La playlist delle glorie del rock

Erano tempi in cui non sapevamo cosa aveva mangiato per colazioe la nostra star preferita grazie a un suo post su Instagram. Erano i tempi della Fondazione del Rock&Roll!

Articoli correlati

RunLovers Back to 2000

Nel 2000 avevamo 20 anni di meno e qualcuno di voi non era ancora nato. Nel 2000 la musica non era poi tanto diversa da oggi. Nel 2000 ascoltavamo questa musica

La playlist della primestate

Quest'anno la primavera è stata un po' strana, quindi abbiamo pensato di festeggiarla unendola all'estate. Con i più successi del momento!

La Playlist delle Nostre Serie TV preferite

Basta sentire qualche nota e ti si accende in testa una memoria: è quella delle serie TV che hai amato. Ecco quelle che preferiamo (e preferisci)

RunLovers The Lyrics: la playlist delle canzoni con i testi più belli

Il filo conduttore di questa playlist è la qualità dei testi delle sue tracce. Come già successo, l'abbiamo fatta assieme a voi, durante una live di questa lunga quarantena. Grazie ancora!
Martino Pietropoli
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

Tempo di lettura: 2 minutiVi furono anni in cui le rockstar erano bizzarre creature ammantate di un’aura mistica. Irraggiungibili e ultraterrene. Erano gli Anni della Fondazione: quella del Rock&Roll!
Di loro non sapevi niente, se non che giravano in Rolls Royce e che si vestivano di pelle. Forse dormivano con le loro chitarre, forse non dormivano nemmeno. La distanza fra noi comuni mortali e le Glorie del Rock era immensa.

Oggi, grazie o a causa dei social, sappiamo cosa ha mangiato a colazione e come si è vestita questa o quella star. Sembrerò un vecchiaccio ma lasciamelo dire: era meglio prima. Se uno deve essere il tuo mito è meglio non immaginare neanche lontanamente quale sia la sua vita reale. La mia parte razionale mi dice che i Kiss non girano truccati tutto il giorno, ma la mia parte infantile o irrazionale ci crede. Ci *vuole* credere. Uno è Kiss a ogni ora del giorno, anche quando dorme. Trucco compreso.

Quindi è giunta l’ora di celebrare i tempi mitici del rock. Quando gli Who cantavano “Who are you?” e lo chiedevano proprio a te. O quando Jimi Hendrix riscriveva l’inno americano in un pomeriggio a Woodstock. Quando gli Steppenwolf cantavano la sigla di Aldo Rock (sì, gliela dedicarono, è chiaro, non contraddirmi!). Quando i Led Zeppelin scrivevano la più bella e malinconica ballata rock con Stairway to Heaven, che se non l’ascolti almeno una volta ogni 2/3 mesi, lasciatelo dire, sei una persona bruttissima.

Riascoltando queste e molte altre tracce ti accorgi di una cosa: il rock non è cambiato poi molto. Oppure, vista da un altro punto di vista, negli anni ’70 questi personaggi avevano già capito e detto tutto. E mi sembra un’ottima occasione per dirgli grazie: per le emozioni che ci avete donato, anche facendoci credere di essere creature ultraterrene e bizzarre. Per averci fatto sognare di essere quello che non saremmo mai potuti essere. E per averci donato tantissima, straordinaria musica. Grazie.

Altri articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

News più recenti

Tutti i benefici della corsa

Dieci ottimi motivi per cui correre è la scelta più giusta che potevi fare

Cosa c’è per cena? Il banana bread

Inizia una nuova rubrica che parla di cibo non solamente dal punto di vista nutritivo ma anche come appagamento dopo un allenamento, e risponde alla domanda "cosa c'è per cena?"

Corri con un pacer virtuale

Ghost Pacer è un prodotto che sfrutta degli occhiali a realtà aumentata per farti correre con un pacer virtuale

Corriamo per andare più lentamente

Sembra un paradosso ma lo è fino a un certo punto: quando corriamo andiamo più veloci ma in realtà vogliamo rallentare per riappropriarci del nostro tempo.

Io, Charlene e lo specchio di Biancaneve

Questo duemilaventi, podisticamente parlando, non è stato di sicuro ricco di cose da ricordare, almeno per quel che mi riguarda. La situazione mondiale e...

Correre in sicurezza

Sono poche regole e servono a correre sempre in sicurezza. Per evitare spiacevoli inconvenienti

La mezza di Monza si correrà, davvero

Dopo mesi di cancellazioni, la Ganten Monza21 Half Marathon si farà. Le iscrizioni sono aperte

Scelti dalla redazione

Ti scrivo su Telegram

Nasce il canale ufficiale Runlovers su Telegram. Lì ti avviseremo in tempo reale sull’uscita di nuovi post, news, appuntamenti e approfondimenti.

Aumentare la velocità nella corsa

Correre più veloce è insito nell'uomo. Se una volta lo facevamo per cacciare, ora è puro spirito di miglioramento. Ecco i metodi per aumentare la velocità.

Correre in gravidanza: rischi e benefici da conoscere

Attenzione: questo articolo vuole solamente fornirti delle indicazioni generali per introdurre un argomento su cui riceviamo molte domande. Poiché siamo tutte diverse, il consiglio...