ASICS Novablast, e chi se l’aspettava

Presentate come scarpe multipurpose - come direbbero alcuni - le Novablast riescono invece a essere molto più versatili di quanto ci si possa immaginare.

IN BREVE

Presentate come scarpe multipurpose - come direbbero alcuni - le Novablast riescono invece a essere molto più versatili di quanto ci si possa immaginare.

REVIEW OVERVIEW

Comodità
9
Estetica
8,5
Tomaia
9
Suola/intersuola
9
Peso percepito
9
Protezione
9
Rapporto qualità/prezzo
8,5

Articoli correlati

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe

Topo Athletic Ultrafly 3, e corri sui binari

Le Topo Ultrafly 3 hanno qualcosa che non tutte le scarpe da running hanno: l'equilibrio

Brooks Glycerin 18, la leggerezza delle nuvole

Quanto pesa una nuvola? Non importa: è più interessante correrci sopra, avendola ai piedi, come con le Brooks Glycerin 18

Asics Metaracer, e metti il turbo

Le Asics Metaracer non ti respingono, anzi: ti spingono, tantissimo
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 3 minutiQuando le presentarono, le ASICS Novablast erano raccontate come un nuovo tipo di scarpe, non tanto tecnologicamente (anche se in buona parte lo sono) ma soprattutto per il pubblico di riferimento. ASICS non faceva mistero del fatto che fossero pensate per un sportivo giovane e versatile. Dico “sportivo giovane” e non “runner giovane” non a caso: le Novablast infatti sono delle scarpe con più utilizzi: la corsa senz’altro ma anche l’allenamento indoor, la palestra, il crossfit. Hanno diverse applicazioni insomma o sono, in altri termini, verticali in diversi campi o discipline.

È lecito guardare con un po’ di sospetto una scarpa che sostiene di farti fare un po’ tutto ma voglio subito rassicurare in questo senso: non c’ho fatto crossfit né zumba ma per correrci le Novablast sono sorprendenti.

In effetti ASICS è stata chiara proponendole: lo sportivo per cui sono pensate è chi pratica diverse discipline cambiandole frequentemente, magari facendo più allenamenti al giorno. Non necessariamente quello o quella che fa sessioni lunghissime di allenamento, ma anzi, chi passa da 45 minuti di corsa a 30 di core per poi fare un’ora di camminata veloce. In quel senso le Novablast dovevano dimostrare la propria versatilità e in quest’ottica le ho provate.

Come corrono

Prima che tu te lo chieda: no, non le ho usate per fare altro che correre eppure proprio in uno dei diversi ambiti per cui sono state disegnate, le Novablast si sono rivelate sorprendenti nell’essere ottime scarpe da allenamento.
Forse è opportuno definire cosa intendo per “allenamento” perché in questo caso ha un’accezione particolare: non è la sessione in cui rifinisci la velocità, non è nemmeno quella in cui fai una distanza mostruosa. Non è né qualità né quantità. Eppure, pensaci bene: se non sei un runner che distingue già in maniera puntigliosa allenamenti di qualità e quantità allora significa che corri per il gusto di farlo. Senza lavorare sui tempi né sulla velocità o la distanza. Ti alleni per il piacere di farlo e quindi non vuoi pensare a cosa stai indossando ai piedi.
Questo per me è l’allenamento puro, che parte da quando ti allacci le scarpe e te le dimentichi. Le Novablast sono tutto questo.

Ok, ma come sono?

Sono morbide, hanno una pianta larga e molta, moltissima ammortizzazione e una tomaia molto traspirante e leggera. E un collare imbottito al punto giusto, dettaglio apprezzabilissimo e attorno al quale negli ultimi anni si fanno molte sperimentazioni non sempre riuscitissime.

Dovendo adattarsi a diversi ambiti infatti l’idea che se ne trae è che l’ammortizzazione, per esempio, non sia solo quella più indicata per la corsa ma abbia anche delle buone risposte in una sessione di burpees o di skip. Una scarpa da running ha, per definizione, un utilizzo e una direzione ben specifici: le forze che si imprimono sulla suola sono infatti distribuite longitudinalmente, dalla punta al tallone. Altre discipline sollecitano invece le scarpe in maniera diversa e in altre e più direzioni. Le Novablast le coprono un po’ tutte, riuscendo però a essere scarpe precise anche nella corsa.

Certo, più cose fa bene una scarpa, meno ne farà in maniera sopraffina, così come una scarpa da velocità non sarà mai adatta alle lunghe distanze e viceversa. Eppure la confidenza e la piacevolezza che ti danno le Novablast correndo non sono affatto trascurabili. È quella sensazione che, quando guardi le tue scarpe e decidi con quale correre, te le fa guardare e pensare “Ok, oggi esco con voi”.
È il giorno in cui magari non vuoi fare velocità né distanza. È il giorno in cui vuoi solo divertirti, pensare ad altro o non pensare proprio a niente.

Le ASICS Novablast sono in vendita nei migliori negozi di sport o sul sito ASICS al prezzo di 140 euro.

Altri articoli

2 COMMENTS

  1. Caro Martino,
    Complimenti per la passione nella descrizione innanzitutto.
    Se non sbaglio, ultimamente leggo sempre di meno se le scarpe siano da pronatori o supinatori (appartengo alla seconda razza, mercato piu ristretto), la differenza sta venendo un po’ meno?
    Grazie

    • Ciao Luca e grazie per le tue parole.
      Hai l’impressione giusta: negli ultimi anni le scarpe hanno sempre meno caratteristiche del genere, secondo me per due motivi:
      1) perché si è spinto negli anni passati sul far intendere che la pronazione o la supinazione fossero difetti da correggere (e il neutro invece era lo stato virtuoso) e
      2) perché le scarpe senza “correzione” o neutre sono adatte a più persone e la pronazione e la supinazione – qualora molto pronunciate – possono essere superate attraverso un’adeguata protezione.
      C’è una terza ragione ed è più individuale: io corro di avampiede quindi che la scarpa abbia una correzione in un senso o nell’altro per me è ininfluente perché il mio tallone non tocca praticamente mai terra. Per questo chi corre di avampiede è indifferente a che tipo di correzione ha o non ha una scarpa.
      Grazie ancora e buone corse!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe

Nike Air Zoom Tempo NEXT%: ammortizzazione e propulsione

La famiglia NEXT% di Nike si allarga con l'arrivo delle tempo. Pensate per allenamenti veloci e gare, nascono per essere veloci, propulsive e ammortizzate.

Le donne sono sempre più veloci e resistenti

La biologia ci insegna che il corpo maschile prevale su quello femminile. Ma fino a un certo punto (o a una certa distanza)

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

I test per misurare le prestazioni

In questa puntata di Fuorisoglia parliamo di quali test fare per capire le tue prestazioni nella corsa. Come sta il tuoi fisico? Come puoi migliorarti? Dal più semplice al più complesso, saprai tutto!

I test per conoscere meglio il tuo corpo

Una serie di test per conoscere meglio la tua condizione fisica

La prova dei 10 chilometri “tranquilli”

Un test molto interessante da svolgere su 10 Km - distanza che unisce velocità e resistenza - per misurare il risultato dei tuoi allenamenti senza caricare troppo.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.