Hai mal di testa prima o dopo lo sport? Ecco le possibili cause

Tempo di lettura: 4 minuti

Ti è mai capitato di avere mal di testa dopo lo sport? Oppure di iniziare ad allenarti con l’emicrania e sperare che l’attività fisica ti aiuti a far passare il dolore? Se è così, tranquillo, sei in ottima compagnia: avere mal di testa prima o dopo lo sport è molto comune: vediamone quindi le cause e i possibili rimedi.

Mal di testa prima dello sport: cosa fare?

Se soffri di mal di testa cronici probabilmente non vorrai nemmeno sentire parlare di sport, ma dovresti ricrederti. Diverse ricerche, infatti, dimostrano che praticare una moderata attività fisica può aiutare a combattere la cefalea, ma anche prevenirla.

Ovviamente, bisogna scegliere con attenzione lo sport da praticare: sono assolutamente da evitare quelli più pesanti, come la boxe, il sollevamento pesi e le competizioni agonistiche in generale. Perfetta invece la corsa, che costituisce un ottimo alleato contro il mal di testa, specie se causato da stress e ansia. Una corsa leggera (con un ritmo cardiaco di 100 battiti al minuto per 10 o 15 minuti a sessione) aiuta ad allentare lo stress e la tensione muscolare, rilasciando immediatamente endorfine nel nostro corpo: un vero e proprio antidolorifico naturale!

L’intensità della corsa con il mal di testa dipenderà anche dal tuo livello di allenamento: è possibile tranquillamente alternare il jogging ad una camminata veloce, altrettanto utile nel combattere l’emicrania. Non strafare, altrimenti otterrai il risultato opposto!

Sullo stesso argomento:
Correre in gravidanza: rischi e benefici da conoscere

Un ottimo sport per prevenire il mal di testa, specie se causato da una postura scorretta o da problemi al collo, è il nuoto. Una bella nuotata per tre volte a settimana rende più forti i muscoli dorsali e cervicali e contribuisce ad evitare l’insorgere di cefalee di tipo muscolo- tensivo. Inoltre, il nuoto è un’attività rilassante, che contribuisce alla meditazione e allevia lo stress.

Anche andare in bicicletta è un toccasana contro il mal di testa: si tratta di un’attività a basso impatto per il corpo, perché mantiene il ritmo cardiaco a un livello accettabile e può essere praticata da tutti.

mal di testa allenamento

Ma perché lo sport allevia il mal di testa? La spiegazione è fisiologica: l’attività fisica accresce l’apporto di ossigeno e migliora la respirazione e la circolazione sanguigna. Inoltre, riduce la vasodilatazione dei vasi sanguigni cerebrali, che spesso è proprio una delle cause principali della cefalea.

Una delle tipologie più diffuse di mal di testa è quella che deriva da una tensione eccessiva dei muscoli pericranici: ad esempio, è il caso del mal di testa “da cervicale”, nel quale i muscoli irrigiditi del collo e delle spalle determinano una riduzione del flusso sanguigno e di ossigeno alla testa. L’allenamento, invece, stimola il rilassamento e aumenta l’elasticità dei muscoli: come dicevamo prima, un vero e proprio antidolorifico naturale!

Sullo stesso argomento:
Running e ciclismo: ecco come combinare due sport

Mal di testa dopo lo sport: le cause

Avere mal di testa dopo lo sport è più comune di quanto credi. Le cause possono essere diverse e non sempre sono direttamente collegate all’attività sportiva.

Ad esempio, è fondamentale assumere carboidrati complessi un paio d’ore prima di iniziare ad allenarsi, riscaldare correttamente i muscoli ed idratarsi. In particolare, bere prima e dopo l’allenamento è fondamentale se ti alleni ad alte altitudini o temperature.

Inoltre, se hai iniziato da poco un regime dietetico, non esagerare con l’attività sportiva: in questi casi, infatti, il mal di testa potrebbe essere scatenato come meccanismo di difesa del nostro corpo.

Dopo l’allenamento, specie se intenso, è possibile essere colpiti dalla cosiddetta cefalea da sforzo o, più scientificamente, da cefalea vasomotoria da sforzo. Questo tipo di mal di testa interessa circa il 30% della popolazione e colpisce soprattutto le donne. La causa di questo  mal di testa non sono ancora note, ma probabilmente il dilatamento dei vasi sanguigni all’interno del cranio è un fattore scatenante. Si tratta di un dolore pulsante, che interessa sempre entrambi i lati della testa, e insorge dopo esercizi fisici intensi, come sport di lunga durata (canottaggio, tennis, ma anche corsa o ciclismo), ma anche nel bodybuilding.

Se invece il mal di testa dopo lo sport è causato da una rigidità muscolare a livello cervicale, si può prevenire l’insorgere della cefalea con un buon riscaldamento prima dell’allenamento, in modo da sciogliere le tensioni a carico di questi muscoli.

Sullo stesso argomento:
La creatina serve nella corsa?

mal di testa corsa

Se ti alleni in ambienti caldi e umidi, oppure ad alta quota, sei maggiormente predisposto a soffrire di mal di testa dopo l’attività sportiva. In tal caso, cerca di allenarti in condizioni più adatte per te, magari anche sul tapis roulant in palestra in caso di temperature particolarmente alte.

Infine, ricorda di idratarti costantemente prima e durante l’allenamento, anche se non avverti lo stimolo della sete: la disidratazione è una delle cause principali del mal di testa dopo lo sport. La carenza di liquidi, infatti, provoca una sorta di “restringimento” del cervello, che può arrivare al punto di ritirarsi rispetto alla calotta cranica, provocando un mal di testa molto persistente, insieme ad altri sintomi come battito cardiaco accelerato e secchezza delle fauci.

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.