Corre una ultramaratona nel salotto di casa

Gli effetti della diffusione del coronavirus si fanno sentire anche così: in Cina un uomo ha corso una ultra nel soggiorno di casa

Tempo di lettura: 1 minuto

Gli effetti della diffusione del coronavirus si fanno sentire e a volte hanno manifestazioni quantomeno singolari. Pan Shancu è un cinese che sostiene di aver corso nel soggiorno di casa l’equivalente di una ultra di 66 km in sei ore e 41 minuti e di poterlo dimostrare (oltre che con il video che ha pubblicato) anche con i tracciamenti del suo GPS.

L’impresa che ha compiuto può suscitare ilarità o farlo scambiare per un pazzo ma il contesto in cui si è sviluppata è purtroppo drammatico ed è quello in cui vivono milioni di cittadini cinesi che sono stati invitati a non lasciare le proprie case per contenere la diffusione del virus ed evitare nuovi contagi. Allo stesso tempo però le autorità cinesi hanno invitato a non trascurare l’attività fisica in modo da mantenere il corpo efficiente e pronto a fronteggiare una crisi sanitaria. Molti cittadini si sono lanciati in sfide che prevedono le più svariate modalità per compiere movimento, tutte regolarmente indoor: c’è chi solleva pacchi di bottiglie di acqua, chi fa flessioni con i figli sulla schiena, chi si lancia in sfide all’arrampicata di scale condominiali.

Pan Shancu ha pensato di fare quello che ama fare: correre. Non potendo farlo all’aperto ha iniziato a girare ossessivamente per quasi sette ore nel soggiorno di casa, completando quindi la distanza di una ultramaratona.

Sullo stesso argomento:
adidas Terrex Free Hiker: disconnettiti da tutto

È una testimonianza di certo estrema e un po’ alienante ma è anche significativa dei tempi correnti: sia nel senso delle crisi che la nostra società sta affrontando, sia in quello dell’amore per una disciplina che ti obbliga, come dice Shancu, “a correre perché se stai fermo per troppo poi ti prudono i piedi”.

Ne sappiamo qualcosa, no?

 

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.