Allenarsi senza pensieri

Tempo di lettura: 2 minutiCiao, sono Sandro e ho un problema. Adesso dovresti dire «Ciao Sandro», come durante le riunioni dei PA, i Problematici Anonimi. Un problema che, ammetto, mi limita spesso nei miei allenamenti: se sono preoccupato, pensieroso, teso, incazzato, non riesco ad allenarmi bene. Mi trovo in quella fastidiosissima condizione in cui le gambe girano ma la testa vuole fermarsi ogni singolo, maledetto e pesantissimo minuto che passa.

Penso ai problemi di lavoro, mi faccio prendere dall’ansia, ogni seccatura può diventare un ostacolo quasi insopportabile tra me e il completamento dell’allenamento che mi sono prefisso di fare.

«Va’ a farti curare da uno bravo», dirai. Anche, sì, potrebbe essere una buona opzione. Ma ho trovato un metodo che spesso mi aiuta: ascoltare un certo tipo di musica che ha la capacità di farmi svuotare il cervello mentre la ascolto.

È quella musica che, in alcuni casi, ti fa cantare da solo mentre sei in coda in auto oppure, in altri casi, esibirti in headbanging che farebbero impallidire i protagonisti di Wayne’s World mentre ascoltano Bohemian Rapsody (se non sai di cosa sto parlando, poco male: puoi andare a 1:48 qui). Per le proprietà magiche della musica, con una playlist pensata appositamente per svuotare il cervello, riesco ad allenarmi e allontanare i pensieri negativi e le preoccupazioni. Poi le endorfine fanno il resto. ;)

Chiaramente questa è la mia playlist (una parte perché l’originale è molto più lunga) e non garantisco che abbia lo stesso effetto su chiunque ma tentar non nuoce, no?!

Ovviamente, se funziona, mi offri un succo di frutta. Prego. ;)

Se te lo chiedi, sì, l’ultima canzone è dedicata a Jeff Bridges a cui vanno i nostri pensieri visto che, come direbbe the Dude, “New S**T has come to light”. Daje Jeff! <3

 

Credits immagine principale: Syda_Productions on DepositPhotos.com

Avatar
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Altri articoli come questo

La playlist di Manuel Agnelli

Ha un gusto eclettico e un grandissimo talento musicale. Da lui non ti puoi aspettare solo rock ma anche classica ed elettronica. È Manuel Agnelli

RunLovers Back to 2000

Nel 2000 avevamo 20 anni di meno e qualcuno di voi non era ancora nato. Nel 2000 la musica non era poi tanto diversa da oggi. Nel 2000 ascoltavamo questa musica

La playlist della primestate

Quest'anno la primavera è stata un po' strana, quindi abbiamo pensato di festeggiarla unendola all'estate. Con i più successi del momento!

RunLovers The Lyrics: la playlist delle canzoni con i testi più belli

Il filo conduttore di questa playlist è la qualità dei testi delle sue tracce. Come già successo, l'abbiamo fatta assieme a voi, durante una live di questa lunga quarantena. Grazie ancora!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.