Athletic Greens: più bilanciamento, equilibrio ed energia

Articoli correlati

La Caesar Salad rivisitata di jamie Oliver

Perché a Jamie Oliver non si può non voler bene e si perdona pure l'aglio nella carbonara. Ah no. Questa non gliela perdoniamo. Ma andiamo avanti.

Centrifugato, mon amour!

Cetriolo, Sedano e lime ma anche Anguria, fragole e pomodoro. Due centrifugati buonissimi!

U pani cunzatu (il pane condito siciliano)

U pani cunzatu, il pane condito della tradizione siciliana incredibilmente buono. Una preparazione povera diventata un'istituzione.

Josh Amberger: il triathlon? Fallo a modo tuo!

Josh Amberger - triatleta vittorioso in 11 Ironman 70.3 - ci racconta la sua esperienza con allenamento, alimentazione e integrazione
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 3 minutiHo scoperto Athletic Greens prima di Natale, prima che arrivasse ufficialmente in Italia perché un carissimo amico ha postato una foto su Instagram di questo integratore, verde. Lui che è vegano e salutista stava condividendo un integratore?
Mi ha messo curiosità e subito sono andato ad approfondire che, per me, significa leggere le etichette, i valori nutrizionali, la composizione e – soprattutto – provare sulla mia curiosa, stanca e stressata pellaccia questo prodotto per capire cosa significasse essere un “integratore alimentare, creato con 75 vitamine, minerali e ingredienti ricavati da alimenti integri”.

Lo confesso, in un periodo di bevande “miracolose”, ero abbastanza dubbioso verso un prodotto che si prefigge di aiutarci su quattro diversi àmbiti: energia, recupero, difese immunitarie e digestione. Ogni ingrediente ed elemento contenuto in Athletic Greens è spiegato bene e ti fa capire che in tutto questo c’è ricerca e bilanciamento e quindi non ci penso due volte, lo ordino e inizio a provarlo.

Le leve principali che mi hanno influenzato nella decisione sono due: innanzitutto il prodotto nasce da 10 anni di ricerca e lavoro di medici, naturopati e nutrizionisti; non è un “beverone” che volte prometterti miracoli, anzi. Nasce proprio come supporto a chi fa una vita sportiva e attiva. Il secondo valore è l’eticità dell’approccio Athletic Greens verso i propri utilizzatori, la serietà e la qualità senza compromessi.
Per dirla in poche parole: è un prodotto serio.

La prova

Ho scelto le porzioni singole che, anche se costano un po’ di più, sono indubbiamente più comode: non devi pesare, misurare, conservare in frigo (una volta aperta, la confezione grande va conservata al fresco per mantenere vivi i pre-probiotici); ti svegli, metti la bustina nello shaker con acqua fredda e bevi. Io al mattino ho un risveglio lento e pigro quindi devo avere routine semplici.
Inizialmente lo mescolavo “a mano” ma non si scioglieva totalmente, poi ho capito il “trucco”: bisogna mettere *prima* l’acqua, *poi* la polvere e agitare bene.

Il sapore è “naturale” e fresco. Non è il solito integratore alla vaniglia: è sano ed essenziale. E dopo qualche giorno diventa una bella sensazione prenderlo, soprattutto perché, per essere pienamente efficace, va assunto al mattino e a stomaco vuoto.

Al di là di questi dettagli, credo che ciò che conta maggiormente sia l’effetto nel medio lungo periodo. Perché non è sicuramente un prodotto di cui apprezzi la “botta” nei primi giorni. E infatti sono qui a parlartene dopo 3 mesi di utilizzo dei miei “greens”.

La mia alimentazione non è cambiata negli ultimi mesi e nemmeno il mio carico di allenamento; faccio sempre la stessa noiosa vita, insomma. L’unica, sostanziale, differenza è che ora mi sento molto più bilanciato ed equilibrato, energico, oserei dire. Cambia proprio l’approccio alle giornate: mi sento più leggero ed efficiente. Anche negli allenamenti. E non è che prima avessi un’alimentazione squilibrata, semplicemente ora mi sento completamente bilanciato. Perché l’alimentazione perfettamente equilibrata non è affatto facile da raggiungere; anzi, a volte è più un’autosuggestione che un dato di fatto. So che può essere difficile capire, se non si è provato, ma la differenza tra il “prima” e il “dopo” si sente eccome.
E non ti nascondo che in questo periodo di riposo forzato, i miei “greens” mi danno un supporto notevole.

In definitiva

Atheltic Greens è un prodotto nuovo, sano, utile e studiato accuratamente. Certo il prezzo non è economico ma, come in tutte le cose, la qualità si paga. In questo caso poco più di 3 euro al giorno. E vale molto più di capuccino e brioche al bar. Senza dubbio.
Il mio consiglio è provalo per qualche mese e sentirai da solo la differenza: a me è successo proprio così.

 

Disclaimer: D’accordo con Athletic Greens (e solo per i lettori di Runlovers) chi prova il prodotto riceverà anche 20 bustine da viaggio in omaggio. Non è un’operazione di affiliazione; Runlovers non prende alcuna commissione sulle vendite del prodotto.

Altri articoli

2 COMMENTS

  1. Sono molto curiosa di provarlo ma non riesco ad accedere al link del vostro articolo per la promozione e l’acquisto 🙁🙁🙁

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

La Caesar Salad rivisitata di jamie Oliver

Perché a Jamie Oliver non si può non voler bene e si perdona pure l'aglio nella carbonara. Ah no. Questa non gliela perdoniamo. Ma andiamo avanti.

La playlist della primestate

Quest'anno la primavera è stata un po' strana, quindi abbiamo pensato di festeggiarla unendola all'estate. Con i più successi del momento!

Le gare virtuali sono il futuro, almeno quello più immediato

Prima di inorridire all’idea di una gara virtuale prova a pensare che ha anche i suoi punti forti

Brooks Virtual 5K per il Global Running Day: tutti insieme, anche fisicamente, in un’opera d’arte

Brooks, in occasione del Global Running Day, organizza una Virtual 5K per celebrare il running e creare un'opera d'arte con i partecipanti

Un modo per costruire la resistenza mentale

La resistenza fisica si allena con l’esercizio fisico. Quella mentale la si affina preparando la mente. A essere indifferente eppure focalizzata.

Nike Alphafly NEXT%: le scarpe dell’uomo più veloce del mondo sono in vendita

Dai piedi dell'uomo più veloce del mondo alla strada: le Nike Alphafly Next% del record di velocità sono in vendita

I vostri fuori soglia

Nella precedente puntata ti avevamo chiesto di raccontarci i tuoi fuorisoglia, quando cioè ti sei trovato in territorio sconosciuto, in tutti i sensi. Ecco sei dei vostri racconti.

Scelti dalla redazione

Siamo soli, facciamocene una ragione

La corsa è una metafora della vita, lo sappiamo bene. La fatica è nostra, i pensieri sono nostri, e la solitudine ne è una parte integrante. Che aiuta.

Una merenda perfetta i RunLovers

Un dolcetto che non si dimentica questo muffin -ma puoi fare anche plumcake, ciambelle o quello che ti piace di più- a base di banane.

Un programma di allenamento per ogni obiettivo

Tutti i programmi di allenamento: dalla 10K alla maratona e 4 tabelle extra per migliorarti.