Allbirds Tree Dashers, le scarpe da running (quasi) a impatto zero

Se la tutela dell'ambiente ti sta a cuore, le Allbrids Tree Dashers potrebbero essere la scarpa che cercavi

Articoli correlati

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

Lo strano caso delle scarpe LIDL

LIDL ha messo in vendita delle sneaker per cui tutti sono impazziti, fino a pagarle cifre assurde

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 3 minutiLa sensibilità ambientale è sempre più forte in questi ultimi anni ed era inevitabile che coinvolgesse anche il mondo del running, pur se marginalmente fino a ora.

Inutile nascondere che l’impatto ambientale delle scarpe con cui corriamo non è inesistente: sono quasi sempre fatte con materiali plastici o sintetici che hanno una impronta ecologica importante. Come la si misura? Calcolando che impatto ha la produzione, l’uso e lo smaltimento di un paio di scarpe, dalla materia prima, alla sua trasformazione e lavorazione, passando per il trasporto, l’uso e, alla fine, lo smaltimento.

Si calcola che una scarpa tradizionale in materiali sintetici abbia un’impronta ecologica pari a 12.5 kg CO2. L’obiettivo dei neozelandesi-americani di Allbirds è quello di arrivare a essere non solo carbon-neutral (cioè a emissioni zero) ma addirittura negativi, cioè di riuscire a sottrarre CO2 dall’ambiente, invece che emetterla. Per ora sono riusciti ad arrivare a un’impronta pari a 7.6 kg CO2, comunque un risultato notevole.

Come ce l’hanno fatta?

Come loro stessi dicono, iniziando a contare come e in che modo i loro processi producevano CO2. E poi operando per ridurli usando solo materiali naturali. Iniziarono anni fa producendo le prime sneaker in lana merino (di cui la Nuova Zelanda è ricca) che, contrariamente a quanto si pensi, se trattata adeguatamente non scalda il piede ed è anzi molto traspirante. Non immaginare insomma di indossare due maglioncini ai piedi ;)

Più recentemente hanno sviluppato anche delle scarpe da running che hanno attirato l’attenzione di adidas che ha stretto con Allbirds una partnership di collaborazione per portare il gigante tedesco al traguardo delle emissioni zero entro il 2050.

Tree Dashers, tutte al naturale

In un certo senso potremmo definire queste scarpe da running “scarpe di legno”. Non perché siano effettivamente in legno ma perché derivano quasi interamente dal legno. La tomaia è infatti in TENCEL™ Lyocell, una fibra ottenuta da legni cresciuti in Sud Africa che non utilizzano irrigazione meccanizzata ma solo acqua piovana, usando quindi il 95% in meno di acqua per crescere. La suola e l’intersuola sono in SweetFoam™, una schiuma ottenuta dalla canna da zucchero coltivata in Brasile, ancora una volta solo grazie alle acque piovane e senza usare impianti di irrigazione.


E non è finita: il lacci sono in filamenti ottenuti da plastiche interamente riciclate (con una bottiglia di plastica se ne fanno un paio) e gli occhielli sono fatti con microorganismi che mangiano e digeriscono la canna da zucchero.

Sembra un po’ una cosa cervellotica ed estrema ma il risultato è una scarpa molto bella e dal design minimalista che ti mette a posto con la coscienza e che fa un’ottima figura anche come sneaker da usare tutti i giorni.

Ok, dov’è il trucco?

Ti starai chiedendo dove sta l’inganno, perché sono belle, ecologiche, ci puoi correre e prendere l’aperitivo e… costeranno 300 euro, so che te lo senti. E invece no: le Tree Dashers costano 135 euro, un prezzo assolutamente ragionevole e, anzi, contenuto considerando quanto costa spesso essere sensibili alle questioni ecologiche.

Le puoi comprare solo sul sito Allbirds, a questo indirizzo o nei loro store fisici che purtroppo sono solo negli USA, in Cina e, in Europa, a Londra, Amsterdam e Berlino.

- Advertisement -

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

Lo strano caso delle scarpe LIDL

LIDL ha messo in vendita delle sneaker per cui tutti sono impazziti, fino a pagarle cifre assurde

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

La bici nell’Ironman

Per molti versi, la prestazione in un ironman si decide nella frazione in bici. Ecco come affrontarla, pianificarla e gestirla al meglio.

Correre con il caldo

Se non vuoi rinunciare a correre anche d'estate e col caldo, almeno fallo seguendo i consigli di RunLovers.