L’abbigliamento da running non è tutto uguale

Tempo di lettura: 3 minuti

“Una maglietta è sempre una maglietta”, quante volte hai sentito (o detto) questa frase? Sicuramente molte. E sappiamo entrambi che non è del tutto vera perché l’abbigliamento non è tutto uguale.

La riflessione mi è nata perché, nelle ultime settimane, ho avuto la possibilità di provare l’abbigliamento i-exe. Soprattutto quando si parla di tessuti a diretto contatto con la pelle, la differenza la percepisci immediatamente, appena li indossi.

Di che abbigliamento parliamo?

i-exe è un’azienda che progetta e produce in Italia con elevati contenuti tecnici: le maglie non sono solo oggetti per non uscire a torso nudo, i pantaloncini non sono soltanto indumenti per non uscire con… beh, hai capito.

Il contenuto tecnico va dalla costruzione del filato, fino al design del prodotto. Potrei parlarti di polipropilene a fibra cava (che migliora la termoregolazione), di poliammide bioceramico (per lo smaltimento più veloce delle sostanze tossiche) oppure di struttura 3D, compressione alternata e taping dinamico (per dare sostegno ai muscoli e migliorare la circolazione); ma avrebbe senso? In fondo le domande, le uniche che contano davvero sono…

Come va? Serve davvero?

Io ho provato alcune t-shirt, calze e i pantaloncini da ciclismo e la risposta breve è: va bene e serve parecchio!

Ma veniamo alla risposta un po’ più lunga e completa. Già a partire dai prodotti più economici (le Color Line T-shirt) si percepisce un comfort notevole. Effetto dato dalla morbidezza del tessuto che annulla qualsiasi possibile sfregamento e da una termoregolazione molto efficiente: il filato con la fibra cava infatti limita lo sbalzo termico e permette alla pelle di lavorare alla temperatura ottimale. Inoltre una compressione sempre discreta rende i movimenti fluidi dando un sostegno non invadente ai muscoli quando corriamo.

Salendo di prezzo, troviamo le maglie High Performance con una compressione maggiormente studiata e distribuita su più aree del torace e delle braccia, e le Gold Running con la zip che, soprattutto nelle corse più lunghe (o i trail) è estremamente utile.

E poi ci sono i pantaloni che, mantenendo le caratteristiche di traspirazione e comfort, sostengono i muscoli in modo estremamente utile per ridurre l’inevitabile affaticamento muscolare.

Cosa ti aspetti dall’abbigliamento?

Onestamente la prima cosa che voglio dall’abbigliamento tecnico è – come per le scarpe – non sentirne la presenza. Dimenticarmene e goderne i benefici. Ed è esattamente quello che succede con l’abbigliamento i-exe: fa il suo lavoro, porta i benefici che ti aspetti, ma non è una presenza invadente. È evidentemente progettato partendo proprio da questo, per metterti nelle condizioni di correre meglio.

Vale la spesa?

Circa 60 euro non sono pochi per una t-shirt come prezzo di partenza, lo so. Facendo un rapido conto, penserai di potertene comprare almeno tre con la stessa spesa. Ma la risposta sta nella differenza tra la quantità e la qualità. Per quanto mi riguarda, preferisco comprare due cose di qualità anziché avere l’armadio pieno. Con il rischio di dover pure chiamare Marie Kondo perché ti aiuti a mettere in ordine.

Quindi sì: i contenuti tecnici e l’efficacia dell’abbigliamento i-exe valgono assolutamente la spesa, soprattutto se ti alleni per gare di media o lunga distanza. In quel caso apportano benefici notevoli. Come grandissimi sono i benefici che puoi trarre – se, come me, pedali – dall’usare i Tech-pad Bike Pants. Credo siano tra i migliori pantaloncini da ciclismo che io abbia mai usato per pedalare.

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.