Tempo di lettura: 4 minuti

No, non è un titolo acchiappaclick, è proprio vero: scegliere gli occhiali giusti per correre, pedalare o nuotare è un passaggio importante che potrebbe influenzare la nostra performance, il nostro comfort. E può fare la differenza tra godersi un allenamento o tornare a casa insoddisfatti.

Può sembrare un aspetto secondario ma – a smentire ogni dubbio – ecco quattro motivi per cui è invece molto importante:

1. Gli occhiali proteggono i nostri occhi dai raggi UV che possono danneggiare i tessuti oculari. Perché, anche se non si pensa, pure l’occhio può scottarsi al sole, soprattutto in condizioni di luce forte o attraverso la rifrazione in acqua e i danni possono essere importanti.
2. Ci permettono di vedere meglio la strada e, con essa, i pericoli che ci possono essere, diventando così più reattivi di fronte alle – tocchiamo ferro non succeda mai – situazioni di pericolo.
3. Proteggono gli occhi da corpi estranei come i maledetti moscerini o, peggio, i piccoli detriti che possono essere sollevati dalle auto che incontriamo. È anche una questione mentale: ci si sente più “protetti” diventando un ulteriore aspetto che contribuisce alla nostra tranquillità durante l’allenamento.
4. Quando il sole non ci acceca, abbiamo un’espressione più rilassata ed è molto importante per la prestazione. È stato uno dei segreti di Baldini durante la maratona olimpica di Atene corsa quasi interamente con il sole in faccia. Meno muscoli coinvolgi nello sforzo, più energia risparmi. Sembra banale ma non ci si pensa, vero?

Ma come si scelgono gli occhiali per correre, pedalare o nuotare?

Sullo stesso argomento:
Come recuperare prima e meglio, dopo un allenamento

Gli occhiali per correre e pedalare

Innanzitutto rispondiamo alla domanda che ti sarai posto subito “posso usare i miei comuni occhiali da sole per fare sport?”, perché lo so che te lo stai chiedendo. E la risposta è sì, basta abbiano le lenti infrangibili e un adeguato filtro UV. Ossia, tanto per “essere chiari” (il gioco di parole non è voluto), se sono occhiali di qualità, puoi usarli senza problemi.

O meglio, puoi usarli ma, probabilmente, qualche problema potresti averlo perché con il sudore gli occhiali potrebbero scivolare, oltre al fatto che spesso sono più pesanti dei modelli sportivi e quindi diventare un fastidio nelle uscite lunghe e impegnative. Per farti un esempio, io uso spesso dei Briko Superleggero 2 che – come dice il nome stesso – pesano 21 grammi, lenti comprese e, quando li hai addosso, praticamente non li senti.

Parlo di occhiali per correre o pedalare perché non c’è differenza sostanziale e sono, fondamentalmente, la stessa tipologia di prodotto.

Le cose da prendere in considerazione quando si acquistano sono abbastanza semplici:
1. Protezione dai raggi UV: per i motivi che abbiamo già visto prima;
2. Tipologia di filtro luminoso: le lenti possono limitare quantità variabili di luci e colori e, in alcuni prodotti come le Prizm di Oakley, migliorare la visione in strada o nei contesti off-road per fare sport in modo più sicuro;
3. Peso, robustezza e qualità costruttiva: se non fossero un elemento protettivo, probabilmente non li useremmo nemmeno. Quindi è sempre meglio puntare su prodotti validi e di brand noti.
4. Possibilità di cambiare le lenti: molti modelli danno la possibilità di intercambiare le lenti senza sostituire la montatura. Usando quindi tipi di filtro diversi in base alle condizioni atmosferiche. Questo è indubbiamente un plus da tenere d’occhio.
5. Estetica: perché siamo tutti vanitosi, no?! ;)

Giusto per citarti le marche più famose, oltre a Oakley e Briko già citate, aggiungerei anche 100%, Rudy Project e Salice; solo per dire le prime che mi vengono in mente.

Sullo stesso argomento:
Come organizzare la giornata per allenarti meglio

Gli occhiali per nuotare

Abbiamo già parlato di come scegliere gli occhialini da nuoto ma, in questo caso, vorrei concentrarmi soprattutto sull’aspetto ottico e su quanto sia importante – soprattutto nel nuoto in acque libere.

Già, perché se in piscina le lenti trasparenti vanno benissimo, quando nuoti all’aperto è indispensabile proteggere gli occhi con lenti filtranti, meglio se polarizzate in modo da avere una vista ottimale della direzione in cui stai andando e non affaticare la visione.

La scelta della forma dell’occhiale è invece a tua completa discrezione, personalmente preferisco gli occhialini classi o a mascherina per una esclusiva questione di comfort. Ma è soggettivo.
Io uso uso gli Zoggs Predator Flex Titanium Reactor che, oltre a essere molto comodi per me, hanno le lenti fotocromatiche. Certo, non sono propriamente convenienti ma – come dico sempre – a volte risparmiare qualche euro può essere controproducente in termini di comodità e può limitare il divertimento.

Sullo stesso argomento:
Aumentare la velocità nella corsa

E chi ha bisogno delle lenti correttive?

Questo è un tema abbastanza “problematico”. Dipende ovviamente dal tuo grado di correzione ma, comunque, ci sono tre soluzioni che ti possono essere d’aiuto.

La prima è optare per le lenti a contatto ma non tutti (come me) amano usarle o si trovano a proprio agio.

La seconda possibilità – altrettanto ovvia – è utilizzare degli occhiali da vista. Come sai si possono fare con le lenti da sole, anche polarizzate. Certo, magari dovrai scegliere una montatura che non è pensata per lo sport, ma va benissimo così: è meglio comunque vedere perfettamente.

La terza opzione è scegliere una montatura adatta allo sport e al montaggio delle lenti da vista. Non sono molte e non sono molti i brand che offrono soluzioni di questo tipo ma, un ottimo lavoro su questo fronte lo sta facendo Rudy Project che offre diverse soluzioni, tutte interessanti e da valutare.

Io sono leggermente miope e uso lenti a contatto oppure occhiali da sole “generici” con le lenti da vista ma mi può capitare di uscire a correre anche senza nulla. Finché vedo buche, auto e pericoli, mi sento tranquillo e sicuro; ma è il mio – personalissimo – caso.

Ciò che conta è non trascurare mai, mai, mai, un aspetto importante per la nostra sicurezza come la vista.

 

 

(Immagine principale: GaudiLab on DepositoPhotos.com)

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

2 COMMENTI

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.