Running with Jimi Hendrix

Hendrix è stato uno dei musicisti più importanti della storia sia per come innovò il modo di suonare la chitarra sia per la sua capacità di trasmettere un messaggio umano, sociale, universale

Articoli correlati

RunLovers Back to 2000

Nel 2000 avevamo 20 anni di meno e qualcuno di voi non era ancora nato. Nel 2000 la musica non era poi tanto diversa da oggi. Nel 2000 ascoltavamo questa musica

La playlist della primestate

Quest'anno la primavera è stata un po' strana, quindi abbiamo pensato di festeggiarla unendola all'estate. Con i più successi del momento!

La Playlist delle Nostre Serie TV preferite

Basta sentire qualche nota e ti si accende in testa una memoria: è quella delle serie TV che hai amato. Ecco quelle che preferiamo (e preferisci)

RunLovers The Lyrics: la playlist delle canzoni con i testi più belli

Il filo conduttore di questa playlist è la qualità dei testi delle sue tracce. Come già successo, l'abbiamo fatta assieme a voi, durante una live di questa lunga quarantena. Grazie ancora!
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 2 minutiIl 18 agosto di 50 anni fa Jimi Hendrix salì sul palco del festival di Woodstock. Era il terzo  giorno di quella kermesse sonora per molti versi folle e improvvisata. Il giorno prima aveva piovuto violentemente e parte del pubblico era stremato dall’attesa e da giorni ininterrotti di musica e attività ricreative “alternative”. Parte se n’era già andata e Hendrix imbracciò la sua Fender Stratocaster che era ormai l’alba. Quello che eseguì però non fu quello che si aspettava il pubblico, o almeno non del tutto. Quella musica però era destinata a restare nella storia, non per la melodia in sé – che poi tutti conoscevano benissimo – ma per come lui la eseguì. Dalla sua chitarra quel giorno uscì un Inno Americano che nessuno aveva mai sentito. Le note erano percepibili e riconoscibili ma l’impasto sonoro era una cosa mai sentita prima: la Fender di Hendrix aveva una voce, urlava, lacerava il silenzio di quell’alba, rombava come bombardieri in picchiata sul Vietnam bombardato, tuonava e tornava a soffrire e sanguinare. Quella non era solo la voce della sua chitarra e di Hendrix: era la voce di un popolo e lui l’aveva fatto parlare per la prima volta nella storia. Quella voce raccontava tutte le sofferenze delle minoranze, degli oppressi, gli orrori della guerra, le lacerazioni di una società straziata dai contrasti e dalle violenze. Quello era il vero inno: era un inno di dolore.

Alcuni definirono quell’esecuzione irrispettosa, altri dissacrante, altri geniale. Ma quella non era solo musica. Era una voce che diceva cose difficili, era un grido potentissimo lanciato da un figlio di quella nazione che sapeva usare alla perfezione due strumenti: la voce e la chitarra. E li usava così bene che li scambiava, con una maestria e un’eleganza che nessuno è mai riuscito a replicare. Poteva parlare con la chitarra o suonare con la voce e poi fare il contrario. Poteva unire funky, rock e blues e mescolarli in qualcosa di mai sentito. Poteva prendere la tradizione musicale americana e farla diventare una cosa mai sentita prima, innovando allo stesso tempo la tecnica con cui suonare la chitarra e dandole suoni e vibrazioni mai sentite.

Era maniacale nella sua ricerca della perfezione: spese una fortuna gli ultimi anni della sua vita per costruire uno studio di registrazione all’avanguardia e si dice che arrivò a registrare decine di volte la stessa traccia finché trovò quella che gli andava bene (esasperando nel frattempo il resto della band e i tecnici che li registravano).

Doveva arrivare a dire esattamente quello che aveva in testa ed era chiaro che non si trattava solo di musica. Il suo era un discorso pubblico, di impatto sociale, fatto di rivendicazioni politiche e pacifismo.

Hendrix non scrisse ed eseguì solo musica straordinaria e perfetta. Non innovò solamente il modo di suonare la chitarra elettrica (Rolling Stone USA l’ha definito il più influente e importante chitarrista della storia). Hendrix salì su un palco e fu la voce di una generazione, di una nazione, di un’umanità.

(Photo Hannu Lindroos / Lehtikuva)

- Advertisement -

Altri articoli

4 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

- Advertisement -

News più recenti

New Balance Fresh Foam More v2 e Trail v1: do more

Su strada e fuori strada: New Balance presenta due importanti novità che promettono ammortizzazione, sicurezza e leggerezza

Lo strano caso delle scarpe LIDL

LIDL ha messo in vendita delle sneaker per cui tutti sono impazziti, fino a pagarle cifre assurde

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang
- Advertisement -

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

La bici nell’Ironman

Per molti versi, la prestazione in un ironman si decide nella frazione in bici. Ecco come affrontarla, pianificarla e gestirla al meglio.

Correre con il caldo

Se non vuoi rinunciare a correre anche d'estate e col caldo, almeno fallo seguendo i consigli di RunLovers.