Come iscriversi alla NY City Marathon (virtuale)

Ecco come partecipare alla virtual race della NY CIty Marathon

Tempo di lettura: 2 minutiDal 28 luglio al primo novembre è finalmente possibile iscriversi alla NY City Marathon. Ma solo a quella virtuale, dato che l’edizione 2020, causa COVID, non si terrà.

Il comitato della maratona più famosa del mondo, gestito da NYRR (New York Road Runners) ha infatti reso note le modalità di iscrizione e partecipazione alla gara del 2 novembre prossimo. Chi era già iscritto, come noto, potrà decidere di mantenere la propria iscrizione valida per le edizioni del 2021, 22 e 23 ma è comunque incoraggiato a partecipare alla virtual race per la quale comunque non avrà sconti particolari. Ma prima di pensare “Uffa” (se sei già iscritto) o “Che generosità!” se non lo sei, aspetta: ci sono anche delle formule gratuite. Vediamole una per una.

Come scegliere in che modo iscriversi

Ci si può iscrivere – come detto – dal 28 luglio al 1 novembre ed è necessario collegare il proprio profilo alla app Strava, unica app ufficiale per la raccolta dei dati. Le opzioni possibili sono 4, con nomi diversi.

Run For the Love of Running – Non ha limiti di slot a disposizione, è gratuita e con essa si ricevono uno sconto del 10% sui programmi di coaching del NYRR e un mese di abbonamento gratuito a Strava. Se opti per questa soluzione riceverai solo un attestato di partecipazione digitale e nessuna medaglia da finisher.

Run For the Medal – Come dice il nome stesso, questa è la formula che ti garantisce una medaglia fisica. Infatti ha un costo pari a 50$ se sei tesserato NYRR e di 60$ per tutti gli altri. Come la precedente non c’è limite al numero di iscritti.

Run to Fundraise For NYRR Team For Kids e Run to Gain Guaranteed Entry – sono le due formule a pagamento che garantiscono – al costo di 150$ per membri del NYRR e 175$ per non membri la prima e di 500$ come contributo per sostenere i programmi dei Rising New York Road Runners e di NYRR Run For the Future – l’accesso alla NY City Marathon. La prima ha un limite di 200 slot a disposizione e la seconda di 1000. Con la seconda ci si aggiudicano anche due mesi di abbonamento gratuito a Strava.

Ok, e come si corre?

Come già detto, la gara è virtuale: corri dove ti pare e mandi poi i risultati al comitato organizzatore per permettergli di compilare la classifica generale. A differenza della maratona ufficiale, hai un intervallo di tempo piuttosto ampio per farlo: esattamente dal 17 ottobre al 1 novembre, a patto che la corsa sia eseguita in un’unica sessione. Gli iscritti alle due formule a pagamento hanno tempo per caricare i propri tempi fino al 4 novembre e uno spot già prenotato alla prima edizione “COVID-free” della maratona di New York, anche se devono comunque pagarsi lo slot.

Quest’anno si correrà virtualmente, ma non è detto che facendolo non si possa aiutare qualcuno a stare meglio e, nel frattempo, riservarsi un posto alla maratona più famosa del mondo. Virtualmente reale, anzi: realmente reale!

Avatar
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Altri articoli come questo

Tor des Hamsters: la gara a Km 0 di Stefano Gregoretti

Stefano Gregoretti ha organizzato una gara a Km 0, la Tor des Hamsters, a cui ciascuno si iscrive versando almeno 10 € direttamente alla Protezione Civile per l'emergenza Coronavirus. Per fare qualcosa di utile a tutti, rimanendo in forma.

Brooks festeggia il cambiamento

La corsa ci cambia. E oltre a cambiare noi, ci permette di trasformare anche il mondo che ci circonda. Questo cambiamento è stato festeggiato da Brooks con la Runsformation.

Brooks “Tell us your happy story”: raccontaci come la corsa ha trasformato la tua vita

Brooks lancia la sua iniziativa "Tell us your happy story". Racconta come la corsa ha trasformato te, la tua vita o migliorato il mondo da qualsiasi punto di vista: sociale, ambientale o personale. E diventa il volto Brooks del cambiamento per il 2020!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.