La playlist Natural

Ci sono certe canzoni che ti fanno sentire nel tuo elemento e ti riconnettono con quella prima volta in cui le ascoltasti. E ti senti naturale.

Questa è una playlist un po’ particolare. La potrei descrivere da più punti di vista. Il più semplice è questo: è fatta di canzoni in qualche modo legate fra di loro, se non altro perché mi piacciono moltissimo. Detta così però è un po’ troppo personale e magari leggi e pensi “E chi se ne importa delle canzoni che ti piacciono”. Infatti.

Infatti un altro modo per descriverla è questo: hai presente quelle canzoni che qualsiasi cosa tu stia facendo quando le senti ti fermi e le ascolti e un po’ ti commuovi? Anzi: molto ti commuovi. Che poi non è neanche commozione: è un forte sentimento, un’emozione che provi e che viene da molto distante. È una memoria che si risveglia e che rivivi in maniera molto vivida, come se fosse reale.

Ci sono canzoni che hanno questo potere. Forse perché le hai ascoltate in un momento della tua vita in cui eri particolarmente sensibile, forse perché in quel preciso istante – quella prima volta – hanno saputo coincidere esattamente con quello che provavi.

Forse, come la prima traccia di questa playlist, ti hanno fatto sentire “Natural”. Aretha si sentiva una “donna naturale”, cioè nel suo elemento. Ecco, queste canzoni o certe altre canzoni (ognuno ha le sue) ti fanno sentire naturale, in pace con tutto.

LEGGI ANCHE:
La playlist che ti fa tornare il sorriso

Perché certe canzoni sono delle lettere d’amore che il passato ti scrive. Ti dicono solo “Ti ricordi com’eri? Ti ricordi cosa voleva dire ascoltarmi?”. E il problema è che lo fanno sempre con la stessa intensità.

E non è per niente un problema, a pensarci bene.

(Photo by Karl JK Hedin on Unsplash)

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.