La playlist di RunLovers x Aldo Rock

È il mito della motivazione di molti runner e soprattutto ascolta ottima musica: lui è Aldo Rock!

Tempo di lettura: 1 minuto

Per molti l’appuntamento del venerdì alle 11.30 a Deejay Chiama Italia è imperdibile: c’è lui, l’Uomo, Aldo Rock.

Strana e indefinibile figura di ex-discografico riscopertosi Uomo Roccia in una nuova fase della sua vita, Aldo Rock ha conosciuto i più importanti cantanti e le più famose band della storia della musica e con loro ha condiviso la vita e i concerti. Negli ultimi anni si è riscoperto invece dedito ad altro tipo di attività estreme, come la Race Across America, una massacrante gara in bici lunga 4800 km lungo tutti gli USA. E se pensi che anche il Tour De France ha un chilometraggio paragonabile (in verità più breve del 30%), ripensaci: la RAAM – come la chiamano gli amici – è una gara che non prevede soste. O meglio: sono autogestite, cioè quando uno non ce la fa più si ferma.

Pur sembrando un uomo pacato e riflessivo, Aldo Rock è un uomo che vive in una sorta di eccesso controllato: prima era quello della musica, ora quello delle attività più estreme, anche se ultimamente si è un po’ calmato. Dopo aver collezionato anche svariate maratone e Iron Man, ovviamente.

La sua vera e incrollabile passione resta però quella della musica, con una particolare attenzione per il rock (come potrebbe essere altrimenti?) e per il country.

Sullo stesso argomento:
RunLovers: la playlist Dance!

Ogni venerdì c’è un doppio appuntamento su Radio Deejay: quello con l’ottima musica che Aldo “costringe” a far suonare a Linus e quello con le sue massime motivazionali.
Quella che preferiamo? “Esci dalla tua grotta mentale” e “La vita non premia il più forte ma il più tenace”.

Perché l’invito di Aldo Rock è uno solo: segui sempre i tuoi sogni e non darti mai per vinto, uomo!

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.