Ginocchiere da corsa? Ecco come e quali scegliere

Tempo di lettura: 4 minuti

Dolori a livello articolare: alzi la mano il runner che non ne ha mai provato uno. Purtroppo si tratta di una conseguenza inevitabile di ogni sport praticato con costanza. E il ginocchio in particolare è una delle articolazioni più sollecitate durante le attività sportive: è perciò fondamentale proteggerlo con una buona ginocchiera, che esercitando una compressione sull’articolazione aiuta a preservarla al meglio.

Prima di approfondire il discorso sulle ginocchiere per la corsa, però facciamo un passo indietro e parliamo di postura. Se quando corri le tue ginocchia iniziano a scricchiolare, infatti, non vuol dire che il tuo futuro da runner sia finito! Probabilmente devi porre maggiore attenzione alla tua postura e in particolare alla posizione del busto, che influenza molto il lavoro a cui sono sottoposti gli arti inferiori.

Inclinare il busto in avanti e appoggiare correttamente il piede durante la corsa è un ottimo modo per ridurre il carico che grava sulle ginocchia. A questo punto tu obietterai che fare attenzione a queste cose mentre si corre non è affatto semplice, e hai perfettamente ragione! Ma una soluzione c’è: accorcia la falcata aumentando la frequenza dei passi. In tal modo sarà più naturale piegare il busto in avanti, senza inutili e potenzialmente dannose forzature.

Torniamo ora alle ginocchiere per la corsa, che oltre alla corretta postura rappresentano un valido alleato per prevenire danni alle articolazioni.

Sullo stesso argomento:
Come scegliere i pantaloni da running perfetti per te

Come scegliere le ginocchiere da corsa più adatte a noi? Ottima domanda, e come sempre la risposta inizia così: dipende dalla tue necessità!

In generale, le ginocchiere servono a:

  • Comprimere il ginocchio, per aiutare muscoli e tendini a rilassarsi
  • Prevenire infortuni
  • Bilanciare il carico su zone sensibili dell’articolazione
  • Mantenere stabile il ginocchio in caso di infortunio
  • Impedire sforzi eccessivi, bruschi e involontari
  • Alleviare il dolore
  • Mantenere una temperatura ideale per velocizzare la guarigione

Esistono tre tipologie di ginocchiere, tra le quali scegliere in base al grado di compressione necessaria e alle tue esigenze:

  • Ginocchiere preventive
  • Ginocchiere morbide
  • Ginocchiere rigide

Vediamole tutte!

Ginocchiere da corsa preventive: come funzionano e a cosa servono

Questo tipo di ginocchiera è ideale se stai riprendendo un’attività sportiva che avevi sospeso per qualche tempo. La ginocchiera preventiva, infatti, esercita una compressione sul ginocchio volta a sostenere correttamente l’articolazione. Grazie a questa compressione, il cervello sarà maggiormente stimolato e quindi più vigile in caso di sollecitazioni troppo intense all’articolazione.

Ginocchiere morbide per una maggiore stabilità

La ginocchiera morbida sostiene e accompagna il corretto movimento dell’articolazione grazie alla presenza di fasce elastiche di regolazione, barre morbide di rinforzo laterale o di un anello rotuleo in silicone. Garantisce maggiore stabilità durante la corsa ed è l’ideale se il ginocchio è indebolito.

Sullo stesso argomento:
L'abbigliamento da running non è tutto uguale

Ginocchiere rigide per il recupero post trauma

Hai subito un trauma e ora vuoi riprendere a correre? La ginocchiera più indicata è quella rigida, perché limita i movimenti eccessivi e “guida” l’articolazione in modo che esegua un solo movimento meccanico.

Scegliere le ginocchiere da corsa in base alla struttura

Oltre che per il livello di compressione, è possibile scegliere le ginocchiere migliori per le proprie esigenze anche in base alla loro struttura. Ecco le tipologie più diffuse per la corsa:

  • Tutori sportivi, pensati non solo per il running ma anche per sport come calcio, pallavolo, tennis o basket. Queste ginocchiere solo utili per proteggersi da eventuali infortuni a legamenti e articolazioni e sono realizzati soprattutto con una struttura semirigida in neoprene,un materiale caratterizzato da resistenza ed elasticità.
  • Fasce elastiche riscaldanti, da utilizzare in caso di piccoli dolori o fastidi, per stabilizzare la rotula, riscaldare i muscoli e comprimere la zona.
  • Se il tuo ginocchio si gonfia spesso, puoi utilizzare una ginocchiera con chiusura laterale a strappo, che si adatta perfettamente alla fisionomia del ginocchio.
  • In caso di instabilità e dolore all’articolazione, l’ideale sono i tutori con chiusura a cerniera, perché assicurano un grado elevato di stabilità al ginocchio.
  • I tutori termici, impiegati nella magnetoterapia per alleviare il dolore articolare e rendere più veloce la guarigione.
  • Le fasce in neoprene, che trattengono il calore prodotto dal corpo durante l’allenamento, favorendo la guarigione. Queste ginocchiere riscaldano il ginocchio e i muscoli: per aumentarne l’efficacia vanno indossate da sopra il ginocchio a sotto il polpaccio.
Sullo stesso argomento:
Abbigliamento da running estivo: ecco i must have da indossare

Ricorda che in ogni caso è indispensabile chiedere consiglio a uno specialista per essere sicuri di non fare scelte sbagliate che potrebbero rivelarsi deleterie!

Quali sono le caratteristiche fondamentali delle ginocchiere da corsa?

Le ginocchiere da corsa, ma anche i tutori, hanno un compito davvero delicato, perciò devono essere scelte con cura ed attenzione.

La struttura deve offrire sostegno e deve essere di un materiale funzionale. In particolare, il materiale utilizzato per la ginocchiera deve essere atossico, traspirante, anallergico,resistente, antibatterico, confortevole, antiodore e antiscivolo.

Ma non basta: è fondamentale anche scegliere la taglia giusta! Indossare una ginocchiera di una taglia sbagliata non solo è inutile, ma anche dannoso. Come capire qual è la tua taglia? Semplicissimo: misura la circonferenza del ginocchio a gamba tesa, posizionando il metro qualche centimetro sopra la rotula.

Come indossare la ginocchiera?

Qualsiasi tipo di ginocchiera tu abbia scelto, è importante indossarla stando seduto, in modo da non perdere l’equilibrio. Anche il verso è fondamentale: devi inserire il piede dall’estremità più larga del manicotto elastico e del tutore rigido, e posizionarlo alla giusta altezza (non deve darti fastidio mentre cammini!).

 

Bene, ora dovresti avere tutte le informazioni per scegliere la ginocchiera migliore per te: le tue ginocchia ti ringrazieranno!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.