Correre a Miami

Non c'è posto dove Cristina non sia stata. Questa volta la troviamo a Miami. Che scriva guide di viaggio per lavoro?

Articoli correlati

Correre sul Monte Fuji

Dopo le prime due tappe a Kyoto e Tokyo, Cristina è arrivata sul Monte Fuji. Per correrlo, ovviamente!

Correre a Tokyo

Secondo episodio della trasferta di Cristina in Giappone: e questa volta siamo a Tokyo

Correre a Kyoto

Correre fra vecchie case di legno fino al palazzo dell'imperatore. Non è una favola: questo succede quando corri a Kyoto

32 imperdibili consigli + uno per correre al meglio la Maratona di New York

32 (+1) consigli che renderanno la tua NY City Marathon ancora più bella e perfetta
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 3 minutiWelcome to Miami, bienvenido a Miami! Non posso farci nulla, ma da quando sono a Miami, questo motivetto di una canzone di Will Smith non ne vuole sapere di andarsene dalla mia testa, complice il fatto che a passeggiare per le strade di Miami sembra davvero di essere dentro il video della canzone!

Il tempo è assolutamente, meravigliosamente e vergognosamente PER-FET-TO. La temperatura giusta per sciabattare in giro in pantaloncini e maniche corte, e la destinazione in questo caso è solo una: South Beach, anche conosciuta come SoBe, la parte di Miami che ospita Miami Beach. Delimitata dalla vivacissima Ocean Drive, Miami Beach è una striscia di sabbia bianca lunga 7 km che vede da una parte palme, piste ciclabili e bagni pubblici dotati di docce, specchi, camerini e chi più ne ha, più ne metta, mentre dall’altra ci sono gli avamposti dei bagnini e baracchini che affittano sdraio, asciugamani e ombrelloni a prezzi contenuti.

La spiaggia è molto popolata, ma lo spazio è talmente vasto che non si ha
minimamente la sensazione di essere uno addosso all’altro. È davvero un bellissimo paesaggio e in men che non si dica, ho le scarpe da corsa ai piedi.

Sulla pista pedonale di Ocean Drive mi fanno compagnia diversi runners, ciclisti e persone sui rollerblade. Gli uomini sono tutti rigorosamente a petto nudo e le donne hanno canotte, top e pantaloncini molto minimal. A giudicare dal tono muscolare, dall’abbronzatura e dai fisici asciutti, ci dev’essere una discreta cultura del corpo; dall’altra parte della strada, i locali che servono mojitos, margaritas e altri cocktails al ritmo di salsa e altra musica latina suggeriscono uno stile di vita particolarmente rilassato e enjoyable, il ché non mi dispiace affatto! Se non fosse per alcuni cartelli stradali e per il nome delle vie, si farebbe fatica a credere di essere negli Stati Uniti perché la maggior parte delle persone usa lo spagnolo come prima lingua e i menù dei ristoranti e dei bar sono tutti un susseguirsi di guacamole, arroz con pollo, frijoles, yuca, vaca frita, etc.

D’altronde, quando il cielo è particolarmente limpido, si può vedere Cuba dalla punta più
meridionale di South Beach, ed è proprio lì che sto andando. Man mano che proseguo di corsa verso sud, le basse casette in calce bianca di Ocean Drive lasciano il posto ad altissimi e luccicanti palazzi in vetro e anche la lunga lingua di spiaggia bianca inizia a diradarsi ed è sostituita da praticelli all’inglese molto ben tenuti che delimitano l’accesso ai moli ai quali sono ormeggiate numerose barche a vela e qualche yatch. Decisamente, una zona da ricchi.

Arrivo alla punta più meridionale di South Beach e mi godo per un momento la vista dell’Oceano Atlantico a perdita d’occhio, la brezza marina e il sole in fronte. Quindi giro i tacchi e inizio a ripercorrere la pista al contrario, un po’ più velocemente che all’andata: voglio farmi una doccia, affittare una sdraio e godermi il prima possibile la spiaggia, il mare e il sole. Possibilmente, con un cocktail in mano!

Cristina Lussiana


Gli altri viaggi di Cristina:

AFRICA
– Angola
– Benin
– Città del Capo
– Congo
– Lesotho
– Mali
– Madagascar
– Mozambico
– Nairobi
– Rwanda
– Senegal
– Sudafrica

AMERICA
– Guatemala
– Hawaii
– New Orleans
– Washington

ASIA
– Bangkok
– Cambogia
– Kathmandu
– Kyoto
– Tokyo
– Monte Fuji
– Myanmar

EUROPA
– Amsterdam
– Cambridge
– Ginevra
– Oslo
– Portogallo

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Il nuovo spot Nike per dirci che ci rialzeremo

Nike ha fatto un nuovo spot in cui non parla dei suoi prodotti ma della sua visione del mondo. E dice che i campioni sono quelli che non smettono mai di sperarci. E tu sei così?

Brooks Adrenaline GTS 20, la stabilità è comodissima

La ricerca dell'equlibrio e della leggerezza in un tutto armonico: ecco le Brooks Adrenaline GTS 20

Si farà la maratona di New York?

Il sindaco Bill de Blasio, comprensibilmente, dà risposte evasive

Forse non tutti sanno che, running edition

Una serie di notizie e curiosità gustose e spassosissime tanto quanto inutili, ma non si può mica essere sempre seri, no?

U pani cunzatu (il pane condito siciliano)

U pani cunzatu, il pane condito della tradizione siciliana incredibilmente buono. Una preparazione povera diventata un'istituzione.

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Scarpe per tutti

Una vostra domanda, magari anche tua che stai leggendo, ci ha dato lo spunto per questa puntata. Un ascoltatore ci ha chiesto di parlare...

Scelti dalla redazione

Le app per allenarsi bene

App ce ne sono moltissime ma quali scegliere per rendere il nostro allenamento più facile ed efficace? Ecco la selezione delle nostre preferite.

Come scegliere il portacellulare per correre

Il cellulare è ormai un accessorio indispensabile per i runner: da chi lo utilizza per monitorare i propri progressi a chi non rinuncerebbe mai...

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.