La colazione dolce del Runner

Qualche settimana fa abbiamo fatto una colazione salata vegetariana tra le più facili e gustose da preparare –l’avocado all’occhio di bue-  mentre oggi ne proviamo una dolce. Se il porridge ti ha stancato in tutte le sue versioni, non hai voglia di cereali, farro-miglio-orzo soffiato è il momento di tornare bimbi, sì. Latte e biscotti. Latte e piccola brioche.

Comfort food per eccellenza e tesoro nel cuore

Con la vastissima scelta in commercio di “latte” vegetale e biscotti con sempre meno ingredienti si fa presto a esaudire qualsiasi desiderio ed esigenza;  se hai voglia di dedicarti tu stesso alla realizzazione di piccoli scrigni di bontà basta davvero pochissimo tempo. Sarà banale ribadirlo ma i dolcetti fatti in casa hanno davvero un altro sapore. Ti riportano da nonna, mamma e quelle colazioni speciali difficili da dimenticare. Si tende sempre a pensare che biscotti, torte, ciambelle e manicaretti vari possano essere realizzati solo da persone che hanno tanto tempo a disposizione. Ti garantisco che non c’è niente di più sbagliato. Si tratta sempre di volontà.

E la volontà quando si parla di cibo e salute se non arriva devi necessariamente andarla a cercare. Dentro di te, c’è.

La Ricetta

  • 45 grammi di zucchero di canna
  • 120 grammi di burro a temperatura ambiente
  • la scorza di un limone biologico grattugiato 
  • 310 grammi di farina 00
  • 60 grammi di zucchero 
  • 50 grammi di farina di nocciole
  • un tuorlo di un uovo grande
  • 40 grammi di zenzero fresco 

La farina di nocciole puoi ricavarla chiaramente tritato delle buone nocciole. Inizialmente pela lo zenzero, taglialo a pezzi e mettilo dentro un mixer con la farina di nocciole e lo zucchero di canna. Metti questo composto n un recipiente e aggiungi poi il burro a temperatura ambiente. Aggiungi la scorza di limone grattugiata e poi lo zucchero. Amalgama per bene tutti gli ingredienti. Aggiungi poi il tuorlo e pian pianino la farina. Impasta a mano il tutto e ottieni un panetto bello compatto. Avvolgilo dentro la pellicola e lascia riposare in frigo almeno un’ora. Una volta che è trascorso il tempo metti il panetto su una spianatoia e spolverizza con la farina. Stendi con un matterello infarinato e poi ricava la forme che preferisci. Per far sì che la forma resti, dopo aver dato una forma, lascia raffreddare i biscotti -già sistemati in teglia con carta forno- per almeno 30 minuti in frigo. Poi cuoci a 180 per 30 minuti finché sono dorati. 

Sono perfetti per essere inzuppati e anche messi in sacchetti richiudibili da portare in ufficio o in giro quando si ha quell’irrefrenabile languorino. Per una versione golosa poi la colata di cioccolato fondente sopra è perfetta.

LEGGI ANCHE:
Le insalate per il Runner da portare in ufficio

 

Biscotti con Avena

PER 20 COOKIES MEDI

  • 240 grammi di zucchero di canna grezzo
  • 280 grammi di burro morbido a temperatura ambiente
  • 3 uova di media grandezza
  • 360 grammi di farina bianca 00
  • 200 grammi di avena (vengono buonissimi anche con il muesli)
  • 300 grammi di cioccolato fondente tagliato finemente
  • 150 grammi di mirtilli rossi (cranberry o frutta disidratata)
  • 150 grammi di fichi secchi tagliati piccolissimi
  • 10 grammi di bicarbonato
  • un pizzico di sale

Mescolare tutto insieme e poi a 180 per 20-25 minuti finché dorati. Dipende chiaramente dallo spessore e grandezza.

 

I Biscotti vegan all’uvetta

Per 10 biscotti grandi:

  • 50 ml di olio di semi di girasole
  • 70 grammi di zucchero di canna
  • 60 grammi di purea di mela non dolcificata
  • 55 grammi di zucchero di canna integrale
  • 1 cucchiaio di semi di lino macinati
  • 1 cucchiaino di estratto puro di vaniglia
  • 60 grammi di farina 00
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 150 grammi di fiocchi di avena
  • 110 grammi di uva passa (o mirtilli-frutta disidratata)

Sono biscottoni giganti. Rivesti due teglie grandi con carta da forno. Mescola in un recipiente capiente l’olio e i due tipi di zucchero, la purea di mele e i semi di lino macinati. Lavora circa un minuto finché non sarà omogeneo e poi unisci la vaniglia. Setaccia nella ciotola la farina con il bicarbonato, la cannella e il sale e mescola. Aggiungi l’avena e l’uva passa e lavora il composto con le mani fino a formare un impasto. Distribuisci sulla teglia le palline (un cucchiaio abbondante circa per biscotto) e appiattiscile con la mano. Dato che utilizzi 2 teglie, cinque per ognuna saranno perfette. Cuoci per 12 o massimo 14 e poi trasferisci su griglia per lasciare raffreddare.

LEGGI ANCHE:
Frutta essiccata? Ecco le 5 che non devono mai mancare!

 

I biscotti proprio no

E se non hai voglia di croccantezza ma morbidezza allora è il momento di impastare una piccola nuvola. Oggi ti propongo questi panettoncini al cocco senza glutine. Di rara bontà e sofficità. Bastano pochissimi minuti per realizzarli e anche per farli fuori in men che non si dica.

Ingredienti per otto panettoncini circa – indicativamente otto persone (inutile dire che dipende dalla grandezza, suvvia): 150 grammi di zucchero semolato o integrale di canna, 120 grammi di burro a temperatura ambiente, 4 uova, 2 cucchiaini abbondanti di bicarbonato, 90 grammi di farina senza glutine o mix di farine senza glutine e 90 grammi di farina di cocco (il cocco in scaglie per intenderci ma tritato finemente). Qualora si volesse fare una torta intera occorrerà una teglia di 24 centimetri circa.

Riscalda il forno a 180 gradi. In un robot da cucina raccogli tutti gli ingredienti ricordandoti prima di setacciare la farina e poi versa il composto in una teglia imburrata se non usi il silicone o altrimenti nelle formine da muffin o panettoncini o in qualsiasi forma tu abbia scelto di realizzare questi tortini morbidissimi. Cuoci in forno per 40-45 minuti controllando con uno stecchino quando il tempo sta per scadere. Quando esce asciutto tira fuori e lascia raffreddare.

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

2 COMMENTI

  1. Siamo sucuri che ka rucetta dei panettoncini sua giusta?
    Ho seguito la ricetta passo passo, molto belli da vedere ma assolutamente immangiabili, dopo il primo morso ho rovesciato tutto nel secchio della spazzatura boccone compreso. Prova a rifarli ed ad assagguarli… credo che 2 cucchiai abbondanti di bicarbonato sia la parte sbagliata della ricetta, forse un po troppo… ed è forse quello che ti dava quel sapore amaro di ammoniaca…

    • Buongiorno Gio,
      perdonami hai ragione. È stato un errore di battitura perché dovevano essere due cucchiaini. Mi dispiace tantissimo che tu li abbia dovuti buttar via e ti ringrazio al tempo stesso per averlo segnalato.
      Che disdetta! Scusa ancora.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.