Pensa positivo

Un buon sistema per migliorare (in molte cose, non solo la corsa) è cambiare il proprio modo di pensare. Se pensi negativo ti succedono cose negative. Se pensi positivo? Beh, già lo sai.

Articoli correlati

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

L’allenamento per principianti per fortificare i muscoli

Specie quando hai iniziato da poco a correre ti concentri solo su quello: correre. Invece è meglio fare anche altri esercizi per fortificare il resto del corpo
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 4 minutiNegli ultimi tempi ho preso gusto a fare un gioco mentale e linguistico. È molto semplice ed efficace e si basa sull’influenza che il pensiero ha nella vita quotidiana.

“Quello che siamo è il risultato di ciò che abbiamo pensato” diceva Buddha e pur non essendo buddista questa frase mi ha sempre fatto riflettere. Se pensare negativo, per esempio, aumenta le possibilità che il risultato dei tuoi sforzi – o delle tue inerzie – sia proprio negativo, perché non pensare positivo in primo luogo?

Ora non citerò Jovanotti e il suo Penso Positivo. Quello che mi è venuto in mente è diverso e non c’entra con l’ottimismo ingiustificato. C’entra con un diverso atteggiamento mentale e linguistico.

Arrivo al punto.
L’esercizio che mi sono imposto è questo: non usare mai negazioni nei ragionamenti che faccio.
Il più semplice è “Non ce la farò mai” o “Non è possibile (farcela, riuscirci, ecc.).
Se penso in chiave positiva già dalla costruzione del ragionamento e poi nel modo di esprimerlo qualcosa può cambiare?
Sì, cambiano molte cose.

Il marketing applicato

Una volta vidi un film che si chiamava “Il negoziatore” o qualcosa del genere. Non ne ricordo praticamente niente salvo una cosa che mi insegnò dei negoziatori: quando parlano con i sequestratori non devono mai usare forme negative. Qualsiasi diniego, negazione, ostacolo è bandito. Ogni pensiero deve essere positivo, possibilista, realistico e realizzabile.

Una buona tecnica di marketing si fonda su questo atteggiamento: parlare solo dei lati positivi di un prodotto, minimizzando o eludendo quelli negativi. Come potrebbe essere altrimenti del resto?

E la corsa cosa c’entra?

Sei arrivato fin qui e giustamente ti chiedi dove voglio andare a parare e cosa c’entra la corsa. Ora ci arrivo.

Se fai attenzione in entrambi i casi che ho citato prima – il negoziatore e il marketing – le negatività non vengano annullate ma restano sullo sfondo. Tutti sanno che ci sono ma qualche magia le relega nell’ombra. Sia il negoziatore che il sequestratore sanno che la cosa, per l’uno o per l’altro, potrebbe finire malissimo; il responsabile marketing e il consumatore sanno che ogni prodotto ha dei difetti, ma magicamente questa constatazione può essere sospesa. Rimane nell’ombra e nessuno, momentaneamente almeno, ci fa caso.
Come è potuto avvenire questo rovesciamento di prospettiva? Grazie al linguaggio: l’uso di parole diverse ha creato una realtà diversa, o almeno la percezione di una realtà diversa.

La realtà in sé non è cambiata ma è cambiato radicalmente l’atteggiamento che si ha verso una certa situazione.

Partendo da questo presupposto mi sono chiesto se evitare di usare negazioni nel pensare alla realtà poteva cambiare qualcosa.
Siccome questa operazione avviene solo a livello mentale, a esserne modificata è solo la percezione che hai di una certa situazione. Quello che però accade nella tua testa è straordinario: lo sforzarti di pensare il più possibile positivo ti obbliga a uno sforzo mentale non indifferente. Perché si è più portati a essere pessimisti e negativi? Perché è più facile e si fa meno fatica, punto.
Se invece ti sforzi di non pensare mai in termini negativi e soprattutto di trovare parole per esprimere la tua prospettiva su una certa realtà solo in termini positivi la vedrai improvvisamente sotto una luce diversa, capace di illuminare tutte le zone d’ombra di una situazione. In quelle zone ci sono tutte le possibilità che non avevi considerato perché ti eri concentrato solo su quelle più problematiche e negative.

Ok, ma in pratica?

Riassumendo: questa tecnica non nega che esistano aspetti negativi in una situazione ma decide solo di metterli sullo sfondo. Loro continuano a esserci ma non in primo piano.
Un caso tipico? “Non riuscirò mai a scendere sotto i 5 min/km”. Questa è la tipica considerazione che predispone già il tuo cervello a istruire il tuo corpo che è inutile sforzarsi tanto, perché non ce la farai mai. Infatti non ce la farai perché partirai scarico o non partirai neppure.

Se releghi in secondo piano l’impossibilità di scendere sotto i 5 min/km (che continui a sapere essere molto realistica) e riformuli dicendoti “È molto motivante qualsiasi tempo io riesca a fare inferiore a quello medio attuale” ti apri la strada a migliorare e correre più velocemente, poco alla volta.
Una tecnica simile viene usata da alcuni coach: invece che stabilire dei traguardi per le persone che allenano li invitano a dirsi “Voglio vedere se riesco a”. Se riesco a correre più forte, se riesco a non fermarmi mai, se riesco a correre con la pioggia.
È evidente che la costruzione del pensiero stesso è diversa da quella della constatazione negativa: il “voglio vedere” è attivo, o proattivo, come direbbe qualcuno: è un atteggiamento che mira a porre le basi per una soluzione positiva.
Mentalmente ti permette di spostare la sfida dalla realtà a te stesso: il “voglio vedere” indica curiosità e senso di sfida verso se stessi. Non stai più cercando di battere un tempo astratto ma te stesso: quello più lento di ieri.

Del resto lo diceva anche Bruce Lee: “Egli è poiché pensa di essere”. Non è perché si è allenato, perché ha vinto, perché ha battuto un altro. È diventato qualcuno perché prima di tutto ha pensato di essere quello che voleva divenire.

La forza del pensiero non cambia la realtà delle cose ma cambia il tuo atteggiamento verso di esse e del resto si sa: non conta ciò che ti succede ma come lo affronti. Cambia le parole che usi e cambierà il tuo pensiero. Cambia il tuo pensiero e cambierai il modo di affrontare la realtà. Se il tuo pensiero è positivo sai già come può cambiare la percezione che ne hai.
Buon cambiamento a te.

(Photo by Alexander Krivitskiy on Unsplash)

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Il latte di mandorla siciliano

Sorseggiato con del ghiaccio sotto il patio e un libro in mano guardando le onde. Ecco la vera Estate siciliana

L’alimentazione dopo l’allenamento

In che maniera e con cosa bisogna alimentarsi dopo un allenamento? Vediamo nel dettaglio come gestire l'allenamento anche nell'alimentazione

Il caldo può farti correre meglio

Correre con il caldo non è solo un ottimo allenamento mentale ma anche fisico: ecco perché, secondo la scienza

Brooks Glycerin 18, missione morbidezza e protezione

Più morbide, più leggere, sempre reattive e versatili: ecco la 18a versione delle Brooks Glycerin

Wilson Kipsang squalificato per 4 anni

Dopo le indagini, la sentenza: quattro anni di squalifica per Wilson Kipsang

Basta pancia! Ecco come farla diminuire in poche mosse

Come diminuire la pancia? Con la triade: alimentazione, allenamento e recupero/riposo. E qualche accorgimento.

Correre fa bene alla memoria, migliora come pensi, ti rende felice

Nuove ricerche confermano che correre non solo fa bene al cervello ma aumenta le capacità mnemoniche e quelle motorie

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Vegan Banana Bread

Conoscono tutti il Banana Bread e di sicuro anche tu. È un pane alla banana tipico statunitense composto da purea di banana. Quella che...

Gli effetti del caldo sul corpo

Cosa succede al tuo corpo quando fa caldo? RunLovers te lo spiega.