Topo Athletic Terraventure 2: il trail naturale in sicurezza

Topo Athletic Terraventure 2 sono un buon compromesso fra una scarpa natural e una protettiva. Ma con leggerezza

Comodità
8
Estetica
7
Tomaia
8
Suola/intersuola
9
Peso percepito
8
Protezione
9
Rapporto qualità/prezzo
7,5

Articoli correlati

ASICS Novablast, e chi se l’aspettava

Presentate come scarpe multipurpose - come direbbero alcuni - le Novablast riescono invece a essere molto più versatili di quanto ci si possa immaginare.

Le novità di La Sportiva per il trail running 2021

Nello spirito de La Sportiva c'è la montagna, così come nella sua collezione da trailrunning per il 2021

Per chi sta dietro le quinte

Dietro un campione o dietro tante cose della vita c'è il lavoro silenzioso di persone che non appaiono mai come protagonisti. Ma guai se non ci fossero

Brooks Adrenaline GTS 20, la stabilità è comodissima

La ricerca dell'equlibrio e della leggerezza in un tutto armonico: ecco le Brooks Adrenaline GTS 20
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 3 minutiSe ami il trail la scelta che il mercato ti offre è molto varia. Se ami anche la corsa naturale l’offerta è invece un po’ più circoscritta. Ci sono modelli un po’ – come dire – “estremi”: molto leggeri e con poca ammortizzazione per esaltare quello che un trail runner che corre natural cerca di più, cioè il contatto con il suolo, la percezione di “madre terra”. Ma non tutti quelli che amano il trail hanno anche piedi così allenati da poter fare a meno di un generoso spessore protettivo sotto i piedi. Almeno finché non si arriva alle Topo Athletic Terraventure 2.

Protezione, prima di tutto

Una scarpa natural deve sempre avere alcune caratteristiche: drop nullo o contenuto, puntale spazioso e leggerezza. Negli ultimi anni si è fatta qualche concessione all’ortodossia che voleva un’ammortizzazione praticamente inesistente. Anche per venire incontro ai runner meno allenati ma che volevano comunque correre in maniera natural (cioè di avampiede e senza che la geometria della scarpa li spingesse ad appoggiare il tallone prima del mesopiede) il mercato ha offerto scarpe più comode e generose negli spessori dell’intersuola.

Le Terraventure 2 sono una via di mezzo fra quelle più estreme e quelle più ammortizzate: hanno dai 22 ai 25 mm di sostanza sotto la pianta (hanno infatti un drop di 3 mm) e una certa rigidità strutturale che comunica solidità e protezione una volta calzate.

La sensazione è insomma quella di avere infilato i piedi in qualcosa che è studiato per proteggerli. I primi passi potrebbero darti l’impressione di un’eccessiva rigidità ma in parte si tratta del necessario tempo che la scarpa richiede per “mollarsi” e adattarsi al piede e in parte alla presenza di supporti protettivi, come il rock plate sulla suola per proteggere da sassi e asperità del terreno.

Andiamo a correre?

Come detto, la prima impressione non è quella di scarpe natural, se non altro nel feeling: sono infatti meno flessibili di una scarpa di questo genere. Ma si tratta pur sempre di scarpe da trail che per vocazione sono più rigide delle cugine stradali, proprio perché gli è richiesto un livello di protezione più elevato.

Quando invece inizi a correrci dimentichi presto questa sensazione perché prevalgono altre caratteristiche, come il puntale spazioso che permette alle dita del piede di aprirsi ed esercitare tutta la spinta di cui, in particolare in un trail, hai bisogno.

La percezione della sicurezza però non ti abbandona mai ed è particolarmente apprezzabile quando abbandoni l’asfalto per salire su sentieri più selvaggi.

Il test

Ho provato le Terraventure 2 su asfalto bagnato, su fondo fangoso, su neve e su ghiaccio. Le condizioni del terreno non erano le più indicate perché, per caso e per forza, non avevo a disposizione sentieri o rocce asciutte. Diciamo insomma che si trattava dei fondi più estremi che potessi trovare. Non è corretto giudicare una scarpa da trail sul fango o sulla neve perché, per forza di cose, si tratta di superfici sulle quali è difficilissimo se non impossibile ottenere grip con suole da trail normali. Ma devo dire che la suola Vibram XS-Trek si è dimostrata più capace e affidabile di quanto pensassi. Si tratta pur sempre di un test non perfettamente calibrato perché è un po’ come guidare e giudicare un’auto per come si comporta su una pista da pattinaggio, eppure ne ho avuto sensazioni positive, oltre all’apprezzabile confidenza che mi hanno dato.

Le caratteristiche della scarpa natural aiutano molto a fartele piacere: come dicevo, il puntale largo serve e anche molto in fase di spinta e anche il drop basso, specie in fase di discesa, aiuta a non sedersi sul tallone e a lavorare di avampiede, che è il modo migliore per scendere (anche se potrebbe sembrare poco intuitivo).

Se ti piace correre natural e ti piace anche il trail, le Topo Athletic Terraventure 2 sono senza dubbio una buona risposta :)

Puoi comprare le Topo Athletic Terraventure 2 nei migliori negozi specializzati o direttamente sul sito di Topo Athletic a 160 euro.

Processed with VSCO with a6 preset

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

L’allenamento per principianti per fortificare i muscoli

Specie quando hai iniziato da poco a correre ti concentri solo su quello: correre. Invece è meglio fare anche altri esercizi per fortificare il resto del corpo

Conosci la food obsession 2020?

Sì è lui: il dalgona coffee. La food obsession 2020 che ha fatto il giro del mondo. Tutto comincia in Corea ma a ben guardare affonda radici che riguardano anche i nostri ricordi.

Come idratarsi quando ci si allena

L'idratazione, soprattutto nei periodi più caldi dell'anno, è estremamente importante. Ecco alcuni consigli su come idratarsi prima e durante l'allenamento

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Vegan Banana Bread

Conoscono tutti il Banana Bread e di sicuro anche tu. È un pane alla banana tipico statunitense composto da purea di banana. Quella che...

Gli effetti del caldo sul corpo

Cosa succede al tuo corpo quando fa caldo? RunLovers te lo spiega.