Perché corro

Tempo di lettura: 3 minuti

Inizia My Running Heart, la nuova rubrica di Federica Sartini. Ci troverai interviste, motivazione, un punto di vista sensibile e un modo di vedere la corsa molto personale e profondo. Soprattutto, in quel “running”, puoi trovarci tutti i significati che vuoi; perché ci sono tutti. Benvenuta, Federica!


 

Mi chiamo Federica, sono una runner e quando mi sono trovata a pensare a un nome da dare a questa rubrica nella mia mente si è prodotta l’immagine di una distesa di montagne innevate e io, finalmente al posto giusto, lì, intenta a completare la mia scalata. Cosa c’entra la corsa con tutto ciò?
Molto più di quanto avrei mai immaginato.

Correre c’entra con tutta la mia vita, passata, presente e con quella sperata, perché un giorno me ne sono innamorata e da allora nulla è più stato come prima.

Riappropriarmi di me stessa

Molti anni fa ho sofferto di un disturbo alimentare e posso dire senza alcun dubbio che uno dei motivi per cui corro è che posso farlo, ora, mentre non era così scontato che avrei potuto; il mio corpo aveva raggiunto una magrezza tale per cui a un certo punto tutto si è fermato. Come circondata da un grande silenzio, da una coltre di nebbia che chissà da cosa speravo mi avrebbe protetto, mi sono ritrovata immobile e congelata. Ci son voluti alcuni anni per capire come tornare a vivere e, anche, perché. Anni di grandi cambiamenti, di pensieri, lotte ed esplorazioni, di meravigliose risoluzioni. Anni in cui ho capito che questo corpo che ci porta in giro può anche non appartenerci in alcuni momenti e che a volte è necessario sgomitare un po’ per riappropriarcene.

Sullo stesso argomento:
Tutto può cambiare

Come potevo sentire mio un corpo senza energia, che mi pareva sempre e comunque inadeguato, che faticavo a portare nel mondo perché potesse fare, respirare, urlare?
Ma che il corpo sia vitale è condizione necessaria anche per amare e ditemi voi a cosa vale una vita senza battiti di cuore.

Ho ripreso a nutrire il mio corpo dopo aver ripreso a nutrire la mia anima di nuovi sogni e desideri e la corsa ha superato molte cose che volevo o credevo di volere. Credo di aver iniziato come a volare. Per camminare, da un luogo all’altro o nella vita, ci vuole forza nelle gambe e nel cuore ed è così che la corsa è diventata metafora di ciò che più di ogni cosa auspicavo tornasse a riempire le mie giornate: l’amore per la vita.

Allacciare le scarpette nel gelo dell’inverno o nel caldo torrido delle nostre estati, richiede che il corpo sia in forze e in salute, che scorra linfa senza interruzioni, che i motivi per cui attraversiamo questo mondo, avendo scelto come mezzo di trasporto i nostri stessi piedi, siano la benzina che ci muove, la chiave che accende il desiderio di uscire, il sole che fa crescere il maestoso albero che siamo.

Un cuore che corre

Ecco che significa “corro perché ora posso farlo”, corro perché ho deciso di attraversare la vita come i lupi rimasti in alcuni angoli del mondo, magari feriti, a volte costretti a nascondersi, persino a sparire, ma sopravvissuti e tornati poi nel mondo ancora più forti.

Sullo stesso argomento:
È solo sport, non salverà il mondo, ma ci cambierà la vita: l'intervista a Stefano Baldini

Correre è un movimento antico, ci riconnette con la natura di cui siamo fatti, ci ricorda che siamo ancora un po’ selvaggi e che non tutto ciò che siamo costretti da questo mondo a considerare è poi così importante. Un passo dopo l’altro, un po’ di fatica e la natura sotto i piedi, la corsa è davvero una possibilità per capire chi siamo e magari, se siamo fortunati, anche dove il destino vuole che andiamo.

Che la vita ci sorprenda sempre, che tutti possano scoprire il Running Heart di cui sono fatti, iniziamo questa nuova avventura.

CONDIVIDI
Runner e Specializzanda in Psicologia Clinica, Federica è Referente Territoriale, Consigliere Esterno per Giovani Psicologi Lombardia. Si occupa di disturbi alimentari ed è appassionata di motivazione.

6 COMMENTI

  1. Bravissima Federica! Sei vera coach di se stessa e stimoli li altri a fare altrettanto! Continua per questa strada sicuramente impegnativa ma realizzabile come ci sempre hai dimostrato in tuo stile sano di vita! Auguri! Saluti da Perugia Fra Janusz

  2. ❤❤❤🤗🏃‍♀️🏃‍♀️🏃‍♀️📒”Credo di aver iniziato come a volare.”….quant’è vera e quant’è bella questa sensazione!

  3. “Correre è un movimento antico, ci riconnette con la natura di cui siamo fatti, ci ricorda che siamo ancora un po’ selvaggi e che non tutto ciò che siamo costretti da questo mondo a considerare è poi così importante.”
    In cinque righe tutta l’essenza della corsa. Cominciamo questo viaggio….

  4. Splendido articolo. Grazie Federica.
    Io ho iniziato a correre per non “affondare” nelle sabbie mobili di un dolore grande che mi ha pietrificata per tanto, troppo tempo.
    Ho 58 anni e non avevo mai corso prima (lo trovavo noioso e ritenevo di non poterlo/saperlo fare). Ora corro e … ascolto il mio cuore che è tornato a battere e sono grata al mio corpo per supportarmi in questa “corsa” che non so dove mi porterà, ma che sicuramente mi ha tolta dal .. pantano in cui ero :-)

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.