adizero adios Pro: la risposta adidas a chi vuole battere i record

Articoli correlati

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

adidas Adizero Adios PRO: WTFast

adidas presenta la sua scarpa più veloce di sempre: la Adizero Adios PRO. Un concentrato di ricerca e tecnologia, con un'anima molto forte

Nike (M), la prima collezione pensata per la maternità

Nike ha pensato alla maternità di tutte le donne (atlete o meno) con una collezione dedicata a loro
Sandro Siviero
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

Tempo di lettura: 3 minutiI più attenti probabilmente le avevano già “intraviste” ai piedi di alcuni atleti adidas durante le ultime competizioni ma non c’era ancora stato alcun lancio ufficiale – fino a ieri.

Come spesso avviene nel mondo automobilistico, puoi vedere un prototipo per strada ma non sai mai bene cosa si nasconda sotto allo strato superficiale; in questo caso c’è un’innovazione che non ti aspetti.

Infatti, se leggendo il titolo avrai pensato “ecco, è uscita un’altra scarpa con la piastra in carbonio”, sei andato decisamente fuori strada. E non perché non venga utilizzato o non esista una piastra in carbonio uguale all’altra (e i cambiamenti sappiamo che ne modificano sostanzialmente le caratteristiche) ma per il fatto che, nelle nuove adizero adios Pro, adidas ha fatto un lavoro progettuale molto approfondito e innovativo.

Come sono fatte?

Il cuore di questo nuovo progetto è sicuramente il sistema EnergyRods.

Come puoi vedere dalla foto qui sotto, il sistema EnergyRods è composto da cinque barre infuse di carbonio che replicano le ossa metatarsali, con lo scopo di mantenere la velocità per molto tempo riducendo lo sforzo e – particolare affatto trascurabile – amplificano la naturale ammortizzazione del piede.

L’intersuola è comporta da due strati di LightstrikePRO, l’innovativo materiale adidas pensato per essere estremamente leggero e garantire un grande ritorno di energia. Ovviamente, anche la tomaia CelerMesh è pensata per garantire il massimo della leggerezza, della traspirabilità, della flessibilità con il giusto supporto, dove serve. Proprio il supporto è fornito dalla placca in nylon e carbonio posizionata solamente nella zona del tallone che, anziché essere “immersa” nell’intersuola, ne è al di sopra e lavora con le EnergyRods per garantire sostegno alla caviglia e un movimento sempre fluido.

Una scarpa per gareggiare

Non credo ci siano grossi dubbi sul fatto che queste nuovissime adizero adios Pro nascono con l’unico scopo di gareggiare, infatti la lista dei tester che hanno contribuito allo sviluppo del prodotto è fatta da atleti di altissimo livello. Tra questi troviamo il detentore del record mondiale sulla 10K Rhonex Kipruto; i mezzi maratoneti Stephen Kiprop e Philemon Kiplimo; i maratoneti Amos Kipruto, Abel Kipchumba, Bethwell Yegon, Albert Korir e Tamirat Tola.

Al momento non conosciamo il prezzo ufficiale delle adizero adios Pro. Il lancio è previsto con un numero limitato di prodotti e, dal 30 giugno, attraverso l’app ufficiale adidas, quale ci si può registrare già oggi per poter avere la possibilità di acquistare il prodotto.

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

La regola dell’85%

A volte devi dare quasi il massimo per ottenere il massimo. Si chiama "La regola dell'85%" e sembra un paradosso. Ma non lo è.

Conosci te stesso per ripartire meglio

Ogni tanto è giusto fare il punto della situazione: come stai fisicamente? Sei pronto a fare il passo successivo? Come puoi saperlo? Facendo dei test e qui li trovi tutti!

Garmin Forerunner 745: tutto nuovo

Garmin ha presentato l'atteso Forerunner 745. Caratterizzato da altissimi contenuti tecnologici e funzionalità che aiutano ancora di più gli atleti.

Apple Watch si sdoppia ed è per tutti

Apple Watch arriva alla sua sesta versione. E mezzo.

Saucony Ride 13: correre in prima classe

Ammortizzate e confortevoli, grazie all'intersuola in PWRRUN e all'equilibrio, le Saucony Ride 13 sono perfette anche per le corse più lunghe

Nike Air Zoom Tempo NEXT%: ammortizzazione e propulsione

La famiglia NEXT% di Nike si allarga con l'arrivo delle tempo. Pensate per allenamenti veloci e gare, nascono per essere veloci, propulsive e ammortizzate.

Le donne sono sempre più veloci e resistenti

La biologia ci insegna che il corpo maschile prevale su quello femminile. Ma fino a un certo punto (o a una certa distanza)

Scelti dalla redazione

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

I test per misurare le prestazioni

In questa puntata di Fuorisoglia parliamo di quali test fare per capire le tue prestazioni nella corsa. Come sta il tuoi fisico? Come puoi migliorarti? Dal più semplice al più complesso, saprai tutto!

I test per conoscere meglio il tuo corpo

Una serie di test per conoscere meglio la tua condizione fisica

La prova dei 10 chilometri “tranquilli”

Un test molto interessante da svolgere su 10 Km - distanza che unisce velocità e resistenza - per misurare il risultato dei tuoi allenamenti senza caricare troppo.

6 consigli per correre al mattino presto

Non è facile svegliarsi presto al mattino e correre. Ma se segui questi consigli è più facile.