodo trovarne di buoni è impossibile, e non avendoli ho dato consistenza aggiungendo una banana: ho messo tre banane nell’impasto al posto di due. Fai lo stesso se come me non hai datteri: usane tre nell’impasto e poi se vuoi una per decoro finale (cosa che non ho fatto). Hannah infatti usa due banane nell’impasto e poi una per decoro finale.

Versa nella teglia che preferisci -classico plumcake o tonda- dopo averla spennellata. Se vuoi mettere le banane sopra, spennella pure quelle aggiungendo magari un altro po’ di spezie e inforna a 180-190 per 45-50 minuti, dipende dal forno. Rimane umidina quindi se fai la prova stecchino non uscirà perfettamente asciutto. Deve raffreddare prima di servire ma ti confesso che anche tiepidino non è male. Si conserva benissimo nella latta e a patto che non sia in un ambiente toppo umido. È davvero buonissimo, leggero e non lezioso. Sicuramente una preparazione che riscontrerà i tuoi gusti.

Se lo provi mostracelo! Taggaci su instagram RUNLOVERS.

 

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe

Nike Air Zoom Tempo NEXT%: ammortizzazione e propulsione

La famiglia NEXT% di Nike si allarga con l'arrivo delle tempo. Pensate per allenamenti veloci e gare, nascono per essere veloci, propulsive e ammortizzate.

Le donne sono sempre più veloci e resistenti

La biologia ci insegna che il corpo maschile prevale su quello femminile. Ma fino a un certo punto (o a una certa distanza)

Topo Athletic Ultrafly 3, e corri sui binari

Le Topo Ultrafly 3 hanno qualcosa che non tutte le scarpe da running hanno: l'equilibrio

La prova del Miglio Magico

C'è un metodo semplice per capire esattamente quale sarà la tua andatura in gara. Per conoscerlo devi correre il Magico Miglio, ma non è niente di mistico!

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.