Gli accessori per il triatleta

1. Introduzione e dispositivi Garmin
2. Accessori per il nuoto
3. Accessori per il ciclismo
4. Accessori per la corsa e per la gara


Accessori per il nuoto

Il costume ma non basta. Perché un accessorio imprescindibile per il triatleta è la muta. Realizzata con in uno strato di neoprene non superiore ai 5mm, agevola il galleggiamento e permette di nuotare anche quando la temperatura dell’acqua è bassa. Può essere obbligatoria o facoltativa – in base alla temperatura – e solo in pochi casi è proibita, ossia quando l’acqua è al di sopra dei 20-22°C.

Le mute partono da circa 200 euro e possono arrivare anche a costare 4 volte tanto, in base alle tecnologie che utilizzano e alle diverse pannellature di neoprene di cui sono composte. Probabilmente, insieme alla bici, è una delle scelte più difficili da fare e conviene sempre provarla prima perché dev’essere comoda come una seconda pelle e metterti nelle condizioni ideali per affrontare le acque libere.

Il “costumone” in neoprene

Per abituarsi all’assetto della muta, esistono dei jammer in neoprene che simulano il galleggiamento della muta e permettono di abituarsi anche quando si nuota in piscina. Io generalmente uso i Roka SIM Pro ma ne esistono di moltissimi tipi. In particolare, HUUB ha fatto il Kickpant che aiuta chi, come me, non è bravissimo a nuotare e ha bisogno di trovare la giusta posizione per la gambata.

Sempre in casa HUUB, Alpha Buoyancy è un prodotto dall’ottimo rapporto qualità/prezzo.

L’uso del costume in neoprene sostiene le gambe in acqua e sostituisce l’utilizzo del pull-buoy.

Palette, pinne, tavoletta, pull

Per gli allenamenti specifici in piscina è utile avere questi quattro accessori: palette, pinne (corte), tavoletta e pull-buoy. Io uso gli accessori FINIS perché ce ne sono di diversi tipi e, essendo scarso in acqua, uso diverse tipologie di paletta per migliorare la tecnica (con risultati opinabili, ma ci provo).

Occhialini

Gli occhialini sono tra gli accessori più importanti per un triatleta. È indispensabile prestare molta cura a quattro aspetti: comfort, tenuta, anti-appannamento, filtro della luce solare. Ne esistono di tre tipi: svedesi, classici, mascherina.

Gli occhialini svedesi hanno le lenti senza cornice in gomma e sono facilmente personalizzabili nel nasello e nella calzata. Sono i preferiti dai nuotatori più esperti. In questa categoria puoi dare un’occhiata ai Malmsten. Sono gli originali ma, al bisogno, puoi trovarne di molte altre marche.

Gli occhialini classici sono i più comuni e ne esistono di diversi tipi e forme. Hanno il nasello fisso e le lenti hanno la cornice in silicone per aderire perfettamente al volto. Io utilizzo questo tipo e, in particolare, uso gli Zoggs Predator Flex Titanium Reactor che, oltre a essere molto comodi, hanno le lenti fotocromatiche. Ossia, sono trasparenti quando ci si allena indoor e diventano più scure in acque libere in modo che il riflesso del sole sull’acqua non dia fastidio.

Gli occhiali a mascherina hanno un’unica lente e la cornice in silicone, come nelle maschere da sub. Hanno una superficie visiva più ampia e sono molto comodi. In questa categoria, uno dei prodotti che mi piace di più sono gli Speedo Biofuse Rift (disponibile sia con lenti trasparenti che scure)

Boa di segnalazione

L’ultimo accessorio per il nuoto molto utile è la boa di segnalazione per quando ci avventuriamo in acque libere. Leggera e gonfiabile, ci permette di essere sempre visibili mentre nuotiamo e – grazie a una tasca impermeabile – ci permette di portare il telefono per ogni necessità.

Andiamo ora alla prossima pagina per vedere gli accessori per il ciclismo.

Altri articoli come questo

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.